relazione compravendita notaio tecnica integrata

Lo Studio Madera, vista la lunga esperienza nella stesura di Relazioni (Note) Tecniche Notarili di compravendita (o integrata) e nella verifica della corrispondenza urbanistica e catastale tra stato di fatto ed i progetti depositati relativi all’immobile, offre solide garanzie circa l'alta qualità e la celerità nel concludere tale pratica, obbligatoria in molte realtà, tra cui Firenze e Toscana.

Di seguito, una breve guida su cos'è la relazione tecnica di compravendita, quando è obbligatoria, le verifiche, le difformità, le soluzioni agli abusi, i costi e le informazioni circa il soggetto (acquirente o venditore), che dovrà pagare il Tecnico.

Che cos'è la Relazione tecnica di compravendità o Nota tecnica notarile integrata?

La Relazione Tecnica è uno strumento, redatto da un Ingegnere, Architetto o Geometra, attraverso il quale il venditore deve garantire, in sede di rogito o donazione, la conformità catastale ed urbanistica dell’immobile oggetto della compravendita.

Lo schema è' costituito dai seguenti paragrafi:

  1. Nominativi e dati della parte venditrice e della parte acquirente.

  2. Individuazione del bene (indirizzo, dati catastali)

  3. Descrizione del bene oggetto di compravendita

  4. Storia urbanistica e atti abilitativi

  5. Conformità urbanistica

  6. Conformità catastale

  7. Estremi del protocollo dell'Attestato di prestazione energetica

  8. Elenco dei Certificati degli impianti presenti (per la compravendita non è obbligatoria la Conformità degli impianti)

Quando è obbligatoria la Relazione tecnica di compravendita o la Verifica delle conformità ?

La relazione tecnica è obbligatoria in caso di compravendita  o donazione di un immobile (appartamento, villa, garage box, cantina, giardini, sottotetto) o di una porzione, o di specifici interventi edilizi (vedi approfondimento) per cui  è prevista l'asseverazione da parte di un tecnico. Inoltre, molti Istituti bancari la richiedono al fine di concedere un mutuo.

 Cosa occorre verificare?

La parte più rilevante della Relazione tecnica riguarda la Dichiarazione del professionista delle conformità. L'esperto dovrà confermare che lo stato dei luoghi ,in cui versa l'immobile, è conforme agli atti depositati presso il Comune e il catasto. Dovrà quindi verificare la:

  • Conformità urbanistica: occorre verificare e confrontare i/il titolo/i abilitativo/i autorizzativo/i (Licenza di costruire, Permesso di costruire, SCIA, CILA etc.) con cui è stato realizzato (o modificato) l'edificio con lo stato di fatto, in cui versa l'immobile.

Negli anni, si sono susseguiti diversi titoli abilitativi ed in particolare, la Licenza edilizia per gli edifici costruiti prima del 1977, la Concessione edilizia per gli edifici costruiti tra il 1977 ed il 2003, il Permesso di costruire per edifici costruiti dopo il 2003. Nell'eventualità, anche Concessione in sanatoria, se l'edificio è stato realizzato in maniera difforme o senza titolo abilitativo ed è stato accettata la richiesta di condono. Inoltre, per opere minori, si sono susseguite DIA, SCIA, CILA e CIL.

  • Regolarità Catastale: è la corrispondenza tra lo stato di fatto e la planimetria catastale. Il catasto è un ufficio statale, che ha una funzione prettamente fiscale. Da sottolineare che il catasto non è "probatorio" e non dimostra alcunchè rispetto alla regolarità urbanistica (vedi sopra) dell'immobile.

  • presenza dell'abitabilità: nonostante un orientamento assolutamente minoritario, che ha dedotto dalla mancanza di abitabilità la nullità del contratto, si deve ritenere che l'assenza di abitabilità non incida sulla commerciabilità, sebbene tale carenza debba essere oggetto di specifica regolamentazione fra le parti. Pertanto, in assenza di deroga contrattuale, è obbligo del venditore di trasferire il bene munito dell'agibilità o abitabilità.(approfondimenti abitabilità)
  • esistenza dell'Attestato di Prestazione Energetica APE: obbligatorio in caso di compravendita o donazione.

Quali potrebbero essere le difformità (abusi) e quali le soluzioni?

Esistono diversi tipi di difformità, che non permettono il rilascio della conformità:

  • Edificio completamente abusivo: quando non esiste alcun titolo abilitativo (l'immobile è stato realizzato senza nessun provvedimento amministrativo). In questo caso, un nuovo Condono edilizio o un Permesso di Costruire in Sanatoria possono sanare la situazione. 

  • Piccole modifiche interne: in questo caso è possibile sanare la situazione con una CILA in Sanatoria per lavori già eseguiti. Esempi: spostamento o demolizione di tramezzi, realizzazione di nuovi bagni, apertura o chiusura porta, realizzazione soppalchi etc.

Per quanto riguarda Firenze, esistono altri tipi di provvedimenti, che comportano il semplice deposito dello stato di fatto, in cui si trova l'immobile. Esiste, inoltre, una lista di "piccoli abusi", che non necessitano della sanatoria.

  • Modifiche esterne e aumento di volumetria: è possibile sanare con una SCIA o Permesso di Costruire in Sanatoria. Esempio: chiusura del balcone con una veranda, ampliamento edificio, opere strutturali, creazione balcone o terrazza etc. 

  • Diversa destinazione d'uso

Nella pratica, le difformità sono innumerevoli ed ogni fattispecie merita una valutazione ed una risoluzione specifica. Non tutte le difformità si possono sanare, quindi bisogna prestare la massima attenzione.
Ma, attenzione, è possibile trasferire regolarmente un immobile, che non ha la completa conformità urbanistica. Infatti, se l'immobile (costruito regolarmente) ha subito durante la sua storia dei piccoli interventi di modifica non autorizzati (che comportano la perdita della conformità urbanistica), la commerciabilità del bene è garantita, l'importante è segnalarli nella relazione.

Rischi e responsabilità. IMPORTANTE!!!!!

Questo è il paragrafo da leggere con maggiore attenzione.

La conformità urbanistica è dichiarata dal venditore, il quale può delegare un Tecnico. Il notaio non ha l'obbligo di verificare che questa dichiarazione sia veritiera. LA RESPONSABILITA' (CIVILE E PENALE, servizi sociali o galera) E' QUINDI DEL VENDITORE, per questo motivo è importante affidarsi a Tecnici con esperienza. L'abuso non si trasferisce con la compravendita, e resta in testa a colui che lo ha realizzato. Il venditore potrebbe trovarsi in situazioni davvero spiacevoli.

Naturalmente, anche l'acquirente, di fronte ad un appartamento difforme, deve scegliere se rifarsi, e quindi intraprendere una lunga e costosa (con rischio prescrizione) azione legale, o abbassare la testa e sanare di tasca propria gli abusi. Vorrei sottolineare che NON TUTTI GLI ABUSI SONO SANABILI. Questo porterebbe a multe salate e alla DEMOLIZIONE A PROPRIE SPESE del manufatto. In questo caso,  l'acquirente deve sanare l'abuso, per poi pretendere dal venditore la restituzione della somma spesa.

Il Tecnico rischia in quanto dichiara il falso (civile e penale), ma non è stato colui che ha realizzato l'abuso. La scelta dell'acquirente su quale figura rifarsi deve tenere in considerazione questo aspetto.

Per far comprendere quali sono i rischi, vorrei fare degli esempi, con nomi di fantasia, di mie esperienze passate:

Compravendita monolocale a destinazione abitazione di 22 mq a Firenze: nella precedente compravendita il tecnico "Rossi" asseverava la totale conformità dell'immobile del Sig. "Rossini", segnalando l'assenza di titoli abilitativi. Vende al Sig. "Verdi". Passati 5 anni, il Sig. Verdi mette sul mercato l'immobile  e firma un preliminare con il Sig. Bianchi. Dopo un nostro controllo, sono emersi ben 3 titoli, i quali indicano come reale destinazione d'uso ufficio. Il bene non è sanabile, vista la metratura e la presenza di una fossa biologica nel vano principale. Morale della storia, il Sig. Bianchi chiede indietro la caparra  al Sig. Verdi ed una sanzione di pari importo (20.000+20.000), il Sig. Verdi denuncia e chiede danni per 80.000 € al Sig. Rossini (immobile del valore di 120.000€). E' in corso un procedimento penale e civile per il tecnico "Rossi" ed il Sig. "Rossini".

Compravendita appartamento, soppalcato, ristrutturato di recente, a Empoli: durante la compravendita il tecnico "Giallo" asseverava la totale conformità dell'immobile del Sig. "Giallini". Vende al Sig. "Arancione". Il Sig. Arancione, facoltoso imprenditore, decide di ammobiliare l'appartamento con mobili di lusso e su misura. Dopo 1 anno imbianca il salone e le camere. I muratori del Sig. Arancione, poco attenti, sporcano l'androne del condominio. Il vicino del Sig. Arancione chiama i vigili, i quali, a seguito dei controlli, segnalano gli abusi e impongono un termine categorico di messa a norma di un mese. Veniamo incaricati per sanare la situazione. Il soppalco non è sanabile (quota di 2,2 m) e alcuni ambienti devono essere modificati. La richiesta danni supera il valore della casa. E' in corso un procedimento penale e civile per il tecnico "Giallo" ed il Sig. "giallini".

Il mio intento non è quello di spaventarvi, la maggior parte delle volte tutto è in regola, ma vorrei che non sottovalutaste questo aspetto della compravendita. Non state acquistando/vendendo un gelato, ma un oggetto che per la maggior parte di noi è l'investimento di una vita.

IN PASSATO, HO INCONTRATO TECNICI NEGLIGENTI E SENZA ALCUNA CONOSCENZA IN MATERIA. NON AFFIDATEVI A MANI INESPERTE. 

Noi dello studio consigliamo di verificarne la regolarità, prima di mettere in vendità il bene, nel caso l'immobile dovesse avere dei vizi. 

Edifici realizzati prima del 1967 (ante 67)

Se l'immobile è stato realizzato prima del 1/09/67, è possibile evitare la menzione del titolo abilitativo con un'apposita Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. La responsabilità di questa importante dichiarazione riportata nel rogito è del proprietario.

Questa semplificazione (introdotta con la Legge 47/85), permette la commerciabilità di un immobile realizzato prima del 1/09/67, ma non ne dimostra la Conformità urbanistica. Occorre, però, dichiarare che l'immobile è stato realizzato precedentemente a tale data e che successivamente non sono state realizzate opere, che avrebbero potuto incidere sulla conformità dell'appartamento.

Venditore o acquirente, chi deve pagare la Relazione tecnica di compravendita?

Ogni città ha le sue consuetudini. A Firenze ed Empoli è il venditore ad incaricare il Tecnico, mentre a Pisa o Prato è l'acquirente a farsi carico della spesa (visto l'investimento economico, evitare fregature non dovrebbe essere considerata una spesa, da entrambe le parti!!!!). Comunque, nulla vieta accordi privati tra le parti.

Qual è il costo / prezzo per una Relazione tecnica di compravendita? 

La parcella di un Tecnico per una relazione tecnica varia in base a molti aspetti: luogo, complessità, tipologia di immobile, tempi di consegna, distanza etc..

Diffidate da chi offre il servizio a prezzi stracciati, rischiereste di incappare in tecnici negligenti che potrebbero mettervi in guai molto grossi. I tecnici sono coperti da assicurazioni, mentre, colui che commette un abuso edilizio (reato penale), in caso di denuncia dell'acquirente, subirebbe un processo civile per risarcimento danni, ma specialmente un processo penale. Ci richieda un preventivo gratuito.

Potrà ottenere  un preventivo gratuito via mail  contattandoci via telefono al 347 277 85 86. La sede dello studio è a Firenze e Siena, ma operiamo anche su Prato, Pistoia, Arezzo, Bologna, Pisa e Lucca.

 

Tags: Bagno a Ripoli, Barberino di Mugello, Barberino Val d'Elsa, Borgo San Lorenzo, Calenzano, Campi Bisenzio, carraia e Limite, Castelfiorentino, Cerreto Guidi, Certaldo, Dicomano, Empoli, Fiesole, Figline Valdarno, Firenze, Firenzuola, Fucecchio, Gambassi Terme, Greve in Chianti, Impruneta, Incisa in Val d'Arno, Lastra a Signa, Londa, Marradi, Montaione, Montelupo Fiorentino, Montespertoli, Palazzuolo sul Senio, Pelago, Pontassieve, Reggello, Rignano sull'Arno, Rufina, San Casciano in Val di Pesa, San Godenzo, San Piero a Sieve, Scandicci, Scarperia, Sesto Fiorentino, Signa, Tavarnelle Val di Pesa, Vaglia, Vicchio, Vinci, Siena, Abbadia San Salvatore, Asciano,  Buonconvento,  Casole d’Elsa, Castellina in Chianti,  Castelnuovo Berardenga,  Castiglione d’Orcia,  Cetona, Chianciano Terme, Chiusdino, Chiusi,  Colle Val d’Elsa,  Gaiole in Chianti,  Montalcino,  Montepulciano,  Monteriggioni,  Monteroni d’Arbia, Monticiano, Murlo, Piancastagnaio,  Pienza,  Poggibonsi,  Radda in Chianti,  Radicofani,  Radicondoli,  RapolanoTerme,  San Casciano dei Bagni,  San Gimignano,  San Quirico d’Orcia, Sarteano,  Sinalunga,  Sovicille,  Torrita di Siena e Trequanda, Anghiari, Badia Tedalda,  Bibbiena, Bucine,  Capolona,  Caprese Michelangelo,  Castel Focognano,  Castel San Niccolò,  Castelfranco Piandiscò,  Castiglion Fibocchi, Castiglion Fiorentino,  Cavriglia,  Chitignano,  Chiusi della Verna,  Civitella in Val di Chiana,  Cortona,  Foiano della Chiana  Laterina, Loro Ciuffenna,  Lucignano,  Marciano della Chiana  Monte, San Savino,  Montemignaio,  Monterchi,  Montevarchi,  Ortignano Raggiolo, Pergine Valdarno,  Pieve Santo Stefano,  Poppi,  Pratovecchio, Stia,  San Giovanni Valdarno  Sansepolcro,  Sestino,  Subbiano,  Talla, Terranuova Bracciolini, Abetone Cutigliano Agliana Buggiano Chiesina Uzzanese Lamporecchio Larciano Marliana Massa e Cozzile Monsummano Terme Montale Montecatini-Terme Pescia Pieve a Nievole, Ponte Buggianese Quarrata Sambuca Pistoiese San Marcello Piteglio Serravalle Pistoiese Uzzano, Cantagallo , Carmignano ,  Montemurlo ,  Poggio a Caiano ,  Prato ,  Vaiano ,  Vernio etc.

Linee guida per la redazione della relazione tecnica

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o restando sul sito acconsenti all’uso dei cookie.