Di seguito una guida completa sul dimensionamento dell'impianto idrico (adduzione, scarico e smaltimento acque meteoriche) utile per i professionisti e per chi vuole imparare. Calcolo dell'impianto igienico sanitario comprensivo di acque bianche, scure, caldo e freddo. Buona lettura

dimensionamento impianto igienico sanitarioImpianto di adduzione dell’acqua (rete di distribuzione)

Per la determinazione delle portate massime contemporanee, necessarie per il dimensionamento delle reti di distribuzione acqua fredda e calda, si è seguito il metodo di calcolo delle Unità di carico (UC) relativamente a utenze degli edifici adibiti ad abitazioni, raccomandato dall’Ente Nazionale Italiano di Unificazione delle Norme UNI 9182.

Dati di progetto 

Utenza: abitazione privata

Locali interessati: cucina, bagno A, bagno B + antibagno

Cucina: 1 lavello, 1 lavapiatti

Bagno A: 1 lavabo, 1 vaso a cassetta

Bagno B: 2 lavabi, 1 bidet, 1 vasca, 1 vaso a cassetta, 1 lavabiancheria.

L’acqua, proveniente dalla centrale idrica, è stata immessa in una colonna da cui partono due diramazioni che servono i seguenti servizi:

diramazione 1: cucina, bagno A

diramazione 2: bagno B + antibagno

I parametri presi in considerazione risultano i seguenti:

UC per utente di abitazioni private (apparecchi singoli)

per utente di abitazioni private (apparecchi singoli)

 

Apparecchi

Acqua fredda

Acqua calda

Tot. acqua calda +acqua fredda

 

 

 
     
         

Lavabo

0,75 UC

0,75 UC

1 UC

 
         

Bidet

0,75 UC

0,75 UC

1 UC

 
         

Vaso a cassetta

3 UC

---

3 UC

 
         

Vasca

1,50 UC

1,50 UC

2.00 UC

 
         

Lavabiancheria

2,00 UC

---

2.00 UC

 
         

Lavello di cucina

1,50 UC

1,50 UC

2.00 UC

 
         

Lavapiatti

2,00 UC

---

2.00 UC

 


Dalla tabella della portata massima contemporanea possiamo ricavare in base alle unità di carico la portata (l/s) di ogni tratto considerato:

Portata massima contemporanea per abitazioni private in funzione delle unità di carico

 

Unità di carico UC

Portata in l/s

   

6

0,30

   

8

0,40

   

10

0,50

   

12

0,60

   

14

0,68

   

16

0,78

   

18

0,85

   

20

0,93

   

25

1,13

   

30

1,30

   

35

1,46

   

 

Portate singole apparecchiature

Apparecchi

Portata in l/s

   

Lavabo

0,10

   

Bidet

0,10

   

Vaso a cassetta

0,10

   

Vasca

0,20

   

Doccia

0,15

   

Lavabiancheria

0,10

   

Lavello di cucina

0,20

   

Lavapiatti

0,10

   

In base alla portata trovata per ogni tratto di tubazione possiamo determinare il diametro delle tubature dal *diagramma usando, tra i metodi proposti, quello a velocità costante dove la velocità v dell’acqua deve essere minore di 2 m/s.

La scelta è ricaduta su 1,5 m/s.

 


Per ogni tratto di tubazione è necessario stabilire la portata d’acqua da assegnare calcolando le UC che ogni tratto alimenterà con il procedimento di sommatoria dei valori parziali.

Bagno A

Unità di carico UC

   
         

Apparecchi

Acqua

Acqua

Acqua calda +

 

fredda

calda

acqua fredda

 
 
         

Lavabo

0,75

0,75

1

 
         

Vaso con cassetta

3,00

---

3,00

 
         

Totale

3,75 UC

0,75 UC

4 UC

 
         

Cucina

Unità di carico UC

     
           

Apparecchi

Acqua

Acqua

Acqua calda +

 

fredda

calda

Acqua fredda

 
 
           

Lavello

1,50

1,50

2,00

 
           

Lavapiatti

2,00

---

2,00

 
           

Totale

3,50 UC

1,50 UC

4 UC

 
           
           

Bagno B  +

Unità di carico UC

     

antibagno

     
         
           

Apparecchi

Acqua

Acqua

 

Acqua calda +

 

fredda

calda

 

Acqua fredda

 
   
           

Vasca

1,50

1,50

 

2,00

 
           

Lavabo1

0,75

0,75

 

1

 
           

Lavabo2

0,75

0,75

 

1

 
           

Bidet

0,75

0,75

 

1

 
           

Lavabiancheria

2,00

----

 

2,00

 
           

Vaso con cassetta

3,00

----

 

3,00

 
           

Totale

8,75 UC

3,75 UC

 

10 UC

 
           
   

91

     


Dimensionamento colonna

unità di carico totali = 4 + 4 + 10 = 18 UC

18 U.C. corrispondono ad una portata di circa 0,85 l/s. Con una velocità vmax = 1,5 m/s, alla colonna è stato perciò assegnato un diametro di 1” (27,70 mm).

Dimensionamento della diramazione 1 (cucina e bagno A)

Tubi acqua fredda

Bagno A

Unità di carico UC

Cucina

Unità di carico UC

       

Apparecchi

Acqua fredda

Apparecchi

Acqua fredda

       

Lavabo

0,75 UC

Lavello

1,50 UC

       

Vaso con cassetta

3,00 UC

Lavastoviglie

2,00 UC

       

Totale

3,75 UC

Totale

3,50 UC

       

Unità di carico tot. = 7,25 UC

7,25 UC corrispondono ad una portata di 0,36 l/s. Con una velocità vmax = 1,5 m/s, il diametro delle tubazioni di diramazione per l’acqua fredda è di 3/4’’ (21,95 mm).

Tubi acqua calda

Bagno A

Unità di carico UC

Cucina

Unità di carico UC

       

Apparecchi

Acqua calda

Apparecchi

Acqua calda

       

Lavabo

0,75

Lavello

1,50 UC

       

Vaso con cassetta

---

Lavastoviglie

---

       

Totale

0,75 UC

Totale

1,50 UC

     

Unità di carico tot. = 2,25 UC

2,25 UC corrispondono ad una portata di 0,30 l/s. Con una velocità vmax = 1,5 m/s, il diametro delle tubazioni di diramazione per l’acqua calda è 1/2’’ (16,45 mm).

 

Dimensionamento della diramazione 2 (bagno B + antibagno)

Tubi acqua fredda

Bagno B

Unità  di  carico

 

UC

   

Apparecchi

Acqua fredda

   

Vasca

1,50 UC

   

Lavabo 1

0,75 UC

   

Lavabo 2

0,75 UC

   

Bidet

0,75 UC

   

Vaso con cassetta

3,00 UC

   

Lavabiancheria

2,00 UC

   

Totale

8,75 UC

   

Unità di carico tot. = 8,75 UC

8,75 UC corrispondono ad una portata di 0,40 l/s. Con una velocità vmax = 1,5 m/s, il diametro delle tubazioni di diramazione per l’acqua fredda è 3/4’’ (21,95 mm).

Tubi acqua calda

Bagno B

Unità di carico UC

   

Apparecchi

Acqua calda

   

Vasca

1,50

   

Lavabo

0,75

   

Bidet

0,75

   

Vaso con cassetta

---

   

Totale

3,00 U.C.

   

Unità di carico = 3,00

3 UC corrispondono ad una portata di 0,30 l/s. Sempre con una velocità vmax = 1,5 m/s il diametro delle tubazioni di diramazione per acqua calda è 1/2’’ (12,25 mm)

Tubazioni di ricircolo

In presenza di un impianto per la produzione di acqua calda centralizzato sono necessarie delle tubazioni di ricircolo per evitare che l’acqua si raffreddi nelle tubazioni prima di essere erogata e per impedire fenomeni di stagnazione. Adottando il secondo metodo previsto dalle norme UNI, possiamo assegnare alle colonne montanti di ricircolo le portate in relazione alle colonne di mandata, con un diametro di ½”. 

Dimensionamento del sistema di scarico

Per il dimensionamento delle diramazioni di scarico, delle colonne verticali e della rete di ventilazione, è stato utilizzato il metodo delle unità di scarico (US) raccomandato dall’Ente Nazionale Italiano di Unificazione delle Norme UNI9183 riguardanti i criteri di progettazione di sistemi di scarico delle acque usate, che devono essere indipendenti da quelli di smaltimento delle acque meteoriche.

Il sistema di scarico è composto da diramazioni di scarico, colonne di scarico, collettori di scarico, colonne di ventilazione primaria, diramazioni di ventilazione secondaria.

Diramazioni di scarico

Per trovare il diametro delle diramazioni di scarico principali è necessario calcolare l’unità di scarico totale gravante su ogni diramazione e fare riferimento alla tabella che relaziona le US con il diametro in mm.

Apparecchi

Unità di scarico

   

Lavabo

1US

   

Bidet

2US

   

Vaso a cassetta

4US

   

Vasca

2US

   

Doccia

2US

   

Lavabiancheria

2US

   

Lavello di cucina

2US

   

Lavapiatti

2US

   

Piletta di scarico

1US

   

Massimo numero di unità di scarico US in relazione al diametro

 

Diametro esterno:

Carico

 

Totale

 

diramazione (mm)

(US)

 
 

40

3

 
     

50

6 •

 
     

65

12 ••

 
     

80

20 •••

 
     

100

160

 
     

125

360

 
     

150

620

 
     

200

1400

 

 

  • senza vaso; • senza vasi; ••• con non più di 2 vasi

 

dimensionamento diramazioni di scarico

Per trovare il diametro delle diramazioni di scarico principali è necessario trovare l’unità di scarico totale gravante su ogni diramazione e fare riferimento alla tabella che relaziona le US con il diametro in mm.

BAGNO A

Unità di

   

scarico US

TOTALE

 
 
       

Lavabo

1US

5 US

 
   

Vaso a cassetta

4US

   
       

CUCINA

     
       

Lavello di cucina

2US

4 US

 
   

Lavapiatti

2US

   
       

BAGNO B + antibagno

   
       

Lavabo

1US

   
       

Bidet

2US

   
       

Vaso a cassetta

4US

   
   

12 US

 

Vasca

2US

       

Lavabiancheria

2US

   
       

Lavabo

1US

   
       

Pendenza:1%

Per diramazioni a collettore, a questa pendenza, possiamo assumere 80 mm di diametro (quando si hanno non più di due vasi) anche se la tendenza europea è quella di non scendere mai sotto i 100 mm in presenza di vasi.

dimensionamento colonne di scarico

Per il dimensionamento della colonna è necessario tener conto delle unità di carico totali e dei seguenti assiomi:

  • le colonne devono essere della stessa sezione in tutta la loro lunghezza
  • le colonne in cui confluiscono vasi non possono avere un diametro minore di 100 mm.
  • In una colonna in cui confluiscono vasi non devono confluire più di tre vasi nello stesso piano attraverso una sola diramazione.

 


 

Colonna 1

BAGNO A

 

Unità di scarico US

   

Lavabo

 

1US

     

Vaso a cassetta

 

4US

     

CUCINA

 

Unità di scarico US

     

Lavello di cucina

 

2US

     

Lavapiatti

 

2US

     

TOTALE

 

9 US

Sulla colonna discendente si ha un totale di 9 US per le quali sarebbe sufficiente usare un diametro di 65 mm (Ф 65) ma ciò non è consentito per la presenza del vaso. Pertanto è stata utilizzata una tubazione di diametro 100 mm (Ф 100).

 

Colonna 2

Apparecchi

Unità di scarico US

   

Lavabo

1US

   

Bidet

2US

   

Vaso a cassetta

4US

   

Vasca

2US

   

Lavabiancheria

2US

   

Piletta di scarico

1US

 

TOTALE                                                     12US

 

Sulla colonna discendente si ha un totale di 12 US per le quali sarebbe sufficiente usare un diametro di 65 mm (Ф 65) ma ciò non è consentito per la presenza del vaso. Pertanto è stata utilizzata, anche qui, una tubazione di diametro 100 mm (Ф 100).

Smaltimento delle acque meteoriche

Nel nostro progetto è necessario prevedere il sistema di smaltimento delle acque meteoriche

soprattutto perché in presenza di una copertura piana. Il cortile interno è un’area verde, quindi possiamo trascurarla in quanto autodrenante.

Per la copertura va dimensionato il canale di gronda in base all’altezza di pioggia della nostra zona climatica (Roma) fornita dall’Annuario statistico meteorologico dell’ISTAT, in funzione della superficie da drenare e della pendenza del canale; vanno inoltre dimensionati i pluviali e i collettori orizzontali collegati alla fognatura pubblica sempre secondo l’altezza di pioggia.

S (mq)

H Pioggia

Pendenza

Diametro

Diametro

Diametro

Materiali

 

(mm/h)

gronda

pluviali

collettori

       

74

116

1%

125

65

65

ghisa

 

12,3

116

1%

75

50

50

ghisa

 

39,6

116

1%

100

50

50

ghisa

 
     

98

       

 

Guida sul dimensionamento dell'impianto idrico (adduzione, scarico e smaltimento acque meteoriche) - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o restando sul sito acconsenti all’uso dei cookie.