SCIA segnalazione certificata di inizio attività. Nella guida parlerò di che cos'è la SCIA, quali interventi edilizi sono soggetti alla pratica, dei costi, dei tempi e della SCIA tardiva e in sanatoria con le relative sanzioni. Il tutto aggiornato al 2019.

SCIA :Guida su opere soggette, costi, sanatorie e tempi

Se stai realizzando un intervento edile, ti sarà capitato di sentire questo acronimo "SCIA".  Con questa guida cercherò di far chiarezza su tutti gli aspetti legati a questo intervento. Leggendo con attenzione ogni paragrafo, non commetterai alcun errore. 

La SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) non è altro che una pratica edilizia introdotta dalla Legge 122 del 2010, che ha di fatto sostituito la Denuncia di Inizio Attività, DIA, dichiarazione ormai sorpassata.

La normativa di riferimento, che definisce la SCIA, il campo di applicazione e altri aspetti legati alla segnalazione è il Testo unico dell'edilizia T.U. DPR. 380/01.

Inizierei da subito con il segnalarti quando utilizzare questa pratica:

Quali sono gli interventi e le opere che richiedono la SCIA?

Secondo il T.U. sull'edilizia, è necessario l'uso della SCIA, su interni ed esterni, per gli interventi ricadenti in:

1 Restauro e risanamento conservativo.

2 Ristrutturazione edilizia leggera, cioè senza modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici.

3 Manutenzione straordinaria con interventi strutturali, con aumento delle unità immobiliari e con incremento dei parametri urbanistici.

Questi che ho elencato sono gli interventi così come definiti in edilizia. Potrebbero essere di difficile lettura. Cerchiamo di fare chiarezza e di semplificare!!!

Semplificando e cercando di generalizzare, la SCIA (segnalazione certificata di inizio attività), sostituisce la CILA, quando l'intervento riguarda opere che insistono su elementi strutturali (muri portanti, travi, pilastri, solai etc.),  per cui occorre il progetto redatto da un Ingegnere e depositato al Genio civile (ufficio dove vengono depositati i calcoli strutturali). Esempi tipici sono la cerchiatura di una porta o di una finestra su muro portante, la realizzazione di un solaio, il rifacimento del tetto, il consolidamento delle fondazionidei pilastri o delle travi  etc. La SCIA, inoltre, si utilizza per il cambio di destinazione d'uso.

Ma cerchiamo di fare un elenco. Tra gli interventi soggetti a SCIA abbiamo:

  • installazione di nuovi ascensori e montacarichi, con struttura portante interna o esterna all'edificio;

  • sostituzione di recinzioni, cancellate e muri di cinta esistenti in presenza di fondazioni e/o elementi portanti in C.A;

  • realizzazione di nuove scale interne e/o esterne, che non comportino aumento di superficie complessiva dell'edificio; 

  • realizzazione di nuovi balconi e terrazzi, che non comportino aumento di superficie complessiva dell'edificio;  

  • apertura di nuove porte,  finestre esterne e lucernari;

  • posa di canna fumaria esterna;

  • rifacimento del tetto; 

  • posa in opera di vespaio aerato;

  • rimozione amianto dalla copertura;

  • sostituzione e rifacimento solaio; 

  • demolizioni parziali o totali di edifici senza ricostruzione;

  • nuovo muro di contenimento del terreno (muro di sostegno);

  • perforazione di un pozzo artesiano;

Esistono delle opere che in apparenza potrebbero essere classificate come strutturali, ma che, in realtà, la normativa non ritiene tali: vedi approfondimento.

 IMPORTANTE!!!! Le Regioni o i Comuni con legge possono ampliare o ridurre l'ambito applicativo.

 

Per far ciò hai bisogno obbligatoriamente di un professionista capace: ingegnere, architetto, geometra o perito edile. Continuiamo con altri aspetti:

Fasi, durata e tempi della SCIA.

Per quanto riguarda i tempi della SCIA, dipende molto dalla stesura della pratica e dalla produzione dei disegni da parte del tecnico;

La maggior parte del tempo si perde a causa del Comune, in quanto, occorre richiedere una visura degli atti abilitativi per poter visionare eventuali concessioni edilizie, permessi di costruire, Scia, Cila che hanno interessato l'unità immobiliare in passato. Questo per poterli confrontare con lo stato effettivo dell'immobile al fine di riscontrare eventuali difformità (abusi). I tempi vanno dalle 2 settimane ai 2 mesi, a seconda del Comune.

Fatto ciò, la SCIA viene redatta ed inviata.

Alla sua presentazione non deve seguire un permesso o un'autorizzazione da parte del Comune, si tratta di una semplice comunicazione, con la quale si avvisa l'Amministrazione Comunale dell'inizio lavori. L'attività può iniziare con efficacia immediata.  Tuttavia, l'amministrazione ha a disposizione 60 giorni per verificare la regolarità della segnalazione (istruttoria) e, in caso di inadempienze, può provvedere all'interruzione dei lavori. In caso di false dichiarazioni si rischiano sanzioni penali!!!

Nel caso in cui sull'edificio insistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali, prima di dare inizio ai lavori occorre ottenere il nulla osta dagli organi preposti (Sovrintendenza o altro ente competente).

La Scia ha una durata di tre anni dalla presentazione e, se i lavori non sono ultimati, occorre presentarne una nuova.

Inoltre, per alcuni tipi di intervento, occorre depositare il certificato di abitabilità e/o l'aggiornamento catastale (bisogna aggiornare le planimetrie al Catasto oltre che in Comune e la visura così da comunicare all'Agenzia delle entrate la diversa rendita su cui calcolare le tasse).

Infine, nel caso di interventi sull'involucro esterno dell'edificio o sugli impianti occorre depositare la Relazione Energetica - ex Legge 10.

Se hai già realizzato un intervento, non contrario ai regolamenti o alle normative, senza comunicarlo al comune non preoccuparti!!! O meglio, "sanare l'abuso", senza aumento di volume, ti comporterà una piccola sanzione. Ma vediamolo in dettaglio:

Cos’è la Scia tardiva o in sanatoria? Quali sono le sanzioni per mancato deposito della SCIA?

Se non hai comunicato la pratica al Comune non finirai in galera. Nel caso in cui i lavori vengano iniziati prima di presentare la Scia, è possibile ricorrere alla cosiddetta "Scia tardiva". In sostanza, la pratica è uguale alla Scia tradizionale, ma, dichiarerai che l’inizio dei lavori è già avvenuto e pagherai al Comune una sanzione. Di solito ha un importo minimo di 516 euro.

Nel caso in cui, invece, i lavori siano già terminati, si parla di Scia in sanatoria ed è necessario effettuare un accertamento di conformità, verificando la doppia conformità urbanistica alle normative ( il progetto deve rispettare le prescrizioni di legge sia al momento in cui si presenta la Scia, sia nel momento in cui è stata realizzata l'opera)  e pagando la rispettiva sanzione pecuniaria. Se l'intervento è comunque conforme al piano urbanistico locale e alle norme edilizie, dovrai versare una somma stabilita dall'ufficio comunale in relazione alla variazione di valore dell'immobile, variabile tra 516 e 5.164 euro.

Per aumenti di volume e superficie, se ammessi (occorre controllare il piano regolatore o i piani urbanistici nei quali vengono indicati anche i volumi edificabili su una determinata area), la sanzione dipenderà dall'estensione dell'abuso, in quanto occorrerà pagare il doppio degli oneri di urbanizzazione (spese pagate al comune per realizzare opere e infrastrutture a servizio della vostra casa, ad esempio fognature, illuminazione, parcheggi etc. e di cui chiede conto quando si realizza un edificio).

Questo nel caso in cui le opere realizzate senza titolo siano ammesse dai piani comunali. Se hai realizzato un aumento di volume dove non era permesso, occorre demolire il manufatto!!

Arriviamo ora all'aspetto economico:

Quali sono i costi della SCIA?

Il costo maggiore non è la stesura della pratica di per sé, ma la fornitura e posa in d'opera dell'intervento. Le voci che comporranno la spesa sono:

  • onorari dei professionisti, variabili a seconda che si debbano predisporre solo le pratiche urbanistiche e catastali o anche energetiche e impiantistiche. Inoltre, bisogna considerare anche la Direzione lavori e l'eventuale coordinamento della sicurezza sul cantiere. Per questi costi ho scritto un articolo.

  • Diritti di istruttoria e di segreteria per il deposito delle pratiche (250 € per la SCIA, 50 € per l'aggiornamento catastale);

  • Interventi edili variabili in base all'intervento (vedi i costi unitari della ristrutturazioni);

Spero che la guida ti sia stata utile. Un abbraccio. Vincenzo.

Potrai ottenere un preventivo gratuito via mail contattandoci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure via telefono al 347 277 85 86. La sede dello studio è a Firenze, ma operiamo su Prato, Pistoia, Siena, Arezzo, Livorno, Grosseto, Bologna, Pisa, Massa Carrara e Lucca.

   

Aggiungi commento


Commenti  
# Marco 2019-04-29 22:29
Salve, vorrei chiederle se per installare un pergolato di legno, fissato al suolo e chiuso solo nella parte superiore, devo produrre la SCIA.
Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# francesco tognini 2019-04-05 22:08
Buonasera volevo un informazione ma se chiedo i permessi x rifare un tetto dopo che l'ho ottenuto posso fare i lavori x conto mio(il tetto sono solo lastre coibentate...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-08 08:47
No Francesco, non può
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# francesco 2019-03-30 08:03
Salve dal vostro sito nn capisco se la sostituzione degli infissi e’ Una pratica legata alla scia . Molti siti per portare l’intervento in detrazione sostengono che serve ma in altri sembra che l’intervento , nello specifico nel comune di Pistoia nn debba essere segnalato. Potete chiarirmi il dubbio ?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-30 09:31
Nessuna scia...per gli incentivi dipende che tipo di detrazione deve fare...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Lucia 2019-03-23 21:25
Salve dovrò ultimare i lavori di una casa che ora ha solo le divisioni e apertura per balconi e finestre....come bisogna iniziare?? Devo presentare la SCIA?? Se si quali sono i costi?i lavori posso farli stesso io poco per volta?grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-03-24 15:44
Salve, deve contattare un tecnico, sono diverse le cose che dovrà fare per suo conto....Non tutti i lavori si possono realizzare in prima persona..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# stella senna 2019-03-06 16:46
Salve,
per l'installazione del solo cappotto termico in un condominio nel comune di prato, che tipo di pratica va fatta?
nel caso va fatta la scia come si calcolano gli oneri?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-11 10:01
In generale, io presenterei una cila. Su Prato, sarebbe necessario studiare i regolamenti locali
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Cosimo 2019-02-21 08:57
Ho costruito tempo fa una veramda 20mq con il permesso del condominio con la clusula di costruirla come quella del terrazzo acanto che era condonato vorrei chiedere posso comprare la cubatura in comune e regolarizzare la mia veranda in sanatoria
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-02-21 11:58
Dipende dai piani urbanistici comunali...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-02-02 02:17
Cosa succede se ci si accorge che le firme dei proprietari sulla scia non sono veritiere? Chi ne risponde? Scia presentata a settembre 2014
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-02-02 08:39
Chi ha falsificato la firma, credo ci sia il penale...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giusepppe 2019-01-29 16:39
Salve,
devo effettuare un livellamento rilevante di un terreno agricolo.
Quale titolo ho bisogno?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Daiana 2018-12-30 10:42
Buongiorno, noi vorremmo risanare una parte della casa che ad oggi è al grezzo. Vorremmo mettere il riscaldamento a pavimento onde evitare risalita di muffa dato che il locale è a piano terra. Volevamo sapere se possiamo aprire una pratica di ristrutturazione, ed usufruire dell'ecobonus, dato che andremmo a fare Delle migliorie riguardanti anche la certificazione energetica. Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-30 17:32
Per le detrazioni trattasi si nuova costruzione....le consiglio l'articolo studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-10 20:25
Buonasera
nel 1992 l'ex proprietario aveva ottenuto autorizzazione a sanatoria per l'istallazione della veranda dove ci sono due porte finestre che vorrei eliminare per allungare l'attuale cucina.I muri che accolgono le due porte finestre non sono portanti.E' vero che abbattendo i muri ed eliminando le due porte finestre si verificherebbe un aumento di volumetria soggette alle norme urbanistiche ?Cosa posso fare per realizzare questo?In attesa di un suo prezioso consiglio La ringrazio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alessio 2018-11-13 19:39
Buona sera,
Vorrei esporle una questione.
A breve mi troverò a ristrutturare la mia casa e dovrei abbattere due muri non portanti per unificare due ambienti, sala e cucina,
Occorre aprire ugualmente la scia o basta solo una cila ?
In più posso farlo in economia ?
Nelle pareti non ci sono tubi ne fili elettrici .
Grazie mille .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-14 19:45
Salve Alessio,
si basta la cila. Non può farlo in economia a mio parere. www.studiomadera.it/.../
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Matteo 2018-11-08 19:09
Salve Ing. Madera
le vorrei chiedere quali sono i riferimenti normativi in base ai quali la "realizzazione di nuovi balconi e terrazzi, che non comportino aumento di superficie complessiva dell'edificio" può essere legittimata tramite SCIA. perchè, modificando il prospetto, mi sembra si ricada sempre, al limite, nella SCIA in alternativa al permesso di costruire. Grazie mille per la riposta e compimenti per il sito. Matteo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-20 00:13
Buonasera .Ho ereditato un appartamento ma al catasto risultano delle difformità. 1) la controsoffittatura del bagno copre una finestra alta che affaccia su un chiostro ed è stato realizzato un aspiratore . La cucina affaccia su una veranda condonata ed è un unico ambiente ma sulla planimetria risultano 2 porte finestre e una parte del muro perimetrale. Queste difformita' sono sanabili?Cosa posso fare? Grazie !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# barbara 2018-10-19 17:37
Buonasera. Vorrei sapere, se possibile, a quanto può ammontare la parcella di un geometra per studio, stesura e presentazione di scia in sanatoria senza cambio di destinazione d'uso. Grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-20 10:01
Salve Barbara
In realtàè difficile quantificare...ho provato a buttar giù un po'di costi nell'articolo studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-17 17:30
Salve, vorrei prima di tutto ringraziarti per la chiarezza con cui hai spiegato questo tema a mio avviso molto complesso. Il mio problema è che le attese burocratiche per risanare un tetto di circa 60m2 sono troppo lunghe, il mio tetto versa in conzioni pessime e allarmanti per un crollo che potrebbe avvenire in ogni momento. Ho messo già in moto ingegneri e tecnici, loro comunque mi hanno fatto presente che per una regolare procedura burocratica ci saranno tempi non brevi, questo mi comporta preoccupazioni. La mia domanda è: esiste una possibilità di accelerare il tutto per un caso "straordinario" come il mio, praticamente di scavalcare per il momento le pratiche dovute, esiste un paragrafo in condizioni di urgenza che agevola tutta la parte burocratica? Ti ringrazio in anticipo per una tua eventuale risposta risposta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-18 09:25
Certo,
legga questo articolo: studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Massy 2018-09-24 16:13
salve,mi trovo a vendeee un appartamento che però il trconico che deve fare la conformità mi dice che ci sono delle piccole in conformità però sanabili.
La ditta costruttrice se ne lavato le mani, adesso sto procedendo per la sanatoria.
Chiedevo è possibile che ci vogliano dai due a tre mesi per la sanatoria?
E posso andare a rogito ugualmente se pago la sanzione e la sanatoria è stata richiesta?
Grazie anticipatamente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Anonimo 2018-09-24 12:43
Salve, ho richiesto la planimetria catastale della mia casa di famiglia, unico elaborato datato 1939, non è mai stato aggionato. All'epoca vi era una latrina esterna, con gli anni è stato realizzato invece un bagno interno, il tutto non risulta al catasto e non vi sono pratiche al comune. Dovrei procedere con una scia in sanatoria? Invece il catasto in questo caso pagherei sempre 50e o anche lì c'è una multa?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-18 23:50
Salve, ho un appartamento e vorrei comprarne un'altro confinante che però fa parte di un altro civico. I due appartamenti sono divisi da un muro portante che vorrei aprire per fare un appartamento unico. E' possibile questa modifica? Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-19 11:08
Certo, dovrà però realizzare un cerchiatura: studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gianluca 2018-08-28 12:47
Buongiorno. Scrivo per un lavoro nel comune di Firenze. Se devo fare una cerchiatura su una parete interna di un immobile con vincolo paesaggistico devo comunque attendere 60 giorni dalla presentazione della SCIA prima di iniziare i lavori? Anche se l' opera riguarda modifiche interne? Grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Riccarda 2018-08-21 21:58
Buonasera, per chiudere il terrazzino con una veranda è necessario presentare la SCIA ??
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-08-22 21:11
Occorre verificare i regolamenti locali!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# maura.gagliardi@hotmail.it 2018-08-12 16:01
Salve, ho acquistato una casa con progetto su carta. L'inizio del cantiere è previsto per settembre. Per una migliore distribuzione degli spazi nel livello superiore, vorrei richiedere lo spostamento della scala interna. Volevo sapere se è possibile richiedere questa variante, quali sono i permessi da richiedere, quali i costi ed i tempi. Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-29 17:22
Salve io vorrei aprire una pratica per arredo e mettere le mattonelle in cucina oltre che pitturare tutta la casa , mi conviene ?? Posso farlo ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-07-31 22:50
A meno di normative locali per arredare e mettere le mattonelle non occorre nulla. Salutu
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-16 14:00
Buongiorno
Vorrei avere converma se gli interventi su frontalini balconi e cornicioni di gronda, cielini e altre parti di balcone private, di un condominio sono da considerarsi in regime di Manutenzione Ordinaria come definito dall'art. 3 comma 1 del T.U. dell'edilizia?
Il manufatto non è soggetto a vincoli ambientali, paesaggistici o culturali e l'intervento implica l'installazione di ponteggio.
Infine, i lavori a quali spese d'istruttoria sono soggetti: es. SCIA ..... ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Orazio 2018-06-26 15:34
Buona sera, il comune di milano chiede per una SCIA in sanatoria tardiva, la presentazione dei moduli riguardanti i cementi armati (1 a 13), è necessario dichiarare chi era il progettista architettonico e strutturale ? che non si conoscono in quanto una opera eseguita in vecchia data oppure si può indicare il progettista architettonico e strutturale che fanno la sanatoria?. Grazie. Horacio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-26 15:38
Non credo ci fossero i progettisti consenzienti nel fare l'abuso...quindi....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Matteo 2018-06-15 13:57
buongiorno,
dovrei fare una rimodellazione di un terreno edificabile, per renderlo più fruibile.
Che tipo di permesso devo presentare?
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# paolo 2018-06-09 15:15
Salve ho un muro di contenimento confinante con strada devo demolirlo pioche presenta varie crepe e rifarlo ho bisogno di permessi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-09 17:11
Salve, se non ricade nelle casistiche riportate nel seguente articolo studiomadera.it/.../... occorre presentare la scia e il progetto al genio civile. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Cristian 2018-05-31 16:35
Salve voglio esporle una situazione e sentire un suo parere. Dovrei fare il cambio di destinazione d' uso di una unità immobiliare da ufficio a residenziale ed allo stesso "sanare" l' errata posizione di 20 cm. di una piccola parete interna lunga 1 ml. Che procedura mi consiglia ? Ci sono sanzioni da pagare ? Grazie e buona serata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-31 19:06
Salve cristian,
alcuni comuni permettono di sanare alcune piccole difformità direttamente all'interno della scia stessa, segnalandolo in relazione. Si confronti con i tecnici del Comune. saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2017-03-22 10:34
ho presentato una scia per lavori interni, durante l'esecuzione ci sono state delle varianti secondo Lei devo ripresentare una nuova scia o prima del fine lavori sostituisco l'elaborato ? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-03-22 10:35
Di solito va presentata una nuova Scia, ma in alcuni comuni ci sono le varianti con fine lavori.Chiami l'edilizia del suo Comune. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gianni 2016-01-26 18:07
Salve Ingegnere, vorrei sapere la differenza tra DIA e SCIA. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2016-01-26 19:09
La Scia è stata introdotta in sostituzione della Denuncia di Inizio Attività ma, quest’ultima, continua in realtà ad esistere, in virtù dell’autonomia legislativa di Regioni e Comuni, che prevedono procedure diverse. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

     vincenzo madera                    

Autore: Vincenzo Madera - Ingegnere

 facebook   linkedin

Laureato all'Università degli Studi di Firenze.

Dal 2014 co-titolare dello Studio Madera. 

Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia. Copywriter

Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse, Moca caffè. 

 

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo