Guida completa sulla manutenzione ordinaria, straordinaria e ristrutturazione aggiornata al 2019.  Le pratiche e i permessi necessari (CILA CIL o SCIA) al variare delle lavorazioni edili, i costi, le sanzioni, i tempi, le detrazioni fiscali e le opere ricadenti nell'attività di edilizia libera (ad esempio: interventi sull'impianto elettrico, sul riscaldamento, sul bagno o sulla facciata; la demolizione o costruzione di tramezzi e divisori, controsoffitti, e l'apertura di vani porte).

ristrutturazione manutenzione ordinaria straordinaria pratica edilizia SCIA CILA CIL

Se stai leggendo questa guida è perché hai in mente o sei in procinto di "ristrutturare" la tua casa, oppure, più semplicemente, devi realizzare un intervento edile. Le domande che ti sarai posto sono: come devo procedere, quanto mi costerà, devo contattare un tecnico?

Per i non addetti ai lavori, l'interpretazione della normativa edilizia non è affatto semplice. Ma non preoccuparti, con questa guida cercherò di semplificarti al massimo la questione, cercando di chiarirti la differenza tra manutenzione ordinaria, straordinaria e ristrutturazione; ti segnalerò quali interventi necessitano del tecnico e della pratica Cila, Cil, SCIA o permesso di costruire, i costi, i tempi, le detrazioni fiscali e le procedure da attivare per non incappare in sanzioni o abusi.

Leggi attentamente ogni paragrafo e alla fine avrai chiaro il quadro della situazione e non potrai sbagliare.

Partiamo dalle basi. La bibbia dell'edilizia è il Testo unico sull'Edilizia DPR. 380/01 (T.U.), attraverso il quale, lo Stato detta le linee guida e le prescrizioni a carattere generale del settore. Saranno poi la Regione e il Comune, attraverso gli strumenti urbanistici (leggi regionali, regolamenti edilizi comunali etc.), ad entrare nel dettaglio.

Iniziamo dagli interventi edili più semplici, e cioè quelli ricadenti nella manutenzione ordinaria.

Cila scia o nessuna comunicazione

Che cos'è la manutenzione ordinaria e quali opere eseguire SENZA alcuna pratica?

Secondo l'Art. 6 del Testo Unico sull'Edilizia (T.U.) rientrano nella manutenzione ordinaria, "gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici o necessari ad integrare/mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti". Queste opere sono eseguite senza alcun titolo abilitativo. Non dobbiamo comunicare niente a nessuno.

MANUTENZIONE ORDINARIA= NESSUN PERMESSO O COMUNICAZIONE

Occorre precisare che per impianti tecnologici si intendono gli impianti di riscaldamento, di condizionamento, quello idrico-sanitario (scarichi, adduzione acqua cucina e bagno), ricambio aria, elettrico, gas cottura ed evacuazione fumi (canna fumaria o camino).

Sono quindi opere che non richiedono alcun titolo edilizio:

  • la demolizione e ricostruzione dei pavimenti, degli intonaci dei tramezzi, o anche dei tramezzi stessi qualora vengano demoliti per essere ricollocati esattamente allo stesso punto dell'originale;

  • la sostituzione delle porte interne e degli infissi esterni (porte, finestre e lucernari);

  • la tinteggiatura delle pareti interne ed esterne o dei soffittiAttenzione agli edifici vincolati dalla Soprintendenza ai beni architettonici, per i quali è richiesta una specifica autorizzazione (nullaosta), anche nel caso di ripristino delle pitture o dell’intonaco in rapporto a decorazioni e affreschi di edifici storici.

  • la sostituzione della caldaia o dei radiatori, la riparazione della recinzione, l'installazione di tende da sole (attenzione al regolamento condominiale e al decoro di facciata), la sostituzione o la riparazione di camini, la sostituzione dei sanitari, la riparazione dell'impianto elettrico, di riscaldamento o del gas;

  • l'installazione o la sostituzione di citofoni, videocitofoni, antenne o telecamere (vedi i migliori impianti di videosorveglianza), tende, ringhiere, parapetti, cancellate, recinzioni, muri di cinta, grondaie, davanzali, cornicioni, tegole.

  • la riparazione e/o la sostituzione delle canalizzazioni fognarie senza apportare modifiche al percorso o alle dimensioni delle tubazioni.

Sono compresi anche interventi volti all'eliminazione di barriere architettoniche (vedi l'approfondimento sulle rampe per disabili o su ascensori e montascale) che non comportino la realizzazione di ascensori esterni, oppure di manufatti che alterino la sagoma dell'edificio; 

Inoltre, essendo stata abolita la CIL, Comunicazione Inizio Lavori (modulino di una pagina dove si spiegava in 4 righe il tipo di intervento) non occorre pratica nemmeno per:

  • le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze temporanee e a essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni (ad esempio i ponteggi);

  • le opere di pavimentazione e di finitura di spazi interni ed esterni (ad esempio il ripristino, rifacimento e tinteggiatura facciate), anche per aree di sosta, la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili (scannafossi) o vasche di raccolta delle acque;

  • il trattamento dei ferri di armatura arrugginiti;

  • il montaggio di pannelli solari, impianti fotovoltaicia servizio degli edifici al di fuori della zona A (centro storico);

  • la posa in opera di aree ludiche (parchi gioco) senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici;

Passiamo ora agli interventi più consistenti, ricadenti stavolta nella manutenzione straordinaria.

Che cos'è la manutenzione straordinaria e quali opere sono realizzate con Cila o Scia?

La manutenzione straordinaria, anch'essa definita nell'art. 6 del T.U., riguarda le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino la volumetria complessiva degli edifici e non comportino modifiche delle destinazioni di uso.

Quindi, per ricadere all'interno della manutenzione straordinaria, bisogna realizzare interventi più invasivi di quelli ordinari senza aumentare il volume della casa (ampliamenti) e nemmeno trasformare la destinazione d'uso dell'immobile; per esempio trasformare un'abitazione in negozio o un magazzino in capannone industriale.

Questi tipi di interventi richiedono o la CILA o la SCIA.

MANUTENZIONE STRAORDINARIA= PRATICA CILA O SCIA

Che cos'è la CILA, e quali sono le opere soggette? 

La Cila, Comunicazione Inizio Lavori Asseverata, è una pratica introdotta nel 2010 con la Legge 73.

IMPORTANTE: Essendo una comunicazione, non necessita dell'approvazione del Comune. Possiamo iniziare subito i lavori, oppure fissare una data!!

Viene presentata dal proprietario, o da chiunque sia titolare di un “diritto reale”,  presso il Comune (Sportello Unico per l’Edilizia SUE) territorialmente competente.

Può essere presentata anche dall'inquilino che utilizza l’immobile in base a un contratto di affitto con il consenso del proprietario dell’immobile (in questo caso si parla di “diritto personale” compatibile con l'intervento da realizzare).

Anche un professionista abilitato (iscritto a un ordine professionale, come un architetto, un geometra o un ingegnere) può presentare la CILA, se delegato da uno dei titolari (IMPORTANTE: tutti i comproprietari devono essere d'accordo sul realizzare un intervento).

Il coinvolgimento di un professionista abilitato (“progettista” o “tecnico asseverante”) è comunque necessario per la compilazione delle dichiarazioni e asseverazioni di sua competenza. Il tecnico, difatti, dichiara che le opere realizzate tramite Cila rispettano la normativa in materia e realizza gli elaborati grafici (planimetrie, sezioni, prospetti etc.).

Visto che abbiamo bisogno obbligatoriamente del tecnico, nella pratica è lui a consegnare la Cila.

Le opere segnalate tramite CILA, potrebbero essere definite manutenzioni straordinarie "leggere".

MANUTENZIONE STRAORDINARIA LEGGERA= PRATICA CILA

Tra gli interventi ricadenti in manutenzione straordinaria abbiamo:

1 nuovi allacciamenti o rifacimento di fognature esistenti con modifiche del percorso e/o delle caratteristiche preesistenti;

2 il riordino degli spazi interni, con spostamento di tramezzi e dei divisori non portanti, la creazione di controsoffittature in cartongesso (in quanto abbassano la quota); l'apertura, la chiusura o lo spostamento di porte ed infissi, rifacimento di impianto fognario privato, realizzazione piscina esterna, installazione e posa in opera di canna fumaria etc;

3 E' compreso anche il frazionamento (divisione di una unità immobiliare in due o più) o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere, anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari, nonché del carico urbanistico (aumento di infrastrutture e opere collettive quali acquedotti, reti Enel, gas), purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l'originaria destinazione di uso; Anche in questo caso l'interessato trasmette all'Amministrazione comunale l'elaborato progettuale e la CILA attraverso un tecnico il quale attesta, sotto la propria responsabilità, che i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti, nonché che sono compatibili con la normativa in materia sismica e con quella sul rendimento energetico nell'edilizia e che non vi è interessamento delle parti strutturali dell'edificio.

La comunicazione CILA contiene al suo interno i dati identificativi e i documenti dell'impresa alla quale si intende affidare la realizzazione dei lavori, oppure la dicitura "lavori in economia" qualora sia il proprietario stesso a realizzare l'opera. Quindi, prima di protocollare la CILA, bisogna conoscere a priori quale impresa realizzerà i lavori.

Inoltre, abbiamo il rifacimento dell'impianto elettrico, idrico, di riscaldamento, di condizionamento e climatizzazione all'interno del singolo appartamento o anche dell'intero fabbricato. Occorre precisare che per i nuovi impianti termici è obbligatorio il deposito della legge 10 a firma di un professionista per garantire il risparmio energetico, mentre per i nuovi impianti elettrici, gas e riscaldamento occorre redigere la dichiarazione di conformità a cura dell'installatore.

Per tutte le altre opere, non citate precedentemente, occorre la SCIA o il Permesso di costruire.

Semplificando e cercando di generalizzare, la SCIA (segnalazione certificata di inizio attività), sostituisce la CILA, quando l'intervento riguarda opere che insistono su elementi strutturali (muri portanti, travi, pilastri, solai etc.),  per cui occorre il progetto redatto da un Ingegnere e depositato al Genio civile (ufficio dove vengono depositati i calcoli strutturali). Esempi tipici sono la cerchiatura di una porta o di una finestra su muro portante, la realizzazione di un solaio, il rifacimento del tetto, il consolidamento delle fondazioni, dei pilastri o delle travi, la perforazione di un pozzo artesiano etc. La SCIA, inoltre, si utilizza per il cambio di destinazione d'uso.

MANUTENZIONE STRAORDINARIA PESANTE= PRATICA SCIA

Infine, la pratica più "complessa", che richiede l'autorizzazione al procedere da parte del Comune è il permesso di costruire. Quest'ultimo si usa per le nuove costruzioni, le sopraelevazioni, gli ampliamenti o le opere di ristrutturazione pesante.

Se hai già realizzato un intervento, non contrario ai regolamenti o alle normative, senza comunicarlo al comune non preoccuparti!!! O meglio, "sanare l'abuso", senza aumento di volume, ti comporterà una piccola sanzione. Ma vediamolo in dettaglio:

Quali sono le sanzioni per mancato invio della CILA o della SCIA?

Se non hai comunicato la pratica al Comune non finirai in galera. Basterà pagare una sanzione pari a 1.000 euro. Questo abuso può essere sanato tramite "Cila o Scia in sanatoria" detto anche accertamento di conformità. Dopo aver consegnato il modello e gli allegati, dovrai aspettare la verifica e l'approvazione da parte del Comune e i tempi dipendono dai funzionari e dalla mole di lavoro che devono smaltire. Si va dal mese ai sei mesi dei grossi centri abitati e "impreparati".

Tale sanzione è ridotta di due terzi (333 euro) se la comunicazione è effettuata spontaneamente quando l’intervento è in corso di esecuzione, tramite "Cila o Scia tardiva". Ti sconsiglio, per questi motivi, di realizzare interventi senza aver richiesto un consiglio ad un tecnico.

Per aumenti di volume e superficie, se ammessi (occorre controllare il piano regolatore o i piani urbanistici nei quali vengono indicati anche i volumi edificabili su una determinata area), la sanzione dipenderà dall'estensione dell'abuso, in quanto occorrerà pagare il doppio degli oneri di urbanizzazione (spese pagate al comune per realizzare opere e infrastrutture a servizio della vostra casa, ad esempio fognature, illuminazione, parcheggi etc. e di cui chiede conto quando si realizza un edificio).

Oltre al danno economico della multa, i problemi maggiori si avrebbero in caso di compravendita dell'immobile. In questo caso, difatti, è necessario garantire la conformità urbanistica e edilizia dell'immobile. Se è presente un abuso, questo non sarà possibile.

Questo nel caso in cui le opere realizzate senza titolo siano ammesse dai piani comunali. Se hai realizzato un aumento di volume dove non era permesso, occorre demolire il manufatto!!

Infine, molti lettori mi hanno chiesto di integrare l'articolo, argomentando circa la convenienza di una ristrutturazione e le spese medie per le varie lavorazioni. Il mio consiglio è di leggere i capitoli seguenti, in quanto li ritengo molto interessanti.

Conviene ristrutturare la casa? Quali son le detrazioni fiscali?

Per rispondere alla domanda, fornirò delle analisi statistiche presentante da una nota rivista immobiliare: la ristrutturazione aumenta il valore dell’immobile fino al 19% (12% sottratte le spese sostenute per i lavori). Inoltre, i tempi di vendita scendono da 6,6 a 5,4 mesi e quelli di locazione da 4,6 a 3,5. Nel caso di affitto, invece, potreste richiedere una locazione maggiore del 22% rispetto alla media. 

A oggi, è inoltre possibile richiedere le detrazioni fiscali per ristrutturazioni e/o risparmio energetico!!!

Infatti, si ha diritto alla detrazione fiscale ristrutturazioni edilizie (50 %) in caso di manutenzione straordinaria nelle proprietà ad uso esclusivo (es. appartamento o villa unifamiliare) o di manutenzione ordinaria nelle parti comuni (condominio). È possibile richiedere, nei casi previsti, anche la detrazione per il risparmio energetico, bonus mobili, e bonus verde.

Quali sono i tempi, la durata e i costi? 

Per quanto riguarda i tempi della CILA, dipende molto dalla stesura della pratica e dalla produzione dei disegni da parte del tecnico; difatti, essendo la Cila una comunicazione a carico del proprietario, che non necessita di approvazione, ha efficacia dal momento in cui viene depositata. Stesso dicasi della SCIA. Discorso a parte per il permesso di costruire che necessita dell'approvazione del Comune per cui possono passare diversi mesi.

La maggior parte del tempo si perde a causa del Comune, in quanto, occorre richiedere una visura degli atti abilitativi per poter visionare eventuali concessioni edilizie, permessi di costruire, Scia, Cila che hanno interessato l'unità immobiliare in passato. Questo per poterli confrontare con lo stato effettivo dell'immobile al fine di riscontrare eventuali difformità (abusi). I tempi vanno dalle 2 settimane ai 2 mesi, a seconda del Comune.

A differenza della Scia e del permesso di costruire, la cila non ha una durata e non prevede il deposito di varianti (modifiche al progetto iniziale),  in corso d'opera, ne finali. In caso di modifiche al primo progetto occorre presentarne una nuova.

Inoltre, per alcuni tipi di intervento, occorre depositare il certificato di abitabilità e/o l'aggiornamento catastale(bisogna aggiornare le planimetrie al Catasto oltre che in Comune e la visura così da comunicare all'Agenzia delle entrate la diversa rendita su cui calcolare le tasse).

Per quanto riguarda i costi, riuscire a generalizzare e quantizzare è molto difficile in quanto le variabili sono molteplici. Quello che posso fare è fornirti un elenco delle diverse voci di spese:

  • onorari dei professionisti, variabili a seconda che si debbano predisporre solo le pratiche urbanistiche e catastali o anche energetiche e impiantistiche. Inoltre, bisogna considerare anche la Direzione lavori e l'eventuale coordinamento della sicurezza sul cantiere. Per questi costi ho scritto un articolo.

  • Diritti di istruttoria e di segreteria per il deposito delle pratiche (circa 50 € per la Cila, 300 € per la SCIA, 50 € per l'aggiornamento catastale);

  • Interventi edili variabili in base all'intervento (vedi i costi unitari della ristrutturazioni);

  • Eventuali allacci utenze (idrico 150 €, gas 200 €). 

Ristrutturazioni casa: quali sono i costi unitari?

Di seguito una tabella dove ho voluto segnalare quali sono i principali costi unitari riguardanti la ristrutturazione della casa. In particolare, indicherò il prezzo unitario per tinteggiare pareti e soffitti, demolire e posare piastrelle e parquet del pavimento, realizzare un controsoffitto, installare l'impianto gas, elettrico, di riscaldamento e caldaia, demolire e realizzare tramezzi e divisori in cartongesso o forati, ristrutturare il bagno, installazione e fornitura finestre e porte, realizzazione di cerchiature, arredare l'appartamento e demolire e ricostruire il solaio in cemento armato. I prezzi sono da ritenersi indicativi e possono variare sulla base di molti parametri.

Costi unitari ristrutturazione

Tinteggiatura pareti e soffitti al mq

6 €

Realizzazione Bagno al mq

700 €

Demolizione e posa pavimento in piastrelle al mq

60 € 

Fornitura e posa porta cadauna

300 €

Demolizione e posa pavimento in parquet al mq

 75 €

Fornitura e posa finestre al mq

400

€ 

Realizzazione controsoffitto

48 €

Installazione impianto di riscaldamento al mq

65 €

Installazione impianto gas

600 €

Arredamento al mq

200 €

Installazione impianto elettrico al mq

62,5 €

Cerchiatura vano porta o finestra cadauna

2000 / 5000 €

Demolizione Tramezzi o divisori in forati o

cartongesso e smaltimento al mq

30 ai 50 €

Demolizione solaio al mq

25 €

Realizzazione di tramezzi al mq

30 ai 50 €

Realizzazione completa solaio in calcestruzzo e tavelloni al mq

200

Clicca qui per vedere tutti i costi di una ristrutturazione

 

Sperando che l'articolo sia stato di tuo gradimento, potrai ottenere un preventivo gratuito contattandomi via telefono al 347 277 85 86. La sede dello studio è a Firenze, ma operiamo su Prato, Pistoia, Siena, Arezzo, Bologna, Pisa e Lucca.

  

modello Cila fac-simile pdf editabile esempio

Aggiungi commento


Commenti  
# Martina 2019-06-18 15:15
Buongiorno,
Ho acquistato 2 unita immobiliari a settembre 2018, per le quali ho depositato la cila in comune al fine di poter procedere con la ristrutturazione. A dicembre 2018 ho unificato le 2 unità in una unica. Ho letto che ho diritto a doppio bonus ristrutturazioni e doppio bonus mobili poiché fa fede quanto dichiarato nella cila. È corretto? Vorrei soprattutto sapere ora se sul 730 devo indicare i dati catastali dei 2 immobili come indicato su cila oppure i nuovi dati catastali dell'unico immobile. Grazie per il supporto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paola 2019-06-18 11:45
Salve, è stata presentata una seconda CILA per lavori di manutenzione straordinaria in quanto la prima non era stata accolta per una problematica di accatastamento di parti interne dell'immob. oggetto dei lavori. Nella 2° CILA depositata è stata indicata come data inizio lavori la data di inoltro della pratica stessa e non quella precedentemente indicata nella 1° CILA non accolta dal Comune. Il professionista dichiara di non avere nulla in riferimento alla prima pratica inviata ma solo la quietanza di pagamento dei diritti che corrisponde al periodo di inoltro della prima pratica. Come posso correggere la data di inizio lavori ai fini anche delle detrazioni fiscali? Ho effettuato i BB prima.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Eleonora 2019-06-17 16:38
Salve, ho acquistato un appartamento e devo rifare e mettere a norma l' impianto elettrico, senza però modificare la struttura dell' edificio ( quindi senza abbattere, spostare muri tramezze o porte) ma solo fare traccie nel muro per far passare guaine nuove con cavi e spostare prese e mettere una centralina nuova a più moduli. Mi hanno detto che ciò NON rientra nella manutenzione straordinaria, ma in opere libere quindi non necessita di permessi e Cila. Ma mi chiedo posso comunque detrarre le spese per rifare l' impianto se pago con bonifico bancario? Se non necessito di Cila non posso detrarre il 50% anche per il bonus mobili dovendo acquistare anche questi? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-06-18 11:10
Eleonora legga il paragrafo su questi casi...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marco 2019-06-17 11:11
Buongiorno , nel comune di Milano per installare linee vita su tetti esistenti occorre la CILA ?
Ringrazio anticipatamente
MArco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# patxi 2019-06-13 17:44
Buonasera Ingegnere,
su Firenze, in seguito all'ordinanza del CdS del 23.05.2019, mi sembra di aver capito che la modifica della distribuzione interna ad oggi venga compresa nella ristrutturazione edilizia, non nella manutenzione straordinaria, e di fatto impedita in gran parte della città.
E' corretta questa interpretazione secondo lei?
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-06-14 21:22
Salve, l'ordinanza ha spiazzato tutti. ...ci stiamo confrontando....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Sebastiano 2019-06-13 14:23
Buongiorno, nel caso di riqualifica energetica con installazione di nuovi impianti di climatizzazione e quindi redazione di legge 10, qual è la pratica edilizia da inoltrare al comune?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Daniele 2019-06-13 10:28
Buongiorno Ingeniere. L'onorario di un geometra sulla presentazione di una domanda Cila su un abitazione di 188 mq mi ha presentato una fattura di 2600€ per Cila tetto e altri26000cila interni può essere corretto l'importo richiesto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Silvia 2019-06-12 09:11
Buongiorno. Adiacente alla mia abitazione c'è un piazzano concesso SOLO IN USO (da contratto) il cui proprietario è il vicino di casa. Quest'ultimo ha sotto il piazzalino due locali utilizzati come lavanderia. Dai locali vediamo che le travi del solaio sono marcite e quindi da mettere in sicurezza. Chi deve pagare i lavori? Premetto che dal piazzano non si riscontra nessun problema, è visibile solo dal sotto. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-06-12 15:45
Spetta al proprietario. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Leonardo 2019-06-11 11:58
Buongiorno ing. Madera, si può installare non vincolando nulla al terreno di proprietà una cella frigo al servizio di un'attività commerciale, considerandola edilizia libera?
Grazie.
Maria
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Iuliana 2019-06-11 00:33
Buon giorno. Sopra il mio garage c'è il terrazzo. Dovrei rifare massetto impermeabilizare e rifare le piastrelle. Non riesco a capire se posso detrarre le spese dei materiali. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Michele 2019-06-10 09:36
Buongiorno ing. Madera, presentando una CILA con indicazione di "Lavori in Economia" si rispettano comunque le condizioni per poter poi usufruire del Bonus Mobili?
Grazie per il gentile riscontro.
Michele
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-06-11 12:53
Le consiglio questo articolo studiomadera.it/.../... ma direi di si
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Michele 2019-06-11 16:20
Buonasera ing. Madera.
Ho letto l'articolo che mi ha indicato. Non ho capito però se, dovendo tirare su un muro in cartongesso alto 270 e largo 47, posso presentare la CILA (con indicazione di "lavori in Economia"), e quindi rientrare nella casistica di manutenzione straordinaria che mi dà diritto al bonus mobili. In questo caso devo obbligatoriamente indicare un impresa nella CILA?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# franco acca 2019-06-08 12:17
siamo a olbia
i mie clienti mi chiedono se è obbligatorio presentare in comune una domanda per sostituire solo le finestre
o solo le persiane o solo il portone? in modo che poi possano ottenere la detrazione fiscale 50%
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-06-08 17:03
Non conosco le normative di Olbia, ma se non è in paesaggistica non occorre nulla. Per le detrazioni legga qui studiomadera.it/.../... saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giudepp 2019-06-07 09:27
Buongiorno.
Le scrivo per chiederLe se ho capito bene che la creazione di controsoffittatura in cartongesso (in quanto abbassa la quota) rientra in una manutenzione straordinaria. Dovrei farla nel disimpegno del mio appartamento. Per cui per operare nel giusto modo chiedevo un chiarimento. Grazie come sempre.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Bruno 2019-06-06 23:19
Buonasera,
ho visto il suo sito e le faccio i complimenti per come tratta i temi cari a molte persone.
Non riesco a capire dove potrebbe stare il mio caso.
In un appartamento dovrei
1 abbattere un pezzo di muro (piccola tramezza che separa in parte la cucina dal soggiorno)
2 trasformare la vasca in doccia
3 cambiare i sanitari
4 ricoprire il pavimento esistente
Ho letto che i punti 2,3,4 da soli non sarebbero sufficienti mentre l'abbattimento di un muro potrebbe far portare tutto in detrazione.
E' corretto?
Grazie in anticipo per quello che potrà suggerirmi
Cordialmente
Bruno
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-06-07 09:17
E' corretto.
Legga qui studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mario 2019-06-05 17:13
Buongiorno ing.Madera,
ho presentato una prima cila per avviare velocemente i lavori, mettendo nella pratica la demolizione delle tramezze ed alcune altre lavorazioni come cartongessi e sostituzione delle porte d'ingresso, eseguite tutte dalla stessa impresa.
ora però ho deciso di apportare anche altri lavori tra i quali il rifacimento dell'impianto idraulico dell'appartamento perchè necessario, come mi devo comportare dal punto di vista delle pratiche? posso aprire un'altra cila in parallelo? a quanto ho capito avrei bisogno di un piano della sicurezza avendo più imprese al lavoro...

Grazie ingeniere
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-06-05 17:35
Per la sicurezza, legga qui studiomadera.it/.../...
Per la cila si confronti con il tecnico...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Angela 2019-06-03 14:22
Buongiorno
Se dovessi posare le linee vita o dispositivi anticaduta, vengono considerate come manutenzione ordinaria o straordinaria?
e se facessi la sostituzione con nuovi dispositivi anticaduta?
Ho diritto all'iva agevolata? devo presentare una pratica? posso detrarre la spesa nel 730?

Grazie
Angela
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# donato 2019-05-31 15:37
Buongiorno.
Le scrivo per chiederLe se ho capito bene che la creazione di controsoffittatura in cartongesso (in quanto abbassa la quota) rientra in una manutenzione straordinaria. Dovrei farla nel disimpegno del mio appartamento. Per cui per operare nel giusto modo chiedevo un chiarimento. Grazie come sempre.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Luana 2019-05-30 22:31
Buonasera, il mio geometra ha presentato una pratica cila a nome mio con il consenso del mio compagno.
Noi siamo entrambi proprietari.
Considerando che è lui quello che lavora e che può detrarsi le spese tramite 730 è corretto che la pratica sia a mio nome?
E se non è corretto cosa si può fare?
Grazie Luana
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-05-31 16:01
A mio parere può andar bene così.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Jo 2019-05-30 11:22
Buongiorno. Nel condominio in cui abito è necessario far sostituire l'intera ringhiera del vano scale prevedendo un differente sistema di ancoraggio. Quale pratica è necessario fare? Bisogna far fare anche dei calcoli strutturali (un mio amico mi ha detto così)!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mariano 2019-05-29 15:05
Per lavori di manutenzione ordinaria esterni ad una villetta, si può avere la detrazione fiscale?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-29 15:33
Solo se condominiale...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Antonio 2019-05-27 11:05
Salve,
se presento la CILA tardiva, con lavori già iniziati, ho conseguenze nel caso in cui volessi accedere al bonus edilizio con il recupero del 50% delle spese sostenute? Ovviamente il recupero sarebbe riferibile solo alle spese sostenute dopo la CILA, ma dal punto di vista del bonus ci sono differenze tra CILA "classica", presentata prima dell'inizio dei lavori, e CILA in corso d'opera? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-05-28 09:18
Salve, assolutamente no. Anzi, chieda all'Agenzia se può recuperare anche le vecchie spese. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# simone 2019-05-24 13:10
buongiorno, volevo sapere se la demolizione di scala interna e copertura del solaio del vano stesso in latero cemento risalente agli anni 80 si configura come opera di manutenzione straordinaria (CILA) soggetta a deposito al genio civile
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-25 09:03
legga qui www.studiomadera.it/scia saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Elena M 2019-05-23 23:40
Buonasera.Mi può aiutare?Si tratta di manutenzione straordinaria o ord?grazie
-install.e canalizzazione di 2tubazioni per il riscaldamento aria provenienti da stufa a pellet(piano-1),da portare al piano+1
-smantellamento 2camini a legna,uno al piano 0(si accorcia un tramezzo non portante)ed uno al piano+1,e 2canne fumarie
-opere di cartongesso,nei piani-1 e+1,per copertura canalizzazioni(creando al piano+1 un controsoffitto)
-rasatura,intonac e pittura opere
-sostituzione vetrata del salone piano 0 (1,5x1,8 m),con vetrata termica doppio vetro
-rifacimento terrazzo(ca 30 m2):demolizione e rifacimento pavimentazione e massetto, impermeabilizzazione inclusa
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-24 12:07
Straordinaria, necessita di pratica in comune...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Elena M 2019-05-24 16:14
il mio tecnico (per i lavori di cui sopra) mi dice che non serve aprire una pratica ma basta un atto notorio' visto arrivare' in comune: mi dice che per l'agenzia delle entrate questi lavori sono di manutenzione straordinaria, ma per il comune no.
......le sembra corretto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Elena M 2019-05-24 15:11
grazie ingegnere!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Daria Malaguzzi 2019-05-22 09:17
Buongiorno
ho aperto una prrtica CILA per i seguenti lavori, eliminazione muro non portante e ricostruzione di una porzione dello stesso in cartongesso, controsoffitti in cartongesso, rifacimento bagno e modifiche all'impianto elettrico in quasi tutto l'appartamento. Infine sarà posato il parquet.
Ho letto che la fornitura e la posa del parquet non da diritto alla detrazione, solo se il rifacimento del pavimento è necessario poichè demolito pareti/tramezzi.
In questo caso quindi ci rientro, giusto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-05-22 18:53
Salve Daria
Io ci ho sempre messo tutto dentro. saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2019-05-21 10:36
Buongiorno,

attualmente ho un cancello di 4 metri che da' su una strada pubblica (comunale). Vorrei spostare il cancello in dentro nella mia proprieta' di circa 5 metri per permettere in tutta sicurezza di scendere dall'auto.Il cancello sarebbe nuovo ma delle stesse dimensioni. Lascerei anche i piloni del vecchio cancello. Attualmente non e' passo carrabile.

In questo caso serve la SCIA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Stefania 2019-05-20 22:02
Buonasera
Ho appena fatto la chiusura di una cila presentata a Maggio 2018 relativa alla ristrutturazione della prima casa, con mutuo annesso.
Il caf sostiene che nel 730 io non posso detrarre gli interessi del mutuo, ne sa qualcosa?
La ringrazio
Stefania
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gianluca Siracusa 2019-05-20 16:27
Buongiorno,
devo intervenire in uno dei bagni di casa per la ricerca e la riparazione di una perdita dì acqua. l'occasione è propizia per sostituire il pavimento, i rivestimenti ed i sanitari. c'è bisogno di comunicazioni particolari al Comune? posso detrarre le spese sostenute?
Ringrazio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# emma 2019-05-20 08:26
Buonasera Ingegnere, le rinnovo il mio quesito. Per i lavori nel mio appartamento prevedo di:
- spostare alcuni tramezzi (no modifiche strutturali)
- spostare la cucina da un lato all'altro della casa
- rifare i bagni e gli impianti e sostituire la caldaia (tutti risalgono al 2003)
- sostituire un solo infisso
- posare nuovo pavimento sull'esistente
- realizzare alcuni controsoffitti in cartongesso e forse un piccolo soppalco non praticabile sul corridoio.
Non ho ancora capito se si tratta di manutenzione straordinaria o di ristrutturazione edilizia. Grazie mille se potrà chiarirmi il dubbio. Cordiali saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-20 20:23
Straordinaria, può accedere al bonus..saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# emma 2019-05-23 15:01
Grazie mille.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# BARBARA BOTTONI 2019-05-19 21:01
Buonasera,
Ho acquistato un immobile composto da due appartamenti . Dovremmo fare diversi lavori tra cui una parte di natura "condominiale" (nuova copertura, cappotto e sostituzione impianto riscaldamento) e poi ogni appartamento avrà i prpri lavori (infissi, impianti idraulico, elttrico, fotovoltaico, etc) . Ovviamente abbiamo intenzione di usufruire delle detrazioni di ristrutturazione o risparmio energetico. Secondo lei dobbiamo presentare in comune 3 pratiche edilizie:1 a livello condominiale e le altre due per i singoli appartamenti? E poi fare 3 pratiche per detrazioni con invio ad enea? Il geometra che ci seguirà i lavori dice si può aprire un'unica pratica edilizia. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ezio 2019-05-19 14:55
Buongiorno. Lei ha inserito la realizzazione di controsoffittatura tra le opere soggette a Cila ma ciò non è coerente con il punto 12 del glossario, fermo restando che non sia strutturale e che siano rispettate le differenti quote minime previste se locale abitabile o funzionale. Può per favore chiarire? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Pietro Barilli 2019-05-17 19:29
Buongiorno,
Dovrei rifare l'intonaco esterno di una villetta per una altezza di 1,8 metri con utilizzo d intonaco anti risalita umidità (lavoro complessivo circa 30 mq). In questo caso si tratta di manutenzione ordinaria ? Devo fare la cila o scia ? E se voglio detrarre fiscalmente c'è qualche altra comunicazione da fare ? Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# emma 2019-05-17 19:04
Buonasera Ingegnere, inizierò fra qualche mese i lavori nel mio appartamento e prevedo di:
- spostare alcuni tramezzi (no modifiche strutturali)
- spostare la cucina da un lato all'altro della casa
- rifare del tutto i bagni
- rifare gli impianti e sostituire la caldaia (tutti risalgono al 2003)
- sostituire un infisso
- posare nuovo pavimento su quello esistente
- realizzare alcuni controsoffitti in cartongesso e forse un piccolo soppalco non praticabile sopra il corridoio.
Non ho ancora capito se si tratta di manutenzione straordinaria o di ristrutturazione edilizia. Grazie mille se potrà chiarirmi il dubbio. Cordiali saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# DANIELE TANNOIA 2019-05-17 10:58
Ho letto oggi il suo articolo e lo trovo dettagliato e molto interessante, ma non ho trovato da nessuna parte se la CILA necessita di un fine lavori. Sa darmi qualche risposta?

grazie in anticipo e cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Dario 2019-05-16 14:29
Buongiorno ing. Madera, volevo gentilmente chiederle, dovrei effettuare dei lavori in casa: impianto elettrico, idraulico, rifacimento bagno. Volevo sapere se,per ottenere le detrazioni fiscali, devo fare qualche comunicazione di inizio lavori. Grazie buon lavoro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-05-16 17:19
Salve Dario, legga qui studiomadera.it/.../... saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Vincenzo 2019-05-14 23:43
Buonasera,
mi trovo una casa plurifamiliare ma senza condominio.
1) Bisogna eseguire dei lavori comuni quali cappotto esterno e rifacimento del tetto. E' necessaria CILA o SCIA?
2) La mia abitazione deve subire una serie di interventi qauli rifacimento impianto idrico ed elettrico, creare nuove stanze, sostituzione degli infissi esterni, ecc. Nel mio caso si tratta di una manutenzione straordinaria o ristrutturazione? Devo presentare una SCIA o CILA a parte?

Grazie per il supporto

Vincenzo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gaetano 2019-05-14 14:50
Buongiorno. Dovrei sostituire cancelli e ringhiere di recinzione su muretti già esistenti. Mantenendo le stesse altezze rientrano nelle manutenzioni ordinarie? Le spese possono andare in detrazione? Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-14 18:27
Si, direi ordinaria, salvo regolamenti locali. Sono condominiali o esclusive?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Lorena Leone 2019-05-09 11:36
buongiorno,
dovrei rifare il bagno, piastrelle, pavimento, tubature e massetto, è necessaria la cila?
avevo chiamato l'agenzia delle entrate e mi avevano detto di no, ma sono dubbiosa.
la ringrazio per la risposta.
l.leone
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudia 2019-05-07 16:09
Buonasera Ingegnere, ho presentato al caaf, per la dichiarazione dei redditi, fatture per bonus acquisto mobili, effettuati dopo la presentazione della pratica cila da parte dello studio che segue la mia pratica. Nella pratica però, presentata il 15 novembre 2018, la data di inizio lavori fisici è stata fissata per il 19 novembre. Io ho effettuato pagamenti per la cucina e la camera in data 17 novembre 2018 ed il caaf sostiene quindi che queste spese non possano essere detraibili perchè sostenute prima dell'inizio dei lavori fisici. E' corretto ciò che dicono o fa fede la data di protocollo della cila? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-07 21:38
Hanno ragione, però chieda all'Agenzia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudia 2019-05-09 20:58
Citazione Madera ing, Vincenzo:
Hanno ragione, però chieda all'Agenzia

Buonasera Architetto, fatto presente al geometra che ha sbagliato la data inizio lavori, lui ha mandato al comune un'integrazione alla pratica dichiarando un suo errore di battitura e ci ha fatto avere la ricevuta di integrazione della pratica da parte del Comune..con questi due documenti potremmo avere le detrazioni che inizialmente il caaf ci ha negato? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-05-10 14:48
A questo punto si, saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# flavia 2019-05-06 22:23
buonasera, faccio parte di un piccolo condominio, senza amministratore, composto da 5 appartamenti, a breve inziamo una manutenzione ordinaria della palazzina, ovvero risistemiamo gli intonachi, non modifichiamo nulla e manteniamo lo stesso colore; non riusciamo a capire se è necessario la nomina di un direttore dei lavori, sapete darmi qualche indicazione? abbiamo fatto la CIL
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-05-07 09:41
Non è obbligatori da quel che dice. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Attila 2019-05-06 20:06
Buonasera, sollevo un tema discusso in passato per capire se e' cambiato il contesto legislativo.Vorrei costruire una tettoia in legno 3x5m libera su tre lati a copertura di un terrazzo posto all'ultimo piano del mio edificio. Leggo su questo estratto:
ltshop.legislazionetecnica.it/ .../...
Desumo si tratti di:
-struttura pertinenziale in quanto funzionale a un edificio principale (senza edificio la tettoia non puo' essere utilizzata).
-in quanto intervento pertinenziale, non è “nuova costruzione” ...non necessita di PdC,
- non e' intervento libero...
Se tutto e' corretto,oggi, basta una CILA?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Orianna 2019-05-06 19:03
Buonasera, volevo sapere se per fare il nuovo allacciamento della fognatura ho la detrazione fiscale.
La ho eseguita in ottobre 2018 e ho modificato quella esistente, mi hanno fatto la fattura con iva 10% e ho pagato con bonifico.
Mi spetta la detrazione del 50%?
Grazie della risposta
Orianna
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# emma 2019-05-05 11:29
Buongiorno Ingegnere, inizierò fra qualche mese i lavori nel mio appartamento e prevedo di:
- spostare alcuni tramezzi (no modifiche strutturali)
- spostare la cucina da un lato all'altro della casa
- rifare del tutto i bagni
- rifare gli impianti e sostituire la caldaia (tutti risalgono al 2003)
- sostituire un infisso
- posare nuovo pavimento su quello esistente
- realizzare alcuni controsoffitti in cartongesso e forse un piccolo soppalco non praticabile sopra il corridoio.
Non ho ancora capito se si tratta di manutenzione straordinaria o di ristrutturazione edilizia. Grazie mille se potrà chiarirmi il dubbio. Cordiali saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Naima 2019-05-03 10:02
Buongiorno, è possibile richiedere la detrazione per interventi che prevedono solo la CILA senza modifiche degli spazi interni di un appartemento? E senza la CILA? (la CILA sarebbe necessaria solo per la realizzazione di un controsoffitto per alloggiare il condizionatore, ancora da decidere)
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-05-03 10:29
Legga questo studiomadera.it/.../... saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ivan 2019-05-01 16:01
Salve, ho appena acquistato un immobile in stato grezzo avanzato, pertanto nuovo...devo solo fare i pavimenti (riscaldamento a pavimento già montato prima dell acquisto), e il bagno...senza demolizione alcuna per ciò che riguarda i volumi...la domanda è la seguente...sono stato in banca per la richiesta mutuo (vorrei far rientrare anche parte dei costi di pavimentazione e bagno)...e tra i documenti richiesti c è appunto la scia...devo farla?!...a chi la richiedo?...quanto costa per ciò di cui ho bisogno?
Cordiali saluti.
Buon 1 maggio
Ivan
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-02 10:22
Salve Ivan, essendo al grezzo, non credo sia stata fatta la fine lavori e l'agibilità. Le serve un professionista sicuro.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Antonio 2019-04-30 15:22
Buongiorno Ing.
dovrei solo sostituire gli infissi nella mia abitazione. Vorrei portare L importo in detrazione. A questo proposito vorrei chiederle:
1- devo richiedere CILA o SCIA?
2- se si, devo indicare manutenzione ordinaria ?

Sono un po’ confuso, poiché il cambio dei soli infissi ricadrebbe in manutenzione ordinaria, però così facendo non potrei usufruire della detrazione fiscale.

Come mi consiglia di procedere? Grazie mille.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-02 10:25 Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# raffaella 2019-04-29 13:08
Buongiorno,
devo fare lavori per sostituzione tubi nei bagni e in cucina, con contestuale rifacimento pavimenti e sostituzione sanitari, box docce (in un bagno sostituzione vasca con doccia) e cassette di scarico wc. Nessuno spostamento di pareti. Non capisco se si tratta di manutenzione ordinaria o straordinaria e pertanto se sono obbligata o meno a presentare pratica in Comune (basta comunicazione generica o serve CILA e, nel caso, posso presentarla direttamente io in qualità di proprietario?). Alcuni mi dicono che è sufficiente una lettera all'ASL...
L'intervento viene eseguito da muratore e idraulico, entrambi imprese individuali.
La ringrazio per il riscontro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Lorena Leone 2019-05-10 15:08
raffaella piacerebbe anche a me conoscere una risposta certa in quanto anche io ho gli stessi lavori da fare ma c'è chi mi dice che sono opere di ordinaria amministrazione e chi mi dice che conviene cmq fare la cila ma non è obbligatoria, insomma non si riesce a capire in modo chiaro cosa fare. e se non presento la cila posso cmq detrarre nel 730?
se riesce a sapere qualcosa lei me lo fa sapere?
grazie infinite
lorena
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2019-04-26 12:32
Buongorno Ingegnere.
Sto valutando la possibilità di realizzare una casetta in legno per ricovero attrezzi (24 mq ca.).
L'Ufficio tecnico del mio Comune (Modena) mi ha informato che posso procedere con una CILA solo se la normativa antisismica non prevede per questo tipo di manufatto un deposito del progetto antisismico. Può darmi per cortesia qualche informazione su come posso procedere per effettuare questa verifica? In caso contrario dovrei invece procedere con una SCIA.
Grazie per l'eventuale attenzione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giussppe 2019-04-26 12:30
Buongiorno Ingegnere,
Ho acquistato un immobile un mese fa e sono in procinto di effettuare alcuni lavori di ristrutturazione. Per quanto riguarda le opere murarie dovrei solo spostare la porta della cucina da una parete all'altra e ovviamente mutare la parete con la porta attuale: per questo tipo di lavoro è obbligatoria una pratica cioè ed anche aggiornare il catasto?

Grazie mille e buona giornata
Giuseppe
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giussppe 2019-04-26 12:57
*pratica CILA.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Rosanna 2019-04-22 12:33
Buongiorno ingegnere, sono in procinto di acquistare una casetra al mare, e dovrei programmare qualche lavoro. Dovrei spostare un tramezzo x rendere maggiormente fruibile la cucina, oltre all'ammodernamento degli impianti della stessa. Devo chiedere permessi? Grazie per la delucidazione
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-04-22 21:06
CErto, legga qui studiomadera.it/.../... saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Klara 2019-04-18 18:50
Salve ing Madera, nel 2005 abbiamo comprato la casa tramite agenzia immobiliare, dopo quache anno ci siamo accorto che la planemetria catastale non corrisponde alla reale: praticamente la porta della cucina e stata spostata dall'altro parte di lo stesso muro (divisorio), adesso vogliamo vendere la casa, dobbiamo sanarla o non comporterebbe nessun problema? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-04-19 14:18
Deve vedere in Comune la conformità urbanistica, si affidi ad un tecnico per evitare problemi in futuro...legga qui www.studiomadera.it/.../ saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# deborah 2019-04-18 09:32
Vivo da oltre un anno nella casa appena costruita e agibile
Ho deciso di integrare il riscaldamento con una caldaia a gas (sino ad ora avevo una stufa), inoltre voglio modificare le finiture dell'intonaco esterno (ora rustico) con rasatura e finitura colorata. Le chiedo cortesemente se tali opere possono rientrare nelle detrazioni fiscali.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-04-19 14:21
Si Deborah, saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giuseppe 2019-04-17 11:29
Salve, volevo chiederle un parere. I miei suoceri hanno ottenuto la sanatoria nel 2010 per il loro appartamento a Roma. Tuttavia l'appartamneto non rispetta i parametri di agibilita': cucina in chiostrina, 2 camere piu' piccole di 9mq. Problema: la societa` che fece la richiesta di sanatoria allego' una planimetria difforme a quella dello stato della casa. Per regolarizzare la planimetria al catasto sarebbe sufficiente inglobare, rimuovendo un parte di una parete, una delle camere piu' piccole di 9mq al soggiorno. E' possibile farlo con una cila lasciando inalterata il resto della casa che pur non rispettando i parametri di agibilita' e' stato sanato ? Grazie, cordiali saluti Giuseppe
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-04-17 22:09
E' un bel casino..contatti un tecnico...non è semplice...deve trovare una soluzione che garantisca la continuità della conformità....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Saverio 2019-04-15 19:19
Buonasera ingegnere, dovrei effettuare le opere di ristrutturazione bagno comprensivo di impianti e spostamento di una parete con relativo progetto da parte di geometra. Effettuerei i lavori di muratura in economia ovvero fai da te mentre per quanto riguarda gli impianti verranno effettuati da tecnici per il rilascio della documentazione di conformità. E' possibile fare ciò con la CILA?
grazie in anticipo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# caltran giorgio 2019-04-12 08:19
Ingegnere buon giorno , per rifacimento pavimento cucina ed impianti sottostanti, eventuali acconti devono essere fatti dopo preesntazione CILA? per sostituzione mobili cucina acconti e fattura devono essere fatti con bonifico specifico per ristrutturazione ed acconto dopo la CILA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-13 09:38
Gentile Giorgio, legga il paragrafo sulle assenza di titolo dell'articolo sulle detrazioni:
studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# luigi bonini 2019-04-11 21:18
Devo rifare intonaco e tinteggiatura delle pareti esterne della mia abitazione. Inoltre devo allargare il portone di ingresso del garage e restringere una apertura interna allungando un muro portante. Occorre una SCIA? Ho diritto alle detrazioni fiscali su tutto l'importo dei lavori anche se la parte intonaco e tinteggiatura è di gran lunga superiore a quella degli altri interventi? Grazie anticipatamente e buona serata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alessio 2019-04-11 20:21
Salve, ho acquistato una casa singola e dovrei riorganizzazione gli interni senza toccare i muri portanti, basta aprire una cila? Posso fare il lavoro in economia? Grazie per la risposta. Buona serata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alessio 2019-04-13 18:07
Attendo un suo gentile riscontro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-15 09:24
Salve Alessio, si cila, non può farlo...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Salvatore 2019-04-11 09:37
Buongiorno Ing. Madera.

Sono il proprietario di un immobile residenziale, singola unità immobiliare. Dovrei effettuare il rifacimento della facciata esterna. Posso accedere alle detrazioni del 50%? E' necessaria comunicazione all'Enea? Devo fare indicare in fattura lavori di manutenzione straordinaria o ristrutturazione edilizia? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-04-11 11:01
è manutenzione ordinaria studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco 2019-04-06 10:12
Grazie per la Sua precedente risposta Sig. Vincenzo.
Quello che ancora non mi è molto chiaro è questo:
Se effettuo lavori in edilizia libera (posa guaina sotto tegole) e tinteggiatura delle pareti esterne posso comunque usufruire della detrazione del 50%? Abito in una palazzina con due unità abitative.Grazie mille.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ANDREA 2019-04-08 19:53
Buona sera, egregio Ing. MADERA. Siamo due proprietari confinanti e vorremmo modificare per motivi di sicurezza il divisorio in muratura del balcone esistente (larghezza cm. 320 x altezza cm. 170) innalzandolo di ulteriori 100 cm. con una vetrata fissa in alluminio o con vetromattoni. E’ necessaria una dichiarazione di inizio lavori? Possiamo usufruire della detrazione fiscale? Grati per un Suo gradito riscontro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-08 08:46
No non può, sono manutenzioni ordinarie...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ANDREA 2019-04-08 19:57
Mi scusi, Ingegnere. Non posso effettuare il lavoro?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-08 20:38
Salve Andrea, ha commentato sotto Francesco e si è creata confusione. Sarebbe modifica di facciata, davvero troppe pratiche per un simile intervento...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Massimo 2019-04-06 10:04
Buongiorno Ing. Madera,
ho acquistato un appartamento al rustico (come prima casa) e debbo quindi completarlo facendo pavimenti e rivestimenti, sanitari e porte interne. Inoltre vorrei realizzare all'interno un piccolo ambiente separato con del cartongesso. Se ho capito bene dovrei aprire una CILA per poter usufruire dell'IVA al 10% e delle detrazioni fiscali. Posso acquistare i materiali necessari (porte, sanitari, parquet) direttamente o debbo farli acquistare dall'impresa? grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco 2019-04-04 18:05
Buonasera Ingegnere abito un una villetta bifamiliare e dobbiamo eseguire dei lavori di posa della guaina sotto tegole, allargare un lucernario e pitturare le facciate. Mi è stato detto che serve una SCIA per fare i lavori e portare in detrazione i lavori, è corretto? Chiedo anche se dal 2019 per portare in detrazione i lavori per ristrutturazione al 50% è necessario presentare anche l'ENEA.Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-05 10:52
Si a tutti e due....le consiglio questo articolo studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# paolo 2019-04-04 00:32
Salve mia moglie in separazione dei beni è proprietaria dell'appartamento da ristrutturare io coniuge convivente pago i lavori per il diritto ai benefici fiscali, le chiedo a nome di chi si deve presentare la cila al comune proprietario o beneficiario fiscale?
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Tano 2019-04-02 16:34
Salve. avrei intenzione di fare una parete in cartongesso ad angolo in un lavatoio per separare l'angolo dove è sistemata la lavatrice ed il lavello. La piccola parete avrà una altezza che va 176 a 200 cm a forma di L misure 120x50. Per fare ciò occorre una autorizzazione particolare CILA o SCIA?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-03 09:35 Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Tano 2019-04-02 16:32
Salve. avrei intenzione di fare una parete in cartongesso ad angolo in un lavatoio per separare l'angolo dove è sistemata la lavatrice ed il lavello. La piccola parete avrà una altezza che va 176 a 20 cm a forma di L misure 120x50. Per fare ciò occorre una autorizzazione particolare CILA o SCIA?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# patrizia 2019-04-01 14:41
Buongiorno, vorrei sapere se è possibile acquistare i materiali per la ristrutturazione prima della presentazione della CILA?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# giuliano 2019-03-30 10:34
Buongiorno, chiedevo cortesemente un'informazione. Abito in una piccola palazzina molto vecchia. La vicina che mi abita sopra stà ristrutturando e ho paura che faccia danni (spero non crolli tutto) perché non c'è un tecnico che segue i lavori, si è presa 2 uomini e rompe tutto a modo suo.... se mette a nuovo imp. luce-gas-acqua quindi togliendo pavimenti e tubi vecchi, toglie vasca e mette doccia.. ci vuole comunicazione in comune e cartello inizio lavori fuori dalla porta? Muri non credo ne tolga ma non posso giurarci perchè in casa non ci sono stato.Vorrei poter stare tranquillo che non faccia danni pesanti alla struttura. Grazie Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Madera 2019-04-01 08:25
Salve Giuliano,
chiami i vigili per un controllo. Se è in regola non le faranno niente, altrimenti dovrà ripristinare la condizione precedente...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# diego 2019-03-28 17:52
Buongiorno,
vorrei sapere alcune informazioni:
Vorrei ristruttura casa in particolare tinteggiatura esterna e intonaco in parte, tinteggiatura interna, modifica del sistema allarme, modifica leggere sistema elettrico come spostare prese, installazione di inferriate.
per tutte queste cose posso evitare di fare pratica come Cila oppure Scia?
Per usufruire del bonus mobili è sufficiente la tinteggiatura esterna della villa e intonaco parziale? Oppure installazione pensilina a due finestre? oppure installazione di condizionatori?
.
Grazie, aspetto risposta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-30 09:25
Io farei la cila, per le motivazioni espresse in questo articolo:
studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alessandra 2019-03-27 11:08
Buongiorno. Ho letto tutto l'articolo e lo trovo molto interessante. Io devo lucidare il parquet, sostituzione dei sanitari e della caldaia, spostare delle prese e tinteggiare le pareti interne. Quindi posso procede ai lavori senza CILA, SCIA ecc...? Per le detrazioni fiscali (50%?) sul sito dell'enea chiedono una dichiarazione all'Asl di appartenenza...quindi? altra news??
La ringrazio per la sua pazienza..
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Madera 2019-03-28 11:38
Salve Alessandra, legga il paragrafo " Se gli interventi, pur essendo compresi tra quelli agevolabili, non richiedono permessi e autorizzazioni edilizie, cosa devo fare?" di questo articolo studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Luca 2019-03-26 19:09
Buonasera,
Ho una pratica di ristrutturazione straordinaria di civile abitazione in corso da fine 2017 vorrei sostituire 4 porte interne. Posso beneficiare dellla detrazione al 50% sul costo delle porte? L’IVA da applicare alle porte è il 10%?
Grazie in anticipo.
Buona serata.
Luca.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-26 19:43
Se è ancora aperta la pratica si...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Fabio 2019-03-26 18:05
Buonasera, in riferimento alle ultime normative , volevo gentilmente sapere se per rimuovere delle lastre di amianto poggiate su un un tetto in cemento armato di un garage occorre una scia o una cila o altro? Grazie in anticipo

Fabio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-26 19:44 Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Valentina 2019-03-24 21:28
Ebuonasera ing. Ieri le ho posto la mia domanda, ho visto che ha risposto a tutti tranne che a me, mi piacerebbe sapere cosa fare. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Erika 2019-03-24 12:27
Buongiorno Ing. ,
A fine febbraio il mio architetto ha chiuso la mia pratica cila ( aperta a fine ottobre 2018) causa montaggio mobili per sicurezza installatori. Ho ancora dei lavori da fare , tipo installazione addolcitore e rifacimento guaina tettoia, posso ancora usufruirne ? Se si, ha una durata di quanto? Grazie e buona giornata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-03-24 15:34
Salve Erika,
usufruire delle detrazioni intendi?
Nel caso, solo se realizzi opere di straordinaria manutenzione...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Erika 2019-03-28 07:17
Si mi scusi, usufruire delle detrazioni fiscali, è precisamente installazione addolcitore, rifacimento guaina tettoia, è sostituzione basculante. Ma dalla chiusura della cila ho tempo tre anni per usufruire ancora delle agevolazioni? Grazie e buona giornata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudio 2019-03-24 11:41
Buongiorno, ho appena terminato i lavori di ristrutturazione della mia abitazione, con due pratiche edilizie separate una per ristrutturazione e una per piano casa ampliamento, hanno due percorsi separati, il .tecnico ora per la comunicazione fine lavori mi chiede di produrre le certficazioni degli impianti, che io ho regolarmente richiesto all'installatore, però me le ha prodotte senza allegare l'elenco materiali e visualizzare camerale, è solo dopo qualche mese ho capito che forse non erano regolari, la mia domanda è posso comunque chiudere i lavori e accatastare l'immobile, senza produrre le certificazioni, tenendo conto che non mi interessa l'agibilità. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-03-24 15:37
Claudio, se le richiede il Comune deve presentarle...e comunque la ditta non può inviare documenti non regolari
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Valentina 2019-03-23 21:37
Salve, abito in un complesso di 8 villette in un vicolo privato ma accatastato non come strada ma come cortile. Ora siamo in procinto di asfalsare. La mia domanda è : per poterbdetrarre, devo fare richiesta di scia o cila o mi diceva gente non competente di un uscita di un geologo. Grazie anticipatamente per la cortese risposta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Madera 2019-03-26 14:45
Deve studiare dai regolamenti locali in che categoria di interventi ricade questa opera...dalla manutenzione in sù necessita di pratica comunale e può detrarre
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Valentina 2019-03-26 17:08
Citazione Madera Ing. Madera:
Deve studiare dai regolamenti locali in che categoria di interventi ricade questa opera...dalla manutenzione in sù necessita di pratica comunale e può detrarre

Ci hanno detto che risulta come manutenzione straordinaria, quindi bisogna rare cia o cila? Ma anche se non si detrae? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-26 19:45
Straordinaria=cila, anche se non detrae, a questo punto detragga...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# annarita piazzesi 2019-03-22 08:36
Buongiorno,
vorrei sapere se è possibile non pagare la sanzione di 1000 euro presentando cila tardiva oggi relativa a lavori di manutenzione straordinaria fatti prima del 2010 senza averne dato comunicazione,essendo trascorsi più di 5 anni dalla mancata necessaria comunicazione.Grazie.Annarita Piazzesi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Madera 2019-03-22 09:49
Tutto spiegato qui
studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# diego 2019-03-21 12:29
Buongiorno,
vorrei sapere alcune informazioni:
Vorrei ristruttura casa in particolare tinteggiatura esterna e intonaco in parte, tinteggiatura interna, modifica del sistema allarme, modifica leggere sistema elettrico come spostare prese, installazione di inferriate.
per tutte queste cose posso evitare di fare pratica come Cila oppure Scia?
Per usufruire del bonus mobili è sufficiente la tinteggiatura esterna della villa e intonaco parziale?
La casa è una bifamiliare divisa in due lati per il verticale, con indipendente tutto tranne la parete confinante.
Grazie, aspetto risposta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Federico 2019-03-20 10:40
Buongiorno Ingegnere,
Sono in procinto di effettuare manutenzione straordinaria in bagno con CILA già aperta. Ho deciso di comprare autonomamente tutti i materiali per il bagno, comprese mattonelle, sanitari, mobile lavabo, attacchi. Posto che pagherò l'iva al 22% , ho comunque diritto alla detrazione del 50% su tutte queste cose, giusto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Madera 2019-03-20 19:44
Si Federico.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ChiaraC 2019-03-20 10:13
Buongiorno Ingegnere, la ringrazio per i suoi articoli ma avrei bisogno di un chiarimento. Ho aperto una pratica CILA in comune per la manutenzione straordinaria della mia prima casa. Sto ristrutturando il bagno e vorrei capire se i sanitari e le rubinetterie acquistate senza manodopera hanno diritto all’iva agevolata al 10 o meno. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Massimo 2019-03-20 14:29
Scusami, mi vorrei confrontare anche con te. Da quello che leggo nell'articolo la ristrutturazione che stai facendo per il bagno non necessita di CILA. Per essere più sicuro di aver capito bene la cosa ho fatto due volte la stessa domanda ma non è seguita risposta. Perchè tu invece hai deviso di fare la CILA? Grazie.
Massimo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ChiaraC 2019-03-20 15:00
Salve, ho aperto una pratica Cila poichè l'impianto è da sistemare a causa di una perdita nel muro. la SCIA non era necessaria ma almeno la CILA sì. In questo modo ho anche diritto alle detrazioni fiscali.
Non utilizzo la manodopera per le rubinetterie ed i sanitari poichè le aziende sono diverse e una parte dei lavori riesco a farli in economia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Massimo 2019-03-20 16:50
Ok, capisco. Ma leggendo l''art 6 del Testo Unico sull'Edilizia e l'articolo dell'Ingegnere, da quello che capisco la CILA non era necessaria per i lavori che stai facendo. A rafforzare la mia tesi ho trovato anche questo articolo: www.laleggepertutti.it/.../
Ti ringrazio per avermi risposto, ora ho le idee un pò più chiare...... credo :-) Buona serata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mauro 2019-03-21 00:04
A quanto ho capito, il decreto del 2 marzo 2018 ha classificato la ristrutturazione del bagno da "manutenzione straordinaria" a "ordinaria", ma per ottenere la detrazione secondo l'AdE è ancora straordinaria, quindi CILA
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alessandra 2019-03-20 03:48
Buonasera ingegnere,sono proprietaria di un locale commerciale che vorrei fornire di canna fumaria per poterlo vendere/affittare per la ristorazione. La canna fumaria da installare dovrebbe passare all'interno della chiostrina del palazzo dove è già presente una canna fumaria in eternit, ormai inutilizzata, che farò smaltire da una ditta tramite il piano lavori. L'installazione della nuova canna fumaria deve essere accompagnata da una pratica edilizia eseguita da un tecnico?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-20 09:59
Salve Alessandra, cila + progetto impiantistico studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Massimo 2019-03-19 18:56
Buonasera ingegnere, per favore potrebbe aiutarmi a fugare ogni dubbio rispondendo anche alla mia domanda? gliela ripropongo si seguito.Vorrei far ristrutturare un appartamento, i lavori da eseguire sono: rimozione e posa di mattonelle del balcone; rimozione e sucessiva posa dei pavimenti in tutta casa; rimozione e successiva posa delle piastrelle della cucina e bagno; rifacimento dell'impianto elettrico, impianto idraulico e impianto di riscaldamento. Sostituzione di infissi esterni e porte interne. Nessun abbattimento di tramezzi, nessuna variazione di misure di porte e finestre. Per questi lavori c'è bisogno di fare una comunicazione al Comune? Grazie, saluti. Massimo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Roberta 2019-03-18 23:13
Buonasera ingegnere, le chiedo gentilmente un informazione,
vorrei installare su un tetto di una casa di mia
proprietà le grondaie in rame con canaline di scolo, tubi
e tutti gli annessi. (Mai esistite precedentemente).
Inoltre sempre nel tetto dovrei sostituire dei travi in
legno, ma solo per questione estetica,
non di portanza strutturale.
Posso usufruire della detrazione 50%?
Devo presentare qualche domanda?
Grazie in anticipo per l’attenzione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-19 16:37
Certo, esegue opere strutturali, deve presentare una scia...www.studiomadera.it/news/45-scia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Massimo 2019-03-18 20:25
Buonasera, grazie per tutte le spiegazioni. Per essere davvero sicuro di aver capito disturbo con questa domanda: vorrei far ristrutturare un appartamento, i lavori da eseguire sono: rimozione e posa di mattonelle del balcone; rimozione e sucessiva posa dei pavimenti in tutta casa; rimozione e successiva posa delle piastrelle della cucina e bagno; rifacimento dell'impianto elettrico, impianto idraulico e impianto di riscaldamento. Sostituzione di infissi esterni e porte interne. Nessun abbattimento di tramezzi, nessuna variazione di misure di porte e finestre. Per questi lavori c'è bisogno di fare una comunicazione al Comune? Grazie, saluti. Massimo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Salvatore 2019-03-15 19:57
Salve vorrei un informazione, dovrei accedere al bonus mobili 2019.
Ho acquistato una caldaia a condensazione a marzo 2018 ciò mi ha permesso di accedere al bonus mobili, in merito alla certificazione Enea per la caldaia ho tempo fino ad aprile 2019 come riporta dal sito Enea?
Bisogna certificare anche gli elettrodomestici acquistati per accedere al bonus mobili?
È obbligatorio fare la certificazione Enea per accedere al bonus mobili oppure basta acquisto per ristrutturazione più istallazione tecnico?
Grazie mille
Nel caso posso inviare la documentazione per effettuare la richiesta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-03-16 10:04
Non vi è una scadenza. Per prassi uso come scadenza il 31 dicembre di quell'anno.
Per il bonus mobili consiglio questo articolo
studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Sergio De Nuzzo 2019-03-15 18:14
Salve ingegnere, vorrei alcuni consigli,avrei bisogno di realizzare gli impianti idrico termico ed elettrico per un mio edificio di nuova costruzione ,terminato da qualche anno a livello di rustico.Mi hanno consigliato di aprire una SCIA ma onestamente non mi è chiaro se basterebbe in effetti una semplice CILA .premetto che manca la comunicazione al comune di fine lavori o di aggiornamento dello stato di essi,magari questo è rilevante nella scelta.Inoltre vorrei capire se in qualità di tecnico abilitato da poco (ing. civile A) e anche proprietario dell'edificio stesso posso occuparmi della parte relativa ai documenti non avendo ancora l'iscrizione all inarcassa.cordiali saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Daria Malaguzzi 2019-03-15 16:48
Buonasera Ingegnere,
innanzitutto è molto gentile e rispondere a tutti!
Sono in procinto di aprire una CILA per i seguenti lavori: rifacimento di un bagno dalla pavimentazione alla sostituzione dei sanitari, eliminazione di una parete non portante, controsoffitti in cartongesso in un paio di zone e poi posa del parquet sul primo pavimento
Vorrei capire se la posa del parquet rientra nella possibile detrazione o meno e ugualmente il discorso del bagno..
grazie mille per la disponibilità
cari saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-15 18:29
Certo, metta tutto nella ristrutturazione....Per la posa del parquet Le consiglio questo articolo studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# luca pulci 2019-03-13 18:14
buonasera. sto per effettuare la realizzazione di pavimentazione per ampliamento zona parcheggio. ho dato tutto in mano a geometra che presentando la richiesta in comune ha fatto svolgere anche relazione geologica. la mia domanda è: tale intervento fa parte dei casi in cui posso richiedere la detrazione edilizia? e vale anche per le fatture del geologo e geometra oltre che impresa edile? se i devo pagare tutti con bonifico parlante? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-13 18:48
Salve Pulci,
dipende da cosa realizza e dalla pratica che presenta il GEometra. NEl caso, tutto in detrazione, con bonifico parlante
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# luca pulci 2019-03-13 18:58
realizzo un piazzale ad uso parcheggio su terreno presente nella mia abitazione. il geometra va a presentare un progetto per la realizzazione di pavimentazione per ampliamento zona parcheggio. quindi verrà fatto un muro di contenimento sul terreno e riempito con materiali adatti e cementato come pavimentazione. nel caso fosse sbagliato, come va presentato per usufruire delle detrazioni? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-13 19:05
Salve, ma che progetto?
Se realizza un muro di contenimento depositerà una scia, quindi va benissimo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Chiara 2019-03-11 20:06
Buonasera,
Devo procedere con lo smantellamento di un camino a legna e conseguentemente con l'installazione di una stufa a pellet da 15kw collegata alla caldaia per il riscaldamento. Da quanto letto nelle varie linee guida, è una manutenzione
straordinaria e quindi pensavo di aprire una cila per poter usufruire anche del bonus mobili. Ho capito bene? È possibile aprire la cila per questo tipo di intervento e accedere quindi anche al bonus mobili, oltre alle detrazione del 50%?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-12 16:04
Gentile Chiara,
hai interpretato bene. Oltre alla cila dovrai fare la legge 10
studiomadera.it/.../71-legge10
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mauro 2019-03-11 18:48
Salve devo ristrutturare il bagno (rivestimenti, sanitari e impianto idrico,) ma non sono interessato alle detrazioni. Devo comunque appoggiarmi ad un tecnico e fare la comunicazione al comune di residenza?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-11 19:10
Dipende dai regolamenti locali....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Michele 2019-03-03 20:49
Buonasera, dovrei tinteggiare un vano, cambiare gli infissi interni, montare delle zanzariere, approntare impianto elettrico, idrico e del metano per installare una seconda cucina tutto nel medesimo vano sono necessarie autorizzazioni? Posso fruire le detrazioni del 50%? potrei successivamente utilizzare anche il bonus mobili?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-04 08:09
Salve Michele,
spiegato tutto qui studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Cosimo Giancola 2019-02-26 22:01
Buonasera ho il seguente dubbio, che credo dovremmo porci in molti:
Manutenzione ordinaria, senza CIL. Come fare iva al 10% e detrazione al 50%? Basta fare l'autodichirazione del proprietario, fatture e bonifici?
Per tutte le altre attività rientranti in detrazione e iva agevolata di solito c'è una pratica, oltre alla autodichiarazione del proprietario come prova.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-02-27 08:12
Esatto Cosimo, spiego tutto qui l'equivoco studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Clara 2019-02-26 12:40
Buongiorno, intendo modificare l'impianto elettrico del mio appartamento (con anche opere murarie) e metterlo a norma, rientra nella manutenzione straordinaria con detrazione al 50%? devo farmi rilasciare la certificazione?avrò accesso al bonus mobili? devo comunicare il lavoro all'enea? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mario 2019-02-24 12:59
Gent.mo Ingegnere, ho avuto una perdita nel bagno che ha interessato l'appartamento sottostante. Con l'occasione vorrei rifare tutta pavimentazione e rivestimenti anche cucina adiacente compresi mobili. Il bagno è il risultato di un vecchio intervento non censito. Mi converrebbe fare una CILA con rifacimento bagno e usufruite dei Bonus previsti. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-02-24 15:46
Mario ,
situazione abbastanza delicata. Contatti un tecnico che possa sistemare la situazione!!!!
Ti consiglio questo articolo studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ALFREDO 2019-02-20 20:37
Gentilissimo Ing. MADERA mi appresto a fare piccole opere di ristrutturazione quali spostamenti di pochi tratti di impianto idraulico ed elettrico bagno e cucina, installazione condizionatori, tinteggiatura pareti. Al tempo stesso vorrei far rientrare nella ristrutturazione lo sgravio fiscale del 50 % anche l'acquisto della intera nuova cucina e camera da letto. Devo presentare la dichiarazione inizio attività o rientra tutto nella categoria che non necessità domanda? Tempistica delle fatturazione? La fattura d'acquisto della mobilia e della cucina quando deve essere emessa... In ultimo come devono essere effettuati i bonifico e con che causale?Grazie Alfredo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-02-21 08:26
Deve controllare il regolamenti locali!!
Per tutti le altre domande legga qui studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giorgio 2019-02-20 09:15
Salve Ingegnere, ho fatto una Cila per la costruzione di un tramezzo in cartongesso per dividere una cucina dall'ingresso ( tramezzo voluto in un primo tempo dal Catasto); a 28 giorni dal fine lavori mi arriva il rigetto della pratica ( riguardante appunto il tramezzo costruito), quindi ho provato a rifare la pratica al catasto e questa volta mi hanno accettato l'eliminazione del tramezzo appena costruito.Adesso devo rispondere al rigetto della CILA; rispondo con lettera inviata alla PEC o devo rifare un'altra CILA per demolire il tramezzo; attualmente è valida la SCIA fatta 2anni prima senza il tramezzo sopra citato.Grazie in anticipo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-02-20 09:32
Gentile Giorgio,
su Firenze si deposita la SCIA per demolizione abuso per ripristinare la soluzione. Chieda il corretto iter in Comune
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Jessica 2019-02-19 21:46
Buonasera ingegnere, se io dovessi cambiare infissi , togliere il bombolone gpl dal giardino privato e collegare il gas metano dal contatore ( già presente ) e cambiare caldaia, devo fare qualche richiesta?
saluti, Jessica
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gianni 2019-02-16 13:27
Buongiorno ingegnere, se è stata emessa una cila ma ci sono lavori tipo cambio pavimentazione o sanitari che non sono menzionati nella stessa, posso lo stesso fare detrazione fiscale o bisogna integrare qualcosa alla cila??? Grazie in anticipo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-02-20 09:33
Può detrarli a mio parere
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gianni 2019-02-20 21:48
Grazie ingegnere...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Chiara 2019-02-14 11:03
Buonasera, il mio scaldabagno a gas per la produzione dell'acqua calda sanitaria si è rotto ma, poichè la canna fumaria condominiale è troppo stretta e non avrebbero potuto rilasciare la DIC, ho fatto installare un nuovo scaldabagno sulla parete esterna del balcone (con autorizzazione dell'amministratore), con spostamento dei tubi gas/acqua e cavo elettrico.
E' stata emessa fattura con iva 10%.
Le mie domande:-la dic deve citare un progetto di un tecnico o basta uno schema dell'installatore? -è corretto usufruire di iva 10%?-manutenzione ordinaria o straordinaria? -posso usufruire della detrazione fiscale al 50%? -se sì,come pagare e quali comunicazioni/permessi servono?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Raffaele 2019-02-09 23:09
Gentile Ing. Madera
Un chiarimento, devo sostituire solo la caldaia, ho letto questa guida, ho capito di non essere soggetto ad alcuna pratica.
A questo indirizzo internet “http://www.fiscooggi.it/posta/sostituzione-della- caldaia-e-bonus-mobili” mi sembra sia riportato il contrario.
A seguire la nota della pagina suindicata dovrei presentare la CILA.
Al Comune mi suggeriscono di presentarla CILA.
Nel modulo CILA, tra l’altro, è richiesta l’asseverazione del tecnico progettista “…che l’intervento, sopra descritto, è conforme agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti, nonché che è compatibile con la normativa in materia sismica e con quella sul rendimento energetico nell'edilizia e che non vi è interessamento delle parti strutturali dell'edificio.”
Ma nello specifico il tecnico progettista che mansioni ha, (la sostituzione comporta la modifica dei sostegni della caldaia) che cosa dovrebbe asseverare, considerato che non c’è alcuna attinenza con la sostituzione della caldaia ne ci sono elaborati progettuali?
Coma al solito si è come “l’asino in mezzo ai suoni”.
Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gianni 2019-02-08 20:38
Buonasera ingegnere, il mio tecnico ha consegnato oggi la Cila a allo sportello, alla domanda "DA QUANDO L INIZIO LAVORI" mi risponde il 10 marzo, quando invece da un suo articolo la Cila e operativa dal giorno stesso della consegna? Grazie in anticipo e buona sera.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-27 22:26
Buonasera,
Sono prossimo alla fine dei lavori di ristrutturazione straordinaria, ho aperto una Cila qualche mese fa, volevo chiederle se le fatture devono essere emesse prima della chiusura della Cila, in caso contrario entro quanto dovrebbero essere emesse.
Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-30 16:06
si devono essere emesse prima della comunicazione di fine lavori
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marco 2019-01-27 19:26
Degli amici hanno acquistato una casa allo stato grezzo avanzato.Il pdc è scaduto e gli interventi che mancano sono finiture (pavimenti, intonaci etc), finestrature, parapetti dei balconi, scala interna pref. e completamento impianti.Non esiste una pratica per completamento opere da pdc scaduto?Nella SCIA trovo interventi di ristrutturazione o di manutenzione.Che strada devo seguire?Devo ripresentare la legge 10 o posso attenermi a quella presentata con il pdc scaduto nel 2016?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-01-27 20:10
la legge 10 se non cambiate niente è ok...sentite il comune, dipende dagli interventi che fate e dai regolamenti locali..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# caterina 2019-01-27 08:42
carissimo Ing.
ho chiuso una cila a dicembre per ristrutturazione di un appartamento nel quale ho anche sostituito caldaia e infissi (miglioramento energetico).
per usufruire l'agevolazione al 50%
è necessario presentare la pratica anche all'ENEA?
Grazie e buon lavoro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-01-27 11:03
Salve Caterina, si è necessario. Ne deve presentare due. Se vuole noi ce ne occupiamo, mi contatti nel caso..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# caterina 2019-01-25 20:26
buona sera Ing.
ho chiuso Cila per ristrutturazione a fine dicembre. gradirei sapere se, per il rimborso al 50%, bisogna necessariamente presentare documentazione anche all'ENEA. Tra i lavori anche miglioramento impianto di riscaldamento, sostituzione infissi.
grazie.
Caterina
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-01-26 19:07
Si Caterina,
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-22 20:09
Gentile ingegnere,
durante i lavori con cila abbiamo deciso di innalzare la quota dell'appartamento con un massetto alleggerito, in quanto abbiamo deciso di non optare per un sanatrit in un bagno lontano dalla fecale. Ora dobbiamo passare da cila a scia? O una nuova cila con le modifiche apportate?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# GIANNI 2019-01-21 10:19
SALVE INGEGNERE, IO DOVREI FARE UNA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEL BAGNO. E' NECESSARIA LA CILA? SE SI, A SUA VOLTA E NECESSARIO UN TECNICO O POSSO PRESENTARLA ANCHE IO STESSO. GRAZIE IN ANTICIPO.SALUTI.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-01-21 10:49
Salve Gianni, spiego tutto qui
studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marina 2019-01-18 13:09
Gent. Ingegnere,
desidero interrogarLa circa l'ampliamento di una porta finestra su terrazza pertinenziale. All'interno dell'appartamento che ristrutterò a breve, vorrei trasformare una porta finestra stretta in una vetrata più grande. L'infisso di cui parlo si trova in un edificilio condominiale e fa parte di un prospetto laterale e si affaccia su una terrazza di pertinenza del proprietario. Ci troviamo in Sicilia: la legge nazionale prevederebbe un permesso o scia pesante o basterebbe una cila? Il web parla di sentenze e di interpretazioni della legge che non precisa molto su tale tipologia di modifica. Grazie per il tempo che vorrà dedicare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-01-18 13:24
Cila no assolutamente...deve depositare la pratica per la cerchiatura studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-18 15:57
Non ho scritto che l'edificio non è storico/ne si trova in zona vincolata e i muri sono in cemento armato e blocchetti...La cerchiatura necessaria anche in questo caso?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-17 16:02
salve, vorrei piastrellare con marmo la facciata della mia villetta a schiera, quali permessi è necessario richiedere? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Roky86 2019-01-16 23:46
Gentile Ing.Mandera,
il mio tecnico che per fortuna è anche lo stesso del mio comproprietario gli ha presentato una CILA per opere di natura ordinaria nel suo locale commerciale...in corso d'opera togliendo il vecchio cartongesso si sono accorti di un grave problema al solaio da risolvere immediatamente...in pratica andava demolito e ricostruito.
A questo punto sono stato chiamato in causa essendo comproprietario del lastrico solaio al 50% per definire il lavoro.
Le mie domande sono più di una:

1=essendo un opera strutturale possiamo iniziare subito il lavoro per evitare ulteriori danni allo stabile e poi successivamente presentare la documentazione ed i calcoli strutturali,visto che è pericolante?
2=Siamo soggetti a sansioni?
3=Le opere e i permessi si chiedono in comunione? o ognuno fa per se?
Grazie in anticipo per la risposta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-01-17 11:58
Legga questo articolo studiomadera.it/.../... per il punto 1 e 2
Per il punto 3 dovrete compilare il modellino "altri aventi titolo"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Bart 2019-01-16 12:19
Gentile Ing. Madera. Devo ristrutturare il bagno nel mio appartamento sostituendo i sanitari, pavimenti e rivestimenti. Queste opere rientrano nella manutenzione ordinaria senza permessi o comunicazioni? grazie in anticipo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-01-16 17:44 Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Cristina 2019-01-12 20:33
Gentile Ing. Madera, nell'articolo si parla di installazione di pannelli solari e fotovoltaici per i quali non è necessario alcun permesso o comunicazione al di fuori della zona A. Nel centro storico invece come ci si comporta? è necessaria la CILA o la SCIA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# giorgio 2019-01-08 19:50
rientrano nelle detrazioni del 50% gli interventi di rifacimento bagno inclusi: piastrelle pavimento, muri, nuovi sanitari, piatto doccia, lavandino, mobile bagno, con piccolo spostamento dei tubi ? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-01-08 21:07
L'intervento insiste su massetto e impianti?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# giorgio 2019-01-08 23:39
sostituisco anche le piastrelle del pavimento e qualche tubatura per gli scarichi dei sanitari, (e probabilmente dovro' livellare il massetto per sostituire la vecchia vasca da bagno con piatto doccia) + piastrelle muro, sanitari, lavandini, rubinetti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giulio 2019-01-03 16:24
Buongiorno, una domanda sulla agevolazione IVA al 10%: in caso di "manutenzione straordinaria" tale agevolazione si applica anche per i materiali acquistati dal committente o solo per quelli ottenuti tramite la ditta appaltatrice dei lavori? Grazie e buon anno!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-28 18:44
GENTILISSIMO ING COMPLIMENTI PER LA DELUCIDAZIONE TECNICA DELL'ARTICOLO. CHIEDO CONFERMA AD OGGI....IO DEVO SOLO SOSTITUIRE UNA CALDAIA CONVENZIONALE DI 20 ANNI CON UNA MODERNA A CONDENSAZIONE. NON DEVO PRESENTARE ALCUN TITOLO ABILITATIVO?.PER ACCEDERE ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LA SOLA SOSTITUZIONE DELLA CALDAIA OCCORRE CILA? L'IMPIANTO ESISTENTE HA TUTTA LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA'. CORDIALI SALUTI
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-12-29 11:12
Salve, viene spiegato tutto qui studiomadera.it/.../...
A lei la scelta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ING SALVATORESIMONETTI 2019-01-20 12:07
COMPLIMENTI PER LA CHIAREZZA
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Betta 2018-12-27 19:27
Grazie infinite Vincenzo! articolo utilissimo e chiarissimo.
Mi stavo chiedendo però in quale categoria potesse rientrare l'aggiunta di una controparete isolante. Se non ho capito male: siccome modifico la superficie, posso considerarla una manutenzione straordinaria leggera, ma dovrò far aggiornare il catasto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-12-28 15:31
Catasto no, cila si, legge 10 si. Le consiglio l'articolo studiomadera.it/.../71-legge10
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# marghe 2018-12-18 17:23
Salve,
dovrei effettuare dei lavori di rifacimento del tetto sulla mia abitazione nel comune di Impruneta. I lavori per realizzare un tetto ventilato sono di massima questi:
rifacimento copertura , sensa smontaggio dell'orditura in legno primaria e secondaria , ma con assito strutturale in legno e cordolo perimetrale in ferro
Si tratta di manutenzione straordinaria? E in tal caso qual è la comunicazione da inviare al comune?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-19 17:22
Se mette i cordolo a mio parere si, è strutturale.... SCIA.. Ha bisogno della legge 10 (studiomadera.it/.../71-legge10) che noi realizziamo...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-16 11:02
Buongiorno ing. Madera, una settimana fa le ho inviato un quesito e vorrei sapere se, anche più avanti, devo attendermi una risposta oppure, data la mole di domande che ricevete, potete rispondere solo ad alcuni utenti, grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco 2018-12-16 08:25
Salve, ho comprato un appartamento al piano terra con 2 ingressi, nato dall'accorpamento di 2 miniappartamenti, allo stato attuale i 2 ex-miniappartamenti sono comunicanti con un'apertura nel muro di divisione per costituire un unico appartamento. Vorrei affittare una parte dell'appartamento mettendo una porta nell'apertura. Le chiedo se per mettere la porta occorrono permessi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Saverio 2018-12-15 16:00
Salve ingegnere, vorrei demolire parzialmente il tramezzo che divide la cucina dal soggiorno, portandolo ad una altezza di un metro per posizionarci una libreria a scaffali. Questo intervento ha bisogno di qualche permesso? Grazie e saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-16 12:07
Salve Saverio le consiglio la lettura dell'articolo studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-15 14:41
Salve, sono proprietario di un immobile e il vecchio proprietario aveva murato dall'esterno una porta che metteva in comunicazione un vano con una strada comunale. La porta e' presente negli allegati grafici al comune e sulla planimetria catastale. Siccome vorrei procedere alla riapertura del vano e quindi ripristino dello stato dei luoghi vorrei un consiglio su cosa sia richiesto per l'esecuzione dei lavori. Nulla, CILA o SCIA? Saluti. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Arcangelo 2018-12-15 14:45
Da agigungere che e' ancora presente la vecchia serranda inglobata nel muro ancora visibile dall'interno. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-15 15:46
Salve Arcangelo
in questo caso, di solito i comuni, richiedono la SCIA per demolizione difformità, si informi. Naturalmente non le fanno pagare la sanzione.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudio 2018-12-14 17:53
Salve, sto facendo una mautenzione straordinaria dell'immobile di mi mia proprietà e ho comunicato i lavori tramite una CILA.
Ho intenzione di sostituire i vecchi infissi avvalendomi della manodopera e serramenti di un professionista diverso dalla ditta appaltatrice che sta facendo i lavori. Nell'acquisto degli infissi posso usufruire dell'IVA agevolata al 10%? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-15 09:51
Certo, le consiglio la lettura dell'articolo studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# mauro tulli 2018-12-14 17:32
PER LA SOSTITUZIONE DI INFISSI ESTERNI ( FINESTRE E PORTE FINESTRE ) NEL COMUNE DI ROMA CON ALTRO MATERIALE E ALTRA TIPOLOGIA COSA DEVO FAR FARE CILA O SCIA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giacomo 2018-12-14 16:48
Salve,
nel mio residence non è stata ultimata in fase di costruzione la tinteggiatura delle facciate esterne ( manca sia l'intonachino che la pittura finale).
Nell'ipotesi che il blocco di 4 appartamenti di cui fa parte anche il mio voglia terminare a proprie spese questo lavoro per evitare una futura usura del cappotto, quali detrazioni sono disponibili? bisogna comunicare l'inizio dei lavori? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Elisa 2018-12-14 14:41
Buon giorno, vorrei sapere se ho titolo per effettuare la pratica come tecnico professionista e sono anche proprietario non posos presentare la CILA direttamente? grazie e complimenti per il sito.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-11 19:31
come si risolve la dicotomia fra agenzia delle entrate che per l'accesso alle detrazioni pretende un titolo edilizio se le opere da detrarre sono impianti e sostituzione infissi che sono in edilizia libera?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-12 21:13
perchè leggendo la legge occorre tale pratica...almeno sugli impianti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Thomas 2018-12-11 14:19
Salve, articolo molto interessante, nel mio caso specifico però avrei ancora un dubbio...dovrei trasformare la mia vasca in box doccia e volevo sapere se questo rientra nella pratica di ristrutturazione edilizia ordinaria o straordinaria (cila), in quanto per la prima si parla di sanitari e per la seconda non viene specificato nulla...nel caso poi rientrasse in manutenzione str. la comunicazione al comune può essere fatta anche successivamente ed entro quanto tempo?
grazie anticipatamente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ugo 2018-12-09 18:38
Grande e soddisfacenti informazione con specifica professionalità.
Bravo, i miei migliori complimenti
Chiederò lumi se decido di fare il cappotto termico alla mia villetta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-12-10 20:04
Grazie mille Ugo..Mi rende orgoglioso...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ezio 2018-12-09 09:36
Buongiorno Ing.Madera, ho sostituito il condizionatore esistente a servizio del mio appartamento con un nuovo tipo ad inverter e volevo usufruire della detrazione fiscale per le ristrutturazioni edilizie. Su indicazione dell’impresa ho incaricato un tecnico (a mio carico) per la CILA e, dopo aver fornito una montagna di documenti e aver completato pratica e chiuso i lavori, mi ritrovo con una richiesta di verifica domiciliare da parte di tecnici del comune. Le chiedo: ma la CILA era davvero indispensabile? Ora posso oppormi a questa ulteriore vessazione? Qual è lo scopo di questi controlli e quali sono le possibili conseguenze? Grazie anticipate.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco 2018-12-08 21:59
Salve ing.
Sono in procinto di acquistare un appartamento costruito nel 1974 ma sono venuto a conoscenza della difformità esistente tra lo stato dell’arte dell’immobile e la piantina depositata al comune in fase di richiesta della concessione edilizia da parte del costruttore. Il proprietario afferma di non aver fatto mai alcun tipo di intervento e che probabilmente l intero palazzo è stato costruito non rispettando il progetto originale. Sarebbe opportuno continuare la trattativa chiedendo uno sconto ulteriore sul prezzo di acquisto, dovendo io successivamente chiedere la sanatoria. Quali sono i fattori per i quali il comune può non accogliere la richiesta? Di sicuro c’è un incongruenza perimetrale. Nei prossimi giorni accerterò L eventuale presenza di difformità volumetriche e nel caso ci fossero meglio lasciar perdere o insistere sull acquisto con sconto? Premetto che anche io dovrò presentare richiesta per nuove opere di manutenzione straordinaria, ma prima sarà necessario sanare la vecchia situazione giusto? In che modo mi consiglia? Grazie in anticipo cordialmente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-07 16:17
Salve,
Possiedo un terreno agricolo e vorrei creare un fondo chiuso per non avere cacciatori che transitano nella mia proprietà, so che per poter recitare devo presentare la Scia al mio comune. Possono rifiutarmela?
Grazie
Tiziana
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-12-07 20:31
Dipende da cosa intende per recinzione...se fa un muretto di che altezza....se invece opta per una semplice recinzione in ferro chieda al comune se esiste un modellino per le manutenzioni ordinarie...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-08 08:17
Grazie, un altra domanda perché ricevo risposte poco chiare chiedendo a vari tecnici, serve essere un coltivatore diretto/imprenditore agricolo per ottenere il permesso
al fondo chiuso?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Luisa 2018-12-07 00:43
Buonasera ingegnere, vorrei cambiare la porta d'ingresso del mio piccolo negozio sito a Milano. Vorrei sostituire l'attuale porta a due ante con un'anta scorrevole e una fissa. Larghezza,altezza materiale e colore restano invariati. Che tipo di pratica edilizia dovrei fare a suo giudizio? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Andrea 2018-12-06 20:44
uonasera, ho appena concluso i lavori di ristrutturazione nella quale ho aperto la Cila per una manutenzione straordinaria.
I lavori svolti sono stati il cambiamento della planimetria interna alla casa ed il rifacimento di impianto elettrico ed idraulico con una nuova caldaia a condensazione.
Chiedo quali procedure devo fare ora per chiuderla.
Cosa mi serve? Variazione catastale ed certificati da parte elettricista e idraulico? E poi?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Annalia 2018-12-04 09:54
Scusi ma ho un tempo per chiudere la pratica cila
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Annalia 2018-12-04 15:44
Alla fine non ho capito se ho una scadenza per chiudere la pratica cola GRAZIE
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-04 07:49
Buongiorno Ingegnere,
dovrei a breve eseguire i seguenti lavori di ristrutturazione nel mio appartamento, potrebbe cortesemente chiarirmi quale autorizzazioni occorrono e se posso isurfruire della detrazione fiscale su tutto o parte dei lavori??
Riporto i lavori programmati:
-levigatura parquet e sostituzione battiscopa;
-sostituzione infissi, cassonetti, tapparelle;
-installazione impianto aria condizionata canalizzata;
-installazione faretti;
-sostituzione vecchio allarme e serratura porta blindata;
- modifica impianto scarico e gas cucina con annessa sostituzione pavimenti e rivestimenti;
-sostituzione impianto idrico e fognario bagni, con cambio sanitari, rivestimenti e pavimento;
- tinteggiatura pareti interne e cartongesso.
Attendo sue.
Grazie.
Saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-04 15:25
Salve,
controlli il regolamento edilizio comunale....io una cuiletta la farei, anche se dipende dalla politica del Comune...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-03 10:00
Buongiorno, ma nella definizione di "interventi di restauro e risanamento", risulta anche la dicitura, "ne consentano anche il mutamento delle d.uso purché con tali elementi compatibili....", quindi se non strutturali gli interventi non si possono realizzare con CILA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-03 12:58
Salve, non credo di aver capito bene, opere non strutturali cila, strutturali SCIA...cambio di destinazione d'uso SCIA o PdC
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-05 11:08
mi intrometto, per destinazione di uso si intende anche la variazione della tipologia della stanza, o meglio, precendente stanza adibita ad uno pseudo soggiorno ( senza finestre) successivanete modificato in bagno e camera....oppure la destinazione di uso è dl punto di vista catastale??
grazie e scusate l'intromissione
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Dario 2018-11-30 16:07
Buongiorno,un dubbio. ho intenzione di cambiare la mia caldaia tradizionale con una a condensazione.
Al fine di accedere alla detrazione del 65% per risparmio energetico volevo combinare tale acquisto con sistemi di termoregolazione evoluti (cronostato modulante).
Il mio idraulico ritiene che debba essere necessariamente fatta una pratica da parte di un ingegnere(con relativi costi). E' effettivamente così? Pensavo fosse sufficente la comunicazione all'enea.
Grazie per la sua disponibilità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-30 17:25
Di quale pratica le ha parlato?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# dario 2018-12-03 10:11
Alcuni Idraulici (ho fatto piu' preventivi) han fatto riferimento a generiche pratiche edilizie (suggerendomi di contattare l'ufficio competente del mio comune), altri si riferivano alla pratica enea. Rispetto a quest'ultimo caso per cio' che ne so l'invio dati all'enea è gestibile utonomamente dal cittadino, o sbaglio?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-12-08 11:15
Si può farlo lei....a questo punto penso si riferisse alla CILA...in quanto gli impianti ricadono in manuetenzione straordinaria, ma in molti Comuni non vogliono il deposito di niente...senta lo sportello edilizia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Dario 2018-12-07 22:28
?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Cristina 2018-11-30 13:25
Salve, vorrei sapere quale titolo abilitativo occorre per un intervento di miglioramento energetico di un edificio storico che ricade in una zona A, in cui è previsto l'isolamento sul lato interno delle chiusure verticali esterne, l'isolamento del solaio di copertura, l'isolamento del solaio di base, la sostituzione dei generatori di calore e l'inserimento di pannelli solari termici e fotovoltaici. Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Angelo 2018-11-29 19:45
Buonasera, ho presentato un cila al comune di Roma.Dopo un mese non ho avuto ancora risposta. Vuol dire che è tutto apposto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudio 2018-11-28 14:48
Buongiorno Ingegnere.
Un mio cliente vuole installare all'interno del proprio capannone un prefabbricato ad uso uffici.
Stiamo parlando di quei manufatti posati e poggiati sulla pavimentazione.
Occorre presentare una pratica edilizia?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-28 14:58
Per questo chiederei al Comune, secondo me si!!! Dovrà fissarlo in qualche modo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudio 2018-11-28 15:08
Infatti, nel dubbio ho scritto all'ufficio tecnico.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-28 14:39
Buongiorno ingegnere,devo sostituire la vecchia caldaia dell’abita Che ho acquistato con una a condensazione.Ho diritto al bonus mobili?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# salvatore 2018-11-27 15:55
Buongiorno, la riparazione del telo di copertura di una tensostruttura adibita a teatro è considerata manutenzione ordinaria o straordinaria? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Carol 2018-11-26 19:55
Buonasera, lo spostamento (e sostituzione) della caldaia dal bagno in altra stanza è considerato lavoro di manutenzione straordinaria? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-27 09:31
A mio parere si, ma ognuno la pensa a modo suo.....chieda allo sportello edilizia del suo comune
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Achille 2018-11-26 12:15
Salve, vorrei sapere con precisione il tipo di autorizzazione da richiedere (SCIA o CILA) per la creazione di un varco per l’accesso ad un terreno che si affaccia su una strada SP1. L’idea era di installare un semplice cancello in ferro, nulla di enorme; la posa del cancello implica l’interruzione dello scalino che delimita la proprietà (sarà alto circa 15-20 cm), l’interruzione del marciapiede e del guard rail (già in avanzato stato di abbandono). Cosa dovrei fare?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-29 21:10
E' necessaria una SCIA, e contestualmente presentare una pratica all'Ufficio circolazione e traffico del Suo Comune che dovrà rilasciare il proprio parere di competenza. Le conviene parlare con un tecnico.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Deborah 2018-11-25 11:07
Buongiorno Ing. Madera,
Le chiedo ulteriori informazioni oltre a quelle cui ha gentilmente risposto nei giorni scorsi. Tra i molteplici lavori che stiamo affrontando in questi giorni a casa c'è anche la sostituzione dell'attuale stufa a pellet ventilata con un modello idro che scalda l'acqua di tutto l'impianto dei caloriferi. Essendo di pari potenza posso aderire al conto termico ma mi chiedevo se posso dividere le agevolazioni e sfruttare il conto termico per la stufa e la detrazione al 50% per l'adeguamento è messa a norma della canna fumaria (ho già verificato sull'altro Suo articolo che spetta) e l'installazione delle termovalvole sui caloriferi.
Chi installerà la stufa mi ha detto che è complicato, che devo farmi la pratica Enea, che loro non vogliono responsabilità......
Insomma un filino seccato.
A me pare fattibile la cosa invece
Grazie mille in anticipo


Deborah
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-25 10:49
Buongiorno Ingegnere devo sostituire la caldaia con una a condensazione classe A , posso comunicare a comune come Edilizia Libera e poi posso usufruire del 50% efficienza energetica
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-11-25 19:34
Buonasera,
Le consiglio la lettura dell'articolo studiomadera.it/.../...
Viene spiegato il tutto...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# riccardo 2018-11-24 23:04
Buonasera,
sto affrontando il rifacimento di un pavimento esterno al fine di creare
anche uno scarico di acqua che al momento non è presente. La pavimentazione
attuale è con ghiaia, mentre adesso verrà realizzato con autobloccanti che
conterranno anche la griglia di scarico. Vorrei sapere se è corretto che
abbiamo interpretato che si possa fare in edilizia libera, se ha diritto
alla detrazione fiscale (credo sia manutenzione straordinaria) e il regime di IVA al quale deve essere fatturato
l'intervento. Sento parlare di una autocertificazione, ma a cosa serve e dove eventualmente
la posso reperire?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-11-25 10:24
Salve Riccardo,
quanto chiede è tutto postato puntualmente nell'articolo...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# riccardo 2018-11-25 22:53
selo dice lei, a me non sembra così chiaro.... comunque grazie lo stesso
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Oscar 2018-11-23 18:34
Buongiorno,
ho aperto la CILA per ristrutturare un appartamento,
si ha diritto al bonus fiscale del 50% per acquisto e posa di questi materiali:
- pavimento, vanno rifatti gli impianti del bagno
- sanitari
- rivestimento bagno e cucina
- sistemazione impianto elettrico
- mobili
- porta blindata
- porte interne
- serramenti con aumento classe energetica
- Imbiancatura
Grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-24 09:37
Salve
se le ritrova nell'elenco si: studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudio 2018-11-21 12:48
Buongiorno.
Devo ampliare degli uffici all'interno di un capannone esistente (con uffici già presenti). Non c'è variazione di destinazione d'uso.
Tra le modifiche c'è la chiusura di una ribalta e la creazione di nuove finestre al servizio dei nuovi uffici.
E' possibile presentare CILA con conseguente aggiornamento catastale?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-21 16:04
Salve Claudio
tutto spiegato qui studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudio 2018-11-21 16:21
Grazie mille Ing.
E' stato molto esaustivo e gentile!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# A.C. 2018-11-21 10:07
Buongiorno, devo fare dei lavori nel nuovo appartamento che sto acquistando, nello specifico: copertura degli attuali pavimenti con pavimentazione nuova, rifacimento del rivestimento del bagno e sostituzione sanitari. sostituzione porte interne e sostituzione infissi esterni. Inoltre dobbiamo spostare la porta della cucina attuale da una parete all'altra (es. dalla parete dx a quella perpendicolare). questi lavori rientrano nella casistica in cui posso richiedere le detrazioni irpef al 50%? e per lo spostamento della porta è necessaria la CILA? Inoltre dobbiamo acquistare tutti i mobili, questi rientrano nel Bonus Mobili solo se ho aperto una CILA??? In attesa di un suo cortese riscontro in merito perchè non ne veniamo più a capo!!! grazie mille. buona giornata. V.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-19 19:38
serve chiudere la cila per divisione per fare l’atto notarile?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-19 20:57
Direi di si, altrimenti il catastale sarà difforme per la compravendita...ammesso che le occorra il catastale...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-18 18:11
con la scia tardiva si ha diritto alle detrazioni fiscali ? grazie saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-16 09:38
Ingegnere, buongiorno. Nel caso di SCIA in un'area protetta afferente a rete natura 2000, l'obbligo dello studio della VINCA spetta al comune (quale eventuale ente autorizzante finale) o all'Ente gestore dell'area (che rilasica la compatibilità paesaggistica e quella relativa al vincolo idraulico). E poi: quando deve essere valutata la vinca, resta sempre un'autorizzazione endoprocedimentale, oppure può essere presentata contestualmente a tutti gli altri documenti al momento di presentazione della SCIA? La ringrazio della risposta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-15 10:53
Gent. ingegn. Madera,
Innanzitutto un ringraziamento per le sue indicazioni, estremamente utili. Un dubbio mi è tuttavia sorto nel confronto tra quanto leggo su questa sua pagina (www.studiomadera.it/.../) e quanto viene detto sulla sua pagina dedicata alle detrazioni fiscali (studiomadera.it/.../...) con riguardo alle opere di rifacimento dell'impianto idraulico (bagno e cucina). Nella prima pagina tali opere sono indicate come esempi di manutenzione ORDINARIA, mentre, se leggo bene, nella seconda pagina esse appaiono come casi di manutenzione STRAORDINARIA (la sola che beneficia della detrazione), e dunque con conseguente necessità di CILA. La ringrazio anticipatamente per l'attenzione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-15 20:16
Salve,
se legge per bene il secondo articolo, viene specificato. L'agenzia delle entrate ha fatto un pò di confusione...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Arici17 2018-11-14 11:52
Buongiorno ingegnere.
Noi dobbiamo rifare completamente sia l'impianto idraulico/gas, sia quello elettico in un appartamento di nostra proprietà a Milano. Volevo sapere se, ai fini della detrazione fiscale per ristrutturazione, è sufficiente pagare l'impresa con bonifici "parlanti" o se dobbiamo fare altro. Grazie mille per la risposta. LTFDT
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-14 19:49
Tutto spiegato qui studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-12 19:25
Gentile ingegnere, ai sensi del nuovo glossario dell’edilizia, la sostituzione di vetrine fisse di un negozio con vasistas (peraltro delle stesse dimensioni e partizione) rientra in manutenzione ordinaria? E la modifica del colore dei relativi infissi (da argento a bianco, nella fattispecie) anche? La ringrazio moltissimo della sua risposta. Luciano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-13 16:30
Salve, controlli sul regolamento edilizio del suo Comune...
Salut
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-13 19:40
Grazie!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Rosa Mazzarone 2018-11-12 11:06
Salve Ingegnere Madera sono un amministratore di condominio e si pone la necessità nello stesso di sostituire la guaina del lastrico solare che copre una palazzina di tre piani posta in una corte privata chiusa da cancello, la domanda che le pongo è la seguente: è necessaria l'autorizzazione del comune per procedere alla sostituzione di detta guaina il cui preventivo ammonta ad euro 700 esclusa IVA ed in caso affermativo di quale autorizzazione si tratta. Grazie per la sua disponibilità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-08 15:50
Buonasera ingegnere, ho sostituito i serramenti esterni alla mia prima casa, la ditta che ha eseguito i lavori mi ha emesso una fattura specificando"interventi di edilizia libera"(art.6 comma 2 lettera b c d e de DPR 6 giugno2001 n.380). Sto pagando con bonifico(il saldo non è ancora avvenuto)con cusale lavori di ristr.edil. Art 16 bis del TUIR(dpr 9147/1986). Al che il mio commercialista ed un ingnegnere di mia conoscenza mi hanno detto che la pratica di detrazione fisc.sarà rigettata dall'uff.imposte perchè manca la comunicazione SCILA al comune e che comunque questa opera rientra nella manut.straordinaria. Può darmi gentilmente qualche chiarimento, nel suo sito mi sembra di capire che non è così. Grazie Maurizio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-08 19:31
Tutto spiegato qui studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Cico 2018-11-03 21:04
Buongiorno sto eseguendo dei lavori di manutenzione straordinaria comprensiva di riqualificazione energetica globale con Cila sono ancora in fase di realizzazione. Per motivi che non sto qui a spiegare ho deciso di riprogettare la distribuzione degli spazi interni apportando delle piccole ma visibili modifiche al progetto iniziale. L'architetto mi ha detto che dobbiamo integrare al sued il nuovo disegno prima della realizzazione lasciando la stessa Cila. Sembra che non sia possibile apportare varianti alla Cila e pertanto abbiamo convenuto che nei prossimi giorni presenteremo una nuova Cila. Le domande sono 3: dovrò far eseguire una nuova comunicazione preliminare all'ASL o è utilizzabile già quella fatta preliminarmente a questa Cila? Dovrò ripresentare anche la relazione tecnica di cui all'articolo 8 comma 1 legge 192/2005 ? Le detrazioni relative ai pagamenti eseguiti finora in acconto sono al sicuro? Ringrazio anticipatamente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-03 17:34
Buonasera, sto per eseguire i lavori di smaltimento eternit posti sopra un capannone ed un locale adibito in passato a piccola stalla. Successivamente alla rimozione verrà posta una copertura. Un muro della stalla presenta una grossa incrinatura per cui presumo che debba essere sistemato prima di poterci mettere la nuova copertura. Nella cila presentata dal nostro geometra si parla solo di rimozione e copertura senza citare i possibili lavori al muro della stalla.Va bene oppure incorriamo in sanzioni? La sistemazione di un muro per fare una buona copertura rientra per così dire in una cila? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-03 17:59
Sola CILA?!?!?!è un'opera strutturale la posa di nuovo tetto, ha bisogno di un ingegnere. a meno che non si intervenga solo la copertura e non si intacchino le travi.
Comunque per il muro si entra in consolidamento...quindi scia e genio civile
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Matteo 2018-11-02 16:04
Buongiorno,

ho acquistato la prima casa a Torino, dovrei ristrutturare il bagno completamente impianto idrico piastrelle sanitari, e acquistare poi successivamente una cucina il soggiorno e altri arredi, per usufruire della detrazione al 50% devo presentare la Cila o serve solo l autocertificazione atto notorietà? Ho letto che la situazione del bagno è un po ambigua ricade nella manutenzione straordinaria ma serve una pratica?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-03 09:42
Ha ragione, consulti la legge regionale per chiarimenti...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ignazio 2018-11-02 08:10
Buongiorno Ing. Masera, dovrei procedere con una ristrutturazione ordinaria, facendo sostituire la pavimentazione del mio cortile, di un marciapiede e di una scala esterna. Posso ottenere delle detrazioni fiscali? In tal caso, cosa posso fare?
Molte grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2018-10-30 11:35
Salve, sto per acquistare una casa sottoposta a vincolo diretto della Soprintendenza: dalla perizia effettuata dalla banca è emersa da visura storica una difformità per diversa distribuzione degli spazi interni senza aver fornito titolo edilizio. Aggiungendo, difformità sanabile con una cila in sanatoria". Le chiedo, ma visto che si tratta di un bene sottoposto a vincolo diretto, per sanare l'irregolarità, basta pagare la penale al comune o bisogna coinvolgere anche la Soprintendenza? Nel caso quale è l'iter e quali le conseguenze?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-10-30 21:28
Dipende dal vincolo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Patrizia 2018-10-29 13:39
Buongiorno ingegnere. Ho infiltrazioni dal soffitto del mio appartamento, provenienti dalla terrazza di mia proprietà, che ha la guaina a vista. Ho intenzione di interessare il condominio, oltre che per un intervento tampone, anche per dare una soluzione definitiva al problema, procedendo con la pavimentazione della terrazza. Sopra il solaio c'è una coibentazione di poliuretano da 4 cm., sulla quale è posata l'attuale guaina. Poiché ho chiesto ad alcune imprese, mi sono state proposte, sostanzialmente, due ipotesi diverse: smantellare la guaina esistente (ardesiata), o procedere sulla stessa, con massetto. Le chiedo cortesemente cosa consiglierebbe e se, per questa tipologia di lavori, sia necessario l'intervento di un tecnico e se è necessario fare la CILA o la SCIA. La ringrazio anticipatamente e Le faccio sinceri complimenti per il Suo sito
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Rosa 2018-10-29 11:13
Buongiorno Ingegnere, dovrei iniziare dei lavori nel mio nuovo appartamento e nello specifico sostituzione di tutti i pavimenti e rifacimento completo di cucina e due bagni, dagli impianti alle piastrelle. Io vorrei avere accesso alle detrazioni ed al bonus mobili, ma ho letto che per questi lavori non occorre presentare alcuna pratica! Come posso fare? Presento ugualmente una Cila, anche per una manutenzione ordinaria?
Grazie per la sua cortese risposta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-30 09:50
Tutto spiegato qui studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Anna Laura S 2018-10-29 11:07
Buon giorno, ingegnere. Devo rifare il pavimento e tinteggiare una vecchia cucina. Credo di aver capito che si tratta di un lavoro di ordinaria manutenzione, quindi senza obbligo di dichiarazione all'agenzia delle entrate. Per la dichiarazione all'ASL,invece, ho un dubbio. Interverrà un muratore, che chiamerà un elettricista per rifare l'impianto elettrico. In questo caso, se il muratore mi presenterà il conto complessivo, comprensivo dell'opera dell'elettricista, si configura come un'unica ditta con meno di 200 addetti, o comunque come due ditte e quindi devo presentare il DVR prima dell'inizio dei lavori? la ringrazio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesca F 2018-10-28 23:52
Buonasera,ho letto il vostro articolo e devo dire che finalmente siete riusciti a chiarirmi tanti dubbi,ma ahimè io dovrei rifare due bagni in uno togliere la vasca e creare la doccia e quindi cambiare sanitari e rivestimenti ,nell'altro cambiare sanitari e rivestimenti e spostare il tubo per la lavatrice,tinteggiare tutto l'immobile,effettuare qualche lavoretto in cartongesso e installare un termocamino (canna fumaria già esistente) e cambio infissi forse anche spostare una porta.Ora vorrei sapere quale documento presentare al comune per poi avere le detrazioni al 50%?! In attesa di una Vs cortese risposta Vi porgo i miei saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-29 09:16
Certo, ha bisogno di un tecnico per il comune e uno per l'energetica : studiomadera.it/.../71-legge10
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-29 16:35
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Priscilla 2018-10-28 12:45
Buongiorno! Mi sto per imbattere nella ristrutturazione di una casa da me acquistata da poco. Avrei bisogno di un’informazione. Se io volessi unire le zone cucina e sala da pranzo, togliendo una tramezza che al momento le divide in due stanze(quindi aumentando la metratura quadra della stanza che vorrei), sono obbligata a rispettare i rapporti aeroilliminanti? Perché questo mi porterebbe all’ampliamento e rifacimento di molte finestre, quando la mia intenzione era quella di sostituire gli infissi tra qualche anno per una questione economica(senza ampliarli o aumentarne il numero). Grazie anticipatamente della disponibilità, spero di essermi spiegata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-28 18:06
Si deve ricalcolarlo, trattasi di nuovo ambiente...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Luca 2018-10-27 07:23
Buongiono
Per la sostituzione delle sole tegole in un fabbricato di proprietà esclusiva cosa occorre?
Grazie saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Loretta 2018-10-26 13:56
Buongiorno,
sono in procinto di ristrutturare il bagno di casa. La presente per chiedere se il rifacimento dello stesso avente ad oggetto oltre al rinnovo dei sanitari e delle piastrelte anche interventi sulle tubature e sull’impianto idraulico incluso l'abbattimento di una parete che funge da nicchia per la doccia e la creazione di un muretto per gli aaganci dei sanitari sospesi, risulti un intervento di edilizia libera (decreto 02.03.2018) e quindi non necessiti di comunicazione alcuna ovvero rientri negli interventi di manutenzione straordinaria per i quali è necessaria la presentazione della cila.
Cordialità
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-25 22:19
Salve! Per una tenda da sole tipo cupola che poggia con piedi su soglia di marmo del balcone c'è necessità di qualche autorizzazione? Tipo CILA?
Mi è stato appena notificato una denuncia su eventuali abusi edilizi. Ora non sapendo ancora di cosa possa trattarsi in attesa del sopralluogo dei tecnici comunali mi chiedo se la cosa riguardasse proprio l' installazione della tenda a cosa posso andare incontro.
Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-26 08:56
Dovrei capire che tipo di struttura ha fatto...comunque, vista la notifica, sicuramente dovrà fare la sanatoria...www.studiomadera.it/news/82-abusi-edil izi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-25 22:17
Salve! Per una tenda da sole tipo cupola che poggia con piedi su soglia di marmo del balcone c'è necessità di qualche autorizzazione? Tipo CILA?
Mi è stato appena notificato una denuncia su eventuali abusi edilizi. Ora non sapendo ancora di cosa possa trattarsi in attesa del sopralluogo dei tecnici comunali mi chiedo se la cosa riguardasse proprio l' installazione della tenda a cosa posso andare incontro.
Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Stefano 2018-10-25 10:44
Salve dovrei ristrutturare il mio appartamento mq 160 e creare due unità abitative una di 70 mq ed una di 90 mq.
Rifacimento serramenti di facciata cappotto esterno ed impianti .... impianto radiante a pavimento e rifacimento impianto elettrico.
Pensavo anche di aprire una finestra e chiuderne un altra .... che pratica devo presentare?
Una Cila per manutenzione straordinaria o dovendo aprire una finestra e chiuderne un altra ( non necessario ) sono costretto a presentare una SCIA.
Grazie Stefano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-10-25 21:21
Esatto, SCIA,
consiglio articolo studiomadera.it/.../...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# SONIA66 2018-10-24 16:50
Salve, l'articolo è chiarissimo, alla portata di tutti anche dei non addetti ai lavori. Unico neo non considera la manutenzione degli infissi esterni in legno. Quindi non ho travato la risposta al mio dilemma. Possibile che non sia contemplata dalla Legge, e quindi nessuno chiarisce, l'eventualità che qualcuno non voglia disfarsi degli infissi in legno ma recuperarli con un intervento professionale di manutenzione?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-25 09:51
Salve Sonia,
trattasi di manutenzione ordinaria!! nessuna comunicazione all'edilizia salvo diversa indicazione dal regolamento del suo comune!!!
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Luca 2018-10-24 10:00
Buongiorno Ing, ho acquistato un'immobile su due piani, il piano sopra e' agibile ma non abitabile, mentre il piatto sottostante e' completamente agibile.
Essendo una costruzione del 2007 non completata dai costrutturi, ci sarebbero da fare tutte le pavimentazioni a parte il bagno e cucina gia' presente, completamento di punti elettrici non presenti nel piano superiore, completamento impianto climatizzato.

Volevo sapere che tipo di pratica devo presentare e se posso detrarre i lavori di pavimentazione, tinteggiatura completa, impianto climatizzato e aumento di punti elettrici.

La ringrazio anticipatamente.

Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-26 15:26
Ing per favore potrebbe rispondermI? ci sarebbe da rifare anche il bagno? devo presentare la CILA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# caterina 2018-10-23 07:03
arissimo Ing. buongiorno,
faccio riferimento ad un post al quale lei ha risposto 3 settimane fa. mi consigliava di verificare la questione sicurezza nel caso di piu ditte coinvolte nella ristrutturazione. mi sembra di capire però che non sia obbligatorio nominare un coordinatore se.oltre alla ditta principale intervengono lavoratori autonomi (es installatore infissi, o piastrellista che appunto sono lav. aut.). tuttavia il committente, e cioè io, è tenuto a controllare che la ditta e i l.a. siano in regola con i loro dvr, formazione lav e quant'altro relativo alla sicurezza. in sostanza le chiedo:
1. basta un controllo visivo o c'è un documento da compilare ufficialmente?
eventualmente a chi deve essere consegnato?
2. sono obbligatorie comunicazione alle asp usl ecc locali?
tutto questo ai fini della detrazione. nn vorrei che qualcosa mi sfugga e mi venga rifiutata in seguito la pratica.
la ringrazio e le auguro buon lavoro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-23 19:31
Salve
1 basta visiso;
2 se supera i 200 uomini giorno....che di solito si superano per lavori con spesa superiore ai 70.000 €
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Anna 2018-10-20 09:09
Buongiorno ingegnere, avrei un dubbio da sciogliere. Sono in procinto di ristrutturare il mio locale commerciale e ho deciso di abbattere dei tramezzi bassi (circa 1,10 cm di altezza) per facilitare l'accessibilità e la visibilità ai diversamente abili. Inoltre avrei deciso di costruire un secondo bagno proprio per disabili al fine di facilitare la visibilità della struttura anche a loro. Ho letto il glossario dell'edilizia libera e non riesco a capire se questi lavori rientrerebbero nell'edilizia libera e quindi senza necessitare di CILA. Non è necessaria la CILA o mi sbaglio?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria 2018-10-17 17:15
Buongiorno Ingegnere, mi chiedevo se la sistemazione della recinzione del mio cortile senza opere murarie rientrasse tra le opere di manutenzione straordinaria (realizzazione di recinzioni, muri di cinta e cancellate). Ho acquistato una casa nuova, ma esente di recinzione del cortile, o meglio esente in parte, ci sono dei muretti ma devo inserire il resto della recinzione e il cancelletto. Se così fosse, alla comunicazione in comune devo allegare delle tavole di progetto di tale recinzione che presumo farò in ferro battuto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-18 09:28
Salve Maria,
penso che non sia un immobile vincolato dalla Soprintendenza giusto? Altrimenti è necessaria sicuramente.
Qualora non fosse vincolato, se ricade in questo elenco non occorre la comunicazione: studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Sergio 2018-10-17 17:11
Salve Ingegnere. Purtroppo più leggo in giro e più ho le idee confuse. Io ho un'esigenza, credo, semplice: rifare 2 bagni (per di più piccoli) di un appartamento, dalle tubature alle piastrelle ai sanitari. Completi insomma. Vorrei però anche usufruire della detrazione delle imposte del 50% delle spese. Il fornitore dei materiali mi ha detto che a tal fine devo fare la comunicazione al comune (Roma). CIL, CILA, SCIA? La posso fare anche io che non sono un tecnico del settore? Il comune di Roma riferisce nel proprio sito che le comunicazioni, dal 2016 si presentano solo telematicamente tramite lo Sportello Unico dell'Edilizia Telematico. Io sono anche registrato e posso accedervi ma vedo solo la possibilità di fare la CIL. Insomma una gran confusione!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria 2018-10-17 08:55
Buongiorno Ing. Madera vorrei iniziare dei lavori per la realizzazione di un loft in un capannone che risulta in categoria C2. Sto aspettando che il geometra mi dia notizie poichè dovrebbe recarsi in comune a chiedere informazioni. Secondo lei faranno problemi al comune per il cambio destinazione, a quanto ammontano più o meno gli oneri? La struttura è stata costruita nel 1967, il tetto è stato rifatto con i lamieroni ed è stato rimosso l'amianto, sono stati fatti dei contromuri di blocchi e qualche tempo fa è stato effettuato anche l'allaccio per la fognatura.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# dario 2018-10-16 09:25
Buongiorno a fine mese diventerò proprietario di un appartamento di nuova costruzione e vorrei usufruire della detrazione del 50% per i mobili ed elettrodomestici. Mi ha proposto la soluzione di aprire una porta interna su un muro (tufella da 10 cm) che divide due stanze dello stesso appartamento e inoltre avendo un terrazzo coperto superiormente da muratura come anche lateralmente, mi consigliavano di valutare la realizzazione di una serra solare per chiudere a vetri la parte frontale. Vorrei chiederLe che tipo di pratiche sono necessarie e se la serra solare intaccherebbe la volumetria dell'appartamento. Grazie e buona giornata. Dario
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Luca Loprieno 2018-10-15 12:57
Salve, vivo a Rimini e devo fare una ristrutturazione di un bagno. Nello specifico cambierò la disposizione dei sanitari e farò solo una rottura per lo scarico della doccia nella nuova posizione. Ovviamente verrà rifatto pavimento e piastrelle.
Non cambia la dimensione, non cambia porta e finestra.

Non mi è chiaro se per ottenere l'incentivo del 50% per ristrutturazione edilizia devo fare la Cila o posso fare a meno.

Grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# gfaia 2018-10-11 19:32
BUONASERA ingegnere
avrei un quesito..
per trasformare una finestra in porta finestra, una CILA puo bastare??e la porta finestra nuova ha la stessa larghezza ,dicono che non importa ed è manutenzione straordinaria, altri dicono che interessando il prospetto è ristrutturazione leggera e pertando soggetta a permsesso di costruire ho letto tantissime interpretazioni e persino sentenze della cassazione ( forse troppo datate) , quando vado a leggere il t.u. dell'edilizia nella cila non vengono menzionate modifiche di prospetto..e cambiare una finestra in porta finestra è una modifica di prospetto..posso comprendere che una eventuale pratica al genio civile non vada fatta , anche se nel caso si deve almeno dimostrare di non aver variato i carichi ecc..e non dire solamente è grande uguale alla finestra preesistente, ma la cila non è il titolo abilitativo idoneo..
Le chiedo questo in quanto leggendo su numerosi blog di professionisti, le cose vengono interpretate in modo differente..:( creandomi solo confusione..puo dirmi , se esiste qualcosa che sia certo, e che non vada ad interpretazione..forse di comodo per qualcuno?
Grazie
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-10-11 22:47
Salve
io procedo in questa maniera
studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-12 16:07
Buonasera la ringrazio per la celere e gentile risposta.
Lei nel suo articolo dice questo..."Non è necessaria la cerchiatura nelle tamponature degli immobili in cemento armato o si trasforma una finestra in portafinestra senza aumento di larghezza (e viceversa)" ma a quanto ho capito in murature portanti in mattoni pieni, delle vecchie case ante anni 50 , se si trasforma la finestra in porta finestra, anche senza allargarla..si dovrebbe eseguire una scia e una cerchiatura con presentazione della documentazione al genio civile..a Pisa ad esempio hanno accettato una CILA, per una sostituzione di un architrave e accettato anche la semplice dichiarazione che i carichi verticali ( non essendo stata allargata la portafinsetra dalla precedente finestra) senza nessun calcolo o altra documentazione..:(
non ci sto capendo piu nulla sinceramente , comunque la ringrazio..ugualmente anche se sono rimasta con i miei dubbi
cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-13 10:05
Salve
anche nelle murature se trasforma la finestra in portafinestra non occorre la cerchiatura ma solo l'architrave.
Per quanto riguarda Pisa, potrebbe essere un modus operandi a mio modo anche corretto...ogni Comune ha i suoi indirizzi...
Contatti lo sportello dell'edilizia, e non avrà più dubbi...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-15 11:24
Buongiorno la ringrazio infinitamente, ma qui non so per quale motivo..ma nonostante abbia fatto presente che i lavori eseguiti con CILA, ( sostituzione di trave, su muro portante, ytrasformazione di finestra in porta finestra, amplimento di finestra esistente e vari lavori di tracce su muri portanti di spesso da 15 a mattoni pieni di 60 anni fa..) non sono contemplati dal testo unico dell'aedilizia, e che se inoltre la persona ha presentato una sanatoria al genio civile, ha palesemente ammesso di aver fatto opere strutturali, come mai il comune non interviene per abuso edilizio? non capisco come mai , un normale e comune cittadino deve spendere e barcamenarsi per veder rispettati i prorpio diritti, se il vicino ha eseguito i lavori in modo abusivo causando danni??
io in comune ho fatto il viottolo, perdendo diversi giorni di lavoro, senza contare che da circa un anno sto subendo l'inerzia di chi dovrebbe controllare, o quanto meno a seguito di un esposto avallato dal genio civile che ha fatto comunicazione di reato, ecc..non si muova, che stia li ad aspettare non so cosa..
è questo che mi fa venire il nervoso..e vivere sinceramente male, :8
la ringrazio ancora una volta e mi scuso per lo sfogo..ma non comprendo come mai sia possibile che il comune nonostante tutto resti li impassibile davanti all'evidenza..:(
cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-11 17:02
Grazie, è stato un articolo illuminante. Le auguro ogni bene personale e professionale. Vizzi Srl Milano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# monia 2018-10-11 14:23
Buongiorno Ingegnere,
in un bar, con licenza del 1983 non dotato di bagni a norma e spogliatoi x i dipendenti, vorrei trasformare un locale utilizzato come magazzino in bagno per i clienti, e dividere una grande stanza con un cartongesso per creare lo spogliatoio per i dipendenti, non verrebbe alterata alcuna volumetria. Devo presentare la SCIA PRODUTTIVA o LA CILA o entrambe ? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-12 11:20
Entrambe
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Cristian 2018-10-11 10:42
Buongiorno,
sono un inquilino di un locale ad uso commerciale. Volendo rinnovare un po l'ambiente pensavamo di demolire un'intramezza per unire due uffici, sostituire i pavimenti e abbassare una parte con cartongesso. Domanda: che richieste devo fare al comune, cosa spetta a me e cosa al proprietario dell'immobile?
grazie mille e buona giornata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-11 08:30
Buongiorno ingegnere,
Ho appena acquistato un appartamento che devo arredare completamente con cucina, camere da letto, clima, caldaia e salotto. Volevo rientrare nella detrazione al 50% bonus mobili: per questi acquisti devo avere qualche dichiarazione o aprire pratiche in comune? Non devo demolire nulla...sarebbe una manutenzione ordinaria...grazie e buona giornata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Michele 2018-10-10 18:43
Buonasera Sto per acquistare casa.
A fine mese faremo l'atto notarile ed in seguito i lavori.
Posso acquistare il materiale per ristrutturazione prima di aver ottenuto la Cila?
Gli acquisti antecedenti rientrerebbero nelle detrazioni fiscali?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Laura 2018-10-10 17:00
Buona sera, per istrutturare un bagno/lavanderia devo presentare la CILA? A chi?
Nella guida dell'agenzia delle entrate c'è scritto solo della comunicazione all'ASL.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-10 19:38
Salve Laura
quanto deve conoscere è scritto qui studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Isabella 2018-10-09 20:15
Buonasera Ing. Devo avviare lavori di ristrutturazione edilizia. Ho comprato da mia suocera che aveva depositato permesso a costruire. È in corso la voltura a mio nome. É possibile dare acconto alla ditta appaltatrice e poi porlo in detrazione prima che il permesso sia volturato a mio nome? La ringrazio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Vincenzo 2018-10-09 13:16
Buongiorno Ingegnere, devo eseguire lavori per rifacimento intonaci e di ripristino di qualche elemento nel mio palazzo. Lo stesso è storico ma non vincolato e le NTA prevedono il rilascio del Permesso di Costruire. Potrei procedere con una DIA visto che non ci sono oneri da pagare? Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-09 15:39
Salve Vincenzo,
la Dia non esiste più. Per ripristino bisogna vedere cosa intende. Comunque deve visionare il regolamento regionale e comunale per esserne certi.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-08 09:40
Buongiorno Ingegnere,
il Condominio dove risiedo necessita di lavori ai parapetti delle terrazze in facciata. Si tratta di 10 terrazzi a sbalzo in calcestruzzo armato con balaustra in profilati di ferro colorati a smalto e vetri semidoppi retinati (il Condominio è del 1960). L'altezza dei parapetti è cm.95, il Condominio ha sei piani e 12 appartamenti. Attualmente i vetri sono molto danneggiati e i telai arrugginiti e stiamo cercando di capire quale intervento di manutenzione affettuare e il titolo da presentare in Comune. Da quanto ho compreso leggendo, l'intervento potrebbe essere di manutenzione ordinaria = nessun permesso o comunicazione. Si pensava di sostituire i vetri previa manutenzione dei telai, ma i parapetti attuali non hanno l'altezza a norma ... e dunque che fare? E' obbligatorio predisporre un progetto che rettifica le altezze? E dunque in tal caso l'intervento sarebbe ancora di manutenzione ordinaria? Grazie. Elena Maria
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-08 14:28
Salve,
se i parapetti a suo tempo sono stati concessi, sono a norma. Altra cosa è se li avete modificati nel tempo senza avvertire il Comune. Detto ciò, sia se li sistemate, sia se intervenite potete usufruire della Detrazione.
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria 2018-10-07 08:25
Buongiorno ing. Madera, mio padre ha in sua proprietà un capannone per cui circa dieci anni fa ha provveduto ad allacciare la rete fognaria, ripristinare il tetto (che era in eternit) ed intonacare i muri. Io e il mio ragazzo stiamo pensando di utilizzarlo ad uso abitativo (essendo alto circa 6 metri o più) creando un loft su doppia altezza con soppalco in legno e sottotetto in legno. Non ci sono finestre nè balconi. All'entrata dell'immobile c'è lo spazio che vorremmo adibire a giardinetto, mentre sul retro, essendo in discesa vi è uno spazio in altezza di circa 4 metri fino al primo livello da adibire a garage, sul quale creare una verandina. Vorrei chiederle essendo inesperta cosa bisogna fare per poter iniziare tutto ciò? C'è da fare un progetto e presentarlo al comune? Per questi lavori è prevista la SCIA o la CILA? La ringrazio in anticipo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-06 19:04
Buonasera, ho una casa in bifamiliare comune busalla in pietra. le travi di una soletta sono invase da tarli posso rifare la soletta con putrelle e tavelle senza chiedere permessi? in'oltre posso demolire 2 tramezze?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giovanni 2018-10-06 11:20
Buongiorno,
devo eseguire dei lavori di ristrutturazione del prospetto di una casa di mia proprietà, ubicata nella provincia di Agrigento. Trattasi di una casa in pietra, il cui prospetto, ormai ammalorato per via delle infiltrazioni di acqua piovana, dovrà essere ripristinato senza alterarne l’aspetto. Sarà altresì necessaria la sostituzione degli infissi in legno, ormai ammalorati, con infissi in alluminio, mantenendone la coloritura, e forse anche il ripristino di un balcone pericolante. Recentemente è avvenuto il distacco di parti dell’intonaco in prossimità degli infissi, per cui tali lavori dovranno essere fatti con una certa urgenza.
Gradirei sapere quale procedura amministrativa va seguita e se le spese sono detraibili.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-06 13:45
Gentile Giovanni,
Cosa intende per ripristino balcone pericolante?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giovanni 2018-10-06 17:38
Ancora non ne sono sicuro ma forse dovrò ripristinare la mensola del balcone, in marmo, poiché ammalorata (trattasi di una casa molto antica che necessita di manutenzione) e probabilmente anche i ferri che la sostengono, poiché intaccati dalla ruggine. Non ne sono certo però verosimilmente dovrò fare questi lavori, anche perché il prospetto della casa dà su una pubblica strada e voglio scongiurare ogni pericolo che ne può derivare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-10-07 12:05
Salve Giovanni,
purtroppo vanno valutate in loco gli interventi e le relative pratiche. Potrebbe dover contattare anche uno strutturista.
Di sicuro dovrà installare i ponteggi e avrà bisogno del coordinatore della sicurezza sui luoghi di lavoro studiomadera.it/.../....
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Baldo 2018-09-30 00:52
Salve ingegnere, siccome mi trovo a dover affrontare il mio primo incarico, tra manutenzione ordinaria e straordinaria, sto facendo un po’ di confusione. Allora, il mio committente dovrà rifare interamente l’impianto elettrico e idraulico, il che comporta, inevitabilmente,alla creazione di tracce su muri e, probabilmente, anche nel pavimento. Verrà rifatta la pavimentazione, rimozione piastrelle attuali e montaggio di nuove. La disposizione interna non verrà toccata, le finestre e le porte resteranno le stesse. Ora vorrei sapere se mi occorre fare una Cila oppure non necessito di alcun titolo abilitativo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudio 2018-09-28 18:42
Buonasera Ing.
Vorrei installare delle persiane esterne a degli infissi già esistenti.
L'immobile è posto al piano seminterrato e il muro di cinta non permette introspezione.
Posso fare i lavori senza alcuna autorizzazione?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-29 10:09
Salve Claudio, se non è vincolato l'immobile può farlo liberamente. Consulti il regolamento edilizio della sua città, potrebbe aver implementato il testo unico e aver variato la situazione.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-28 18:10
Buongiorno Ing. Madera, abbiamo acquistato come prima casa un appartamento in ottime condizioni, ad eccezione del bagno per il quale prevediamo: rifacimento impianti, sostituzione vasca con doccia, sostituzione sanitari, sostituzione piastrelle e pavimento.
In questo caso è obbligatoria una CILA?
Possiamo accedere alle agevolazioni fiscali sulla ristrutturazione?
E a quelle sul bonus elettrodomestici e arredamento?
Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Antonio Pessani 2018-09-27 09:36
Buongiorno. Non essendo specificato nell'articolo vorrei chiederle cosa occorre fare sostituire le persiane esterne (rimpiazzo le vecchie in legno con nuove in alluminio effetto legno). È possibile accedere a qualche detrazione fiscale e l'IVA agevolata al 10%?
Grazie, Antonio Pessani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-27 14:57
Tutto spiegato qui studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alba 2018-09-26 11:18
Buongiorno, all'esterno della bifamiliare di proprietà c'è un patio con un pavimento in cotto di circa 10m coperto da un porticato. Prima della recinzione esterna confinante con una grossa siepe ci sono circa 25m2 di prato che vorremmo pavimentare, fare una scala di 3 gradini per scendere e creare 2 vasche per inserire delle piante (il tutto quindi darebbe una continuità al patio.
Secondo lei possiamo usufruire della detrazione del 50% prevista per gli interventi di ristrutturazione 2018
Grazie e buona giornata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# caterina 2018-09-26 09:58
carissimo Ing. buongiorno,
faccio riferimento ad un post al quale lei ha risposto 3 settimane fa. mi consigliava di verificare la questione sicurezza nel caso di piu ditte coinvolte nella ristrutturazione. mi sembra di capire però che non sia obbligatorio nominare un coordinatore se.oltre alla ditta principale intervengono lavoratori autonomi (es installatore infissi, o piastrellista che appunto sono lav. aut.). tuttavia il committente, e cioè io, è tenuto a controllare che la ditta e i l.a. siano in regola con i loro dvr, formazione lav e quant'altro relativo alla sicurezza. in sostanza le chiedo:
1. basta un controllo visivo o c'è un documento da compilare ufficialmente?
eventualmente a chi deve essere consegnato?
2. sono obbligatorie comunicazione alle asp usl ecc locali?
tutto questo ai fini della detrazione. nn vorrei che qualcosa mi sfugga e mi venga rifiutata in seguito la pratica.
la ringrazio e le auguro buon lavoro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Montalti 2018-09-26 09:57
Buongiorno Ing. Madera, le pongo un quesito sul posto auto/garage, che non ho trovato leggendo. Vorrei sostituire la saracinesca di un garage ormai vecchia, magari automatizzandola con una porta basculante più moderna antieffrazione. Posso usufruire della detrazione del 50%? Quella del 65% non si può perchè il garage/posto auto è staccato dall'unità immobiliare riscaldata. Dal garage tuttavia si può accedere al giardino di proprietà e quindi sussisterebbe il rischio di una eventuale effrazione. un'altra cosa: per questa sola sostituzione serve l'intervento di un tecnico che presenti una pratica in comune oppure non è necessario e la detrazione può avvenire semplicemente con fattura e bonifico parlante? Infine, se fossero necessarie opere murarie o una nuova copertura perchè pare che vi sia un'infiltrazione di acqua piovana dal tetto (nella proprietà adiacente c'è un pino, i cui aghi secchi, staccandosi dagli alberi, si depositano (anche) all'interno delle tegole e della grondaia, provocandone periodicamente l'otturazione) si tratterebbe di un intervento per cui sarebbe necessario preparare una pratica al comune e questi lavori rientrerebbero fra le detrazioni fiscali del 50%? Grazie in anticipo per la sua risposta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-26 12:23
Salve Montalti,
allora per le opere in detrazione le consiglio questo articolo studiomadera.it/.../... troverà una lista di opere ammesse alla detrazione.
Se interviene con opere murarie necessita di pratica!!!
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Eugenia 2018-09-26 00:45
Buonasera ING.Madera, voglio richiedere la detrazione per le spese che devo sostenere per rifare tutto il bagno, il geometra mi ha detto che devo fare la CILA al comune però oltre agli oneri di segreteria dovrei pagare anche gli oneri di costruzione e cioè il 5% del computo metrico, è vero?? O basta solo gli oneri di segreteria?? Perchè altri miei amici mi hanno detto che loro hanno pagato solo gli oneri di segreteria.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-26 09:19
Eugenia salve
paga gli oneri se cambia di destinazione d'uso o fraziona o aumenta i volumi...io cambierei geometra subito
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Eugenia 2018-09-26 12:56
Grazie Ingegnere per la sua risposta, lui mi ha detto che se non li pago rischio di perdere le detrazioni se fanno un controllo all'agenzia delle entrate e vedono che non l'ho pagato.Mi ha detto se tu vuoi non li pagare però hai questo rischio. E' possibile? Grazie della sua disponibilità, per caso ha qualche legge da mostrarli in cui dice che non è necessario pagare gli oneri di costruzione del 5% perchè voglio mostrarli per darli una lezione perchè fa sempre il sicuro di se. Grazie ancora.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2018-09-27 08:17
Deve guardare il regolamento edilizio comunale e cercare il pagamento degli oneri quando è richiesto. Ma invece di stare a dar lezioni, cambi professionista, non si è mai sentita una cosa del genere!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-22 10:28
Buongiorno. Ing. Madera,
per un'ascensore esterno in villa privata unifamiliare realizzato a Palermo senza alcuna autorizzazione (e senza rientrare nell'ambito dell'abbattimento delle barriere architettoniche), quale pratica dovrei istruire per ottenere la sanatoria?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-22 15:02
Buongiorno,
le consiglio questo articolo: studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-21 22:56
Gentilmente potrei sapere cosa bisogna fare per costruire un muro in cartongesso al fine di realizzare una saletta d' attesa in un ufficio che attualmente ne è sprovvisto? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-21 18:59
Buonasera Ing. Madera, una domanda
ho presentato CILA , per lavori di manutenzione straordinaria, inerenti ad una civile abitazione, ma durante le lavorazioni il geometra ha suggerito di cambiare una architrave su un muro portante..e che tanto avrebbe presentato sanatoria al genio civile per l'opera eseguita , mi viene il dubbio se devo presentare anche al comune la sanatoria oppure no...mi scusi per la domanda strana, ma vista la "svista" del geometra..non vorrei trovarmi a pagare una sanzione per una cila che non va bene
cordialemete la saluto e la ringrazio per un eventuale consiglio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-19 17:45
Salve ingegnere, in caso di CILA per miglioramento energetico se si parla solo di sostituzione dei termodsifoni e della caldaia quali sono gli elaborati grafici da presentare? GRAZIE
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-20 09:48
Salve
io presenterei un giallo rosso della posizione dei radiatori e della caldaia.
Ricordati che è obbligatoria la legge 10 se sostituisci 2 parti su tre (generatore, distribuzione, terminali) dell'impianto: studiomadera.it/.../71-legge10
Se vuoi noi ce ne occupiamo..
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-18 20:33
Buonasera, dopo la data di inizio lavori dichiarata in CILA e prima dell'effettivo inizio lavori, mi trovo a dover cambiare l'impresa esecutrice: posso aggiornare la CILA senza problemi? Inoltre, la nuova impresa che ho individuato (impresa edile individuale) si avvale di due imprese individuali diverse per l'impianto elettrico e l'impianto idraulico: anche per queste ultime in CILA devo presentare sia visura che DURC? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-19 11:05
SI la può aggiornare, attenzione alla nomina del coordinatore per la sicurezza: studiomadera.it/.../...
Per i documenti è tutto scritto nell'articolo postato.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-18 16:18
Buongiorno spero mi puo togliere alcuni dubbi,a ottobre dovrei iniziare i lavori per ristrutturare una casa (pavimenti,impianto idraulico,elettrico,bagni ecc) a Roma per poterla poi avviare come Casa Vacanze,prima di ainiziare i lavori devo presentare la CILA e a lavori finiti prima di iniziare l attivita di casa vacanze devo presentare la SCIA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-18 12:51
Buongiorno, vorrei acquistare un immobile costruito con concessione in sanatoria. Quali sono i lavori di manutenzione che posso effettuare ( nuova suddivisione degli spazi interni)? Una volta eseguiti i lavori come faccio a riavere il certificato di agibilità/abitabilità?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Luisa 2018-09-17 14:59
Buonasera, devo ristrutturare il bagno. Vorrei capire se acquisto i materiali (rivestimenti e sanitari) per conto mio ho diritto alle detrazioni fiscali? Oppure è l'impresa che esegue i lavori a fatturare manodopera e fornitura per far sì che possa avere le detrazioni? Grazie mille della risposta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marco 2018-09-15 17:49
Buongiorno, per lavori di ristrutturazione che comprendono rifacimento impianto elettrico in tutta l'abitazione, rifacimento impianto idraulico in bagno con sostituzione sanitari e demolizione di due tramezzi è necessaria CILA? Inoltre, nel caso in cui l'impresa a cui sono stati commissionati i avori e dichiarata in CILA è un'impresa individuale senza dipendenti, se questa impresa si avvalae di collaboratori e lavoratori autonomi per alcuni avori, questi devono essere dichiarati in CILA ed è necessario nominare un coordinatore lavori? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-15 20:24
Salve Marco,
si cila, per la sicurezza è tutto spiegato qui studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marco 2018-09-13 19:44
Buon Giorno,volevo solo delle delucidazioni, per quanto riguarda la manutenzione ordinaria impianto idrico nuovo e termico sia per la fattura dei due professionisti che per i materiali l' Iva è al 22% o si può richiedere quella al 10% , bisogna esibire una qualche documentazione da richiedere al Comune al fine di giustificare l'IVA al 10% ? Grazie Marco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-15 10:18
Qui chiarirai tutti i tuoi dubbi studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# mario 2018-09-13 15:29
Buongiorno ingegnere, ripropongo il quesito non avendo ricevuto risposta.
Dovrei fare alcuni lavori al bagno consistenti nella sostituzione della vasca con doccia e sostituzione dei sanitari compreso lavabo con conseguente piccoli spostamenti dei collegamenti idrici/scarico.
Rientrano in edilizia libera?
Se sì, non bisogna fare nessun comunicazione al comune? posso usufruire della detrazione del 50%?
Sarei in regola con eventuali controllo dell'Agenzia delle Entrate?
Se i sanitari li acquisto io, posso avere l'IVA al 10% essendo prodotti finiti?
Ultimo quesito, può usufruire della detrazione mia moglie essendo io proprietario del fabbricato con usufrutto di mia madre?
Grazie
Mario
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-13 18:50
Salve Mario, ci scusi ma siamo pieni di richieste...tutto specificato in questo articolo studiomadera.it/.../...
per vedere se può usufruirne deve essere specificato qui studiomadera.it/.../...
Si può detrarre
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marco 2018-09-13 11:59
Dott. Madera, scuso per il commento precedente dell'IVA 22% o 10% per non avere inserito il mio nome, ma ho scritto ed inviato il commento.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-13 11:22
Buon Giorno,volevo solo delle delucidazioni, per quanto riguarda la manutenzione ordinaria impianto idrico nuovo e termico sia per la fattura dei due professionisti che per i materiali l' Iva è al 22% o si può richiedere quella al 10% , bisogna esibire una qualche documentazione da richiedere al Comune al fine di giustificare l'IVA al 10% ? Grazie Marco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Michele 2018-09-10 17:04
Buon pomeriggio, grazie di questo articolo che ci permette di condividerlo insieme. Volevo chiedere, ho un locale chiuso adibito a garage, con solaio piano di copertura. Su questo solaio, vorrei fare la copertura a una falda, con una pendenza idonea allo scolo delle acque piovane (la parte più bassa cm 0,15 e quella più alta mt. 1,10). Sarà solo ed esclusivamente una copertura, con manutenzione, successivamente nel tempo, solo dall'esterno. Per fare questa copertura è sufficiente la SCIA? Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-11 08:23
Si, o meglio come accennato converrebbe controllare i regolamenti locali. Direi di si in linea generale. Prima di realizzare l'intervento ti consiglio la lettura dell'articolo sulla SCIA: www.studiomadera.it/scia
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Veronica 2018-09-10 16:34
Buongiorno, ho letto con attenzione tutto questo articolo, tuttavia sono molto confusa dalle informazioni (molto diverse tra loro) ricevute.
Mi è stato detto che la ristrutturazione di un bagno rientri nella ristrutturazione straordinaria e che posso accedere al bonus mobili in maniera automatica. Altre fonti sostengono che sia necessaria una CILA! Mi sa delucidare in merito?!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-11 08:34
Qui chiarirai tutti i tuoi dubbi studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-11 10:20
Abito a Firenze...! Ho avuto indicazioni un poco diverse alle mie richieste di informazioni, che mi hanno messo confusione! Grazie della risposta!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria 2018-09-10 12:02
Buongiorno,
ma quindi se installo delle pompe di calore (2,5 + 3,5 + 5 kW) non devo comunicare niente al comune? Premetto che sono in zona non vincolata. Lo chiedo perchè per le stesse vorrei richiedere la detrazione del 65% e non capisco quale documento provi la data di fine lavori. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-10 13:26
Salve Maria,
in realtà c'è una contraddizione. Dalla definizione di manutenzione straordinaria questo intervento ricadrebbe in cila, ma è stato anche inserito nell'elenco delle opere non soggette a comunicazione. Quindi, non lo sanno nemmeno loro....non saprei che dirti
Attenzione le pompe di calore devono sostituire l'impianto di riscaldamento studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-08 15:09
Buongiorno ing. Madera, la disturbo per alcune informazioni tecniche. Sto effettuando lavori di manutenzione straordinaria e frazionamento di un'abitazione con regolare cila presentata al comune di Cesate. Nella cila era stato indicato in nominativo della ditta che effettuava i lavori. Ora sono intervenute anche due nuove ditte: il termotecnico e quello degli infissi.Cosa occorre fare per sistemare la CILA e l'asl? Inoltre, a fronte di lavori di manutenzione straordinaria fatte con CILA, l'iva sulle fatture è sempre del 10% (anche su caldaia, infissi e rifacimento bagni?) oppure occorre applicare la circolare n. 15 del luglio 2018? Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-08 16:13
Deve subito provvedere a nominare un coordinatore per la sicurezza studiomadera.it/.../... Non prosegua i lavori finchè non lo nomina. Poi dovrà comunicare le nuove ditte al COmune e asl. Per l'iva è spiegato in questo articolo studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# marco 2018-09-08 13:47
salve ho istallato (pagato con bonifico ristrutturazione, ho fattura e ho l’attestato caratteristiche tecniche) una stufa a pellet e ho cambiato l’armadio in camera da letto.
1. Posso beneficiare degli incentivi del 50% per la stufa e contemporaneamente anche del bonus mobili?
2. Posso beneficiare degli incentivi anche se chiaramente non ho presentato alcun documento al comune?
3. In fase di registrazione della stufa sul sito Enea mi chiede la data di inizio e fine lavori (non avendo alcun documento di apertura lavori) che date inserisco?
4. Suggerimenti in merito?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# marco 2018-09-08 16:53
5. Se ho titolo in un immobile al di la della proprietà (affitto, convivente del proprietario..) successivamente (esempio tra 2 anni) cambio residenza, avendo inserito la pratica a mio nome, posso sempre beneficiare per tutti e 10 anni della detrazione?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Antonio Preano’ 2018-09-07 17:08
Buongiorno
Devo effettuare dei lavori di ripristino su un mio appartamento, in particolare:
Rifare completamente 1 2 bagni
Rifare l’impianto elettrico dell’appartamento
Cambiare gli infissi esterni
Manutenere le porte esterne
Il quesito è :
Ho diritto alle detrazioni e se si devo fare comunicazioni a qualcuno
Leggevo che sembra sia manutenzione ordinaria e quindi non potrei rientrare
Grazie in anticipo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giovanni 2018-09-07 16:28
Salve, per rifare l'intonaco esterno di una casetta indipendente serve il permesso?
Grazie se mi risponderete!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Stefano 2018-09-07 14:26
Salve, devo ristrutturare il mio appartamento e fare alcuni lavori come la tinteggiatura, il montaggio di nuove persiane, la sostituzione di qualche porta interna. Vorrei sapere se c'è la possibilità di prendere degli incentivi e qual è la procedura da seguire.
Grazie,
Stefano.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Stefano 2018-09-07 14:32
Scusami,ho dimenticato di dire che devo anche arredare l'intero appartamento.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# caterina 2018-09-07 07:37
buongiorno ing.
ho presentato una cila per lavori di ristrutturazione di un appartamento indicando le ditte coinvolte ma gradirei sapere se è possibile comunicare successivamente un altra ditta, non inserita precedentemente ed eventualmente qual è la procedura da seguire per tale integrazione.
la ringrazio e buon lavoro
caterina
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-07 16:57
Salve Caterina, certo che può integrare. Si invia una integrazione al comune, senta lo sportello del Comune....attenzione alla sicurezza...www.studiomadera.it/news/181-sicurezza
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# vy 2018-09-06 20:24
Salve, dovrei vendere un appartamento ma la planimetria al catasto non è aggiornata in quaanto circa 20 anni fa sono stati fatti dei lavori. Che documenti occorre presentare per non rischiare successive sanzioni? Mi hanno parlato della cila ( se non vi sono interventi strutturali) e della scia gratuita ( se vi sono interventi strutturali) è giusto??? è giusto presentare uno dei due documenti anche se i lavori sono già stati realizzati anni fa? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# alessio 2018-09-06 17:47
Buonasera, il quesito è questo..
ho affidato le pratiche per dei lavori ad un Geometra , che li ha classificati eseguibili con CILA, e ha presentato una prima cila per opere in corso ( perche avevo iniziato da solo...e i vigili mi hanno trovato!) e poi una cila in varizione..
Il problema è che ho saputo che il confinante ha fatto un esposto al g.c. , consultandomi con il geometra, abbiamo deciso di presentare istanza di sanatoria art 182 lr 65/14, al g.c. a cosa vado in contro adesso?? devo presentare anche sanatoria al comune?
se il g.c. avesse gia emesso qualche provvedimento con la sanatoria risolvo??
è che il geometra si ritiene estraneo a determinati lavori fatti ante CILA, che presumo siano quelli incriminati nell'esposto, pertanto mi ha suggerito questa strada..
grazie
alessio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-07 09:12
Salve Alessio,
se sono stati fatti precedentemente alla SCIA, ha ragione il geometra, non ha colpa. Altra cosa se realizzati con CILA. Deve sanarli sia in Comune sia al genio. Per la sanzione dipende dall'abuso!!!
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Andrea 2018-09-06 16:32
Salve, ho sostituito il piatto doccia nel bagno dato che il vecchio si era danneggiato.
Ho presentato al comune la Cila tramite un ingegnere.
Qualche giorno fa mi è stata recapitata una raccomandata del Comune con la quale m si informa che la Cila non è stata accolta per mancanza di foto ecc ecc.
Ho ricontattato l'ingegnere che con foto si è recato al comune e (a suo dire) ha risolto .
Mi ha detto che non necessariamente riceverò comunicazione da parte del Comune di Cila accolta.
Se cosi fosse non avrò bisogno di un documento che attesti il buon fine della Cila per chiedere la detrazione?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# anonimo 2018-09-06 11:17
Buongiorno,
ho bisogno di un suo parere circa la demolizione e ricostruzione di un solaio di 165 mq perchè pericolante. Stanno Cadendo pezzi di mattoni ed intonaco, quindi si tratta di mettere il fabbricato in sicurezza. Vorrei sapere se devo pagare oneri al Comune e come vanno conteggiati? grAZIE
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-05 16:26
Salve Ingegnere,
avrei bisogno di un suo parere circa un intervento sul Comune di Firenze su un unità destinata a civile abitazione. A Maggio 2017 ho presentato una Scia per variazioni interne ad un unità abitativa ( gli interventi riguardavano la realizzazione di un nuovo servizio igienico e la realizzazione di due nuove aperture interne per il quale è stata presentata pratica al Genio civile per n. 2 cerchiature). Durante il corso dei lavori sono state eseguite alcune piccole variazioni, per adeguamenti di carattere tecnico esecutivo ( un inspessimento delle pareti nei servizi igienici per ospitare gli impianti, la realizzazione di una scaffalatura in cartongesso, la realizzazione di un piccolo palco morto non praticabile/controsoffittatura) , su un immobile con limite di intervento fissato al Risanamento Conservativo ( pertanto sembrerebbe che un eventuale variante finale non mi sia consentita, mi corregga se sbaglio). Vorrei capire come procedere per depositare lo stato finale delle opere prima di chiudere i lavori. Trattandosi di opere abbastanza irrilevanti posso procedere con una cila tardiva per denunciare le variazioni anche se la Scia attualmente è ancora aperta?o devo procedere obbligatoriamente con una Scia tardiva anche se gli interventi non rientrano nella casistica della Scia? E qual'è l'importo della sanzione da pagare? 516 euro? 1000 euro? o visto che trattasi di un autodenuncia di lavori in corso di esecuzione 333,00€?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-06 10:28
Salve,
io fisserei un appuntamento, i tecnici del Comune le sapranno consigliare la strada migliore...sono molto disponibili...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-06 11:02
si...è vero, sono molto disponibili, ma sono stata già due volte in Comune e mi hanno dato due pareri completamente discordanti e qualche informazione non corretta...ho provato a chiedere anche a lei perchè mi sembra molto preparato sull'argomento, in ogni caso la ringrazio molto per la sua riposta
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-04 15:13
Mi permetta ingegnere, da quando (sue testuali parole) le opere di "rifacimento degli impianti elettrico, idrico, di riscaldamento" rientrano nelle opere di manutenzione ordinaria?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-04 16:09
Da quando hanno emanato questo....https://www.studiomadera.it/news/178-ele nco-opere-senza-autorizzazione ...ma da definizione dovrebbe cadere in M.s.... a mio parere
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-04 18:25
Grazie per la risposta, però il link non è funzionante
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-04 20:22
ora funziona...scusi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-03 22:27
Buonasera Ingegnere, vorrei sottoporre alla sua attenzione quanto segue.
Sono interessata all'acquisto di una casa che non è completamente finita. Ci sono solo le divisioni interne e gli infissi; no pavimenti, no pittura. è un rustico diciamo. Presentando una variante al progetto originario per delle modifiche che si vogliono fare all'attuale fabbricato, è emerso che, il direttore tecnico, non comunicò la dichiarazione di inizio lavori all'organo competente. Volendo apportare delle modifiche alla casa attuale e dovendo quindi presentare una variante di progetto, poichè manca la comunicazione di inizio lavori dell'attuale fabbricato, come si può procedere? Esiste un modo per sanare questa situazione? la ringrazio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Teresa 2018-09-01 07:55
Buongiorno... Se apro una scia per ristrutturazione nel 2018 ho diritto al bonus mobili nel 2018??? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-09-02 11:02
Certo legga la giuda studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Teresa 2018-09-02 16:51
Grazie per la risposta... Avevo compreso bene ma purtroppo un caf di zona sostiene che la scia doveva essere aperta nel 2017...e mi aveva fatto venire dei dubbi... Grazie ancora
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-03 10:47
Assolutamente falso..saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-08-31 16:50
Buonasera! Dovrei sostituire la porta basculante del garage e il venditore/installatore, mi dice che potrei beneficiare dell'IVA agevolata (10%) oltre alla detrazione del 50% in 10 anni se pagata con specifico bonifico. Mi dice anche che per non avere problemi con l'Agenzia delle Entrate nel caso di una verifica, per quanto concerne l'aspetto fiscale e con il Comune, per quanto riguarda l'aspetto tecnico-urbanistico, dovrei affidarmi ad un tecnico per la redazione di una C.I.L.A. anche perché nel modulo IVA ridotta occorre necessariamente citare gli estremi del titolo edilizio che attesti la straordinaria manutenzione. Sinceramente trovo il tutto un po' eccessivo anche se mi è stato detto che la parcella del tecnico può venir detratta. Altri miei conoscenti, residenti nel mio stesso comune, hanno sostituito tutti i serramenti di casa per importi molto più consistenti e mi hanno detto di aver usufruito delle stesse agevolazioni senza aver presentato pratiche edilizie. Mi trovo piuttosto spiazzata... Cosa mi consiglia di fare?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# guido barbieri 2018-08-30 12:00
Buongiorno Ingegnere,compimenti per il suo articolo,veramente utile..risiedo in una palazzina di 4 appartamenti e dovremmo sostituire l'infisso del vano scale con uno moderno e dotato di tutti i requisiti attuali attinenti il risparmio energetico,oltre a forma e materiale diverso rispietto all'originale.Posso usufruire della detrazione del 50% e che documentazione presentare/conservere?
La ringrazio anticipatamente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-08-30 12:55
Grazie mille
CErto Guido, le consiglio la lettura dell'articolo per la prassi...www.studiomadera.it/news/70-detrazioni
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# alessandro 2018-08-30 11:54
Buongiorno, posso usufruire della detrazione del 50% senza presentazione di CILA in Comune, non dovendo spostare i muri?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ilaria 2018-08-28 12:31
Buongiorno e complimenti per l'articolo. Vorrei un suo parere circa la possibilità di utilizzare una soffitta altezza max 2m accessibile solo attraverso botola dal mio appartamento non accatastato che non compare in nessun atto di vendita e nemmeno nel regolamento condominiale. La soffitta sta sopra il mio appartamento e un altro. Posso considerarla di mia pertinenza e ricavarci una stanza armadio effettuando lavori di sistemazioni visto che è grezza. devo fare cila?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Franco 2018-08-27 22:43
Buongiorno, vorrei un vostro parere riguardo una mia esigenza.
Ho un terrazzino calpestabile, al di sotto del quale ci sono una tavernetta ed uno stanzino buio. Vorrei realizzare un lucernario per la stanza buia, aprendo un foro nel solaio.
Il solaio è composto da travetti in cemento posti a distanza di 40 cm e laterizi tra essi; per non intaccare la struttura ho pensato di aprire un foro di 40x70 tra 2 travetti.
Che tipo di documentazione è necessaria per questo intervento? E' sufficiente la CILA, visto che non si tratta di interventi su parti strutturali?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# carla 2018-08-25 19:13
Salve, devo trasformare una finestra in porta finestra e realizzare una scaletta per l'accesso al giardino esterno, l'immobile non è soggetto ad alcun vincolo, vorrei sapere se devo presentare la SCILA e in tal caso devo attendere i 30 giorni o posso iniziare da subito i lavori. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-08-27 13:10
Salve Carla, SCILA è un mix tra SCIA e CILA ahaha
le lascio il link dove viene spiegato tutto studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# carla 2018-08-25 17:41
Salve, devo trasformare una finestra in porta finestra e realizzare una scaletta per l'accesso al giardino esterno, l'immobile non è soggetto ad alcun vincolo, vorrei sapere se devo presentare la SCILA e in tal caso devo attendere i 30 giorni o posso iniziare da subito i lavori. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giunio Santini 2018-08-24 10:28
Per l'installazione di una caldaia a pellet in un impianto di riscaldamento esistente occorre sicuramente il progetto di un tecnico, ma anche la presentazione di una CILA al Comune di pertinenza?. Grzaie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-08-24 17:16
SAlve,
occorre la legge 10 sicuramente ( studiomadera.it/.../71-legge10 ), mentre per la cila deve controllare i regolamenti locali!!!
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giunio Santini 2018-08-24 09:57
Per il rifacimento della impermeabilizzazione del tetto (posa di guaine) con l'impiego di ponteggi, tempo lavori 6 giorni, quale titoto edilizio occorre? Deve intendersi manutenzione ordinaria o straordinaria. Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Dario 2018-08-22 07:51
Salve , complimenti per il suo lavoro prima di tutto . Ho ristrutturato casa ( una villetta a schiera) aprendo una pratica CILA . Ho rifatto bagni, cucina tinteggiato, modificato le divisorie interne ( ho unito cucina e soggiorno ed fatto diventare uno studio una cabina armadio per la matrimoniale). Inoltre ho sostituito le porte interne e fatti altri lavoretti. Ora ,con l' occasione della sostituzione dei serramenti ,sto sostituendo anche la porta di ingresso andando a postarla in posizione più arretrata , ovvero , andando a perdere circa 1 mq , al fine di renderla più riparata dalle intemperie. A livello legale , oltre alla variazione catastale ( che avrei comunque fatto per le altre modifiche interne) cosa va fatto?
Grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-08-22 12:54
Salve Dario,
deve ripresentare una cila e un nuovo aggiornamento catastale.
Prima di acquistare la porta le consiglio la lettura dell'articolo: studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alfonso 2018-08-20 14:51
Salve... ho appena ristrutturato casa spendendo circa 24000 euro..ho rifatto i pavimenti, bagno, adattato gli impianti X la nuova cucina, decorazione di tutto l’alloggio, adattamento impianto idraulico X nuovi sanitari .. non ho rifatto il massetto in quanto la casa ha solo 7 anni vita. Ho pagato il tutto attraverso bonifico X ristrutturazione. Ora mi sorge un dubbio: chi ha effettuato i lavori mi ha detto che non occorreva nessuna pratica al comune in quanto non veniva modificata la planimetria dell’appartamento e che si trattava di manutenzione ordinaria ma che potevo ugualmente detrarre i lavori eseguiti.
Il commercialista mi ha detto invece che per poter detrarre deve essere specificata in fattura lavori straordinari e nel mio caso non ho bisogno di allegare nessuna pratica in quanto l’immobile non ha subito variazioni al catasto.
L’agenzia delle entrate mi ha risposto che per detrarre devono essere lavori straordinari e nel mio caso non necessitano di alcuna pratica perché non modifico la planimetria.
Ora con tutta questa confusione come devo comportarmi per poter portare il tutto in detrazione?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-08-21 21:21
Salve Alfonso,
la confusione è causata dall'agenzia delle entrate, la quale ha inserito nella manutenzione straordinaria alcuni interventi tipici della manutenzione ordinaria. Tu sei in questo caso.
Detto ciò, ognuno si regola a suo rischio e pericolo. La situazione è questa! Una mia considerazione lascia il tempo che trova, perchè non saprebbe rispondere nemmeno l'agenzia delle entrate...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# francesca 2018-08-17 16:53
salve,
io ho appena acquistato la prima casa e devo ristrutturarla, cioè rifare tutti gli impianti, pavimenti abbattimento due pareti, infissi e caldaia nuova. Non ho capito se sia meglio ai fini di agevolazione fiscale, farla spuntare come ristrutturazione edilizia o manutenzione straordinaria/ordinaria. L'iva ad esempio, sull'acquisto delle materie tipo bagno,pavimento va al 10 o al 22 %?
Deve essere fatta una comunicazione al comune prima o anche dopo aver acquistato materie prime?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-08-19 17:39
Indifferente se manutenzione straordinaria o ristrutturazione. Dovrà farsi affiancare da un tecnico. L iva è spiegata a monte. La comunicazione al comune è relativa alla questione urbanistica.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-08-23 22:53
Grazie.
Ma dato che l'ingegnere sta veramente perdendo molto tempo, potrei gia iniziare a pagare l'acquisto di alcune materie prime,anche se ancora non è stata fatta comunicazione tramite CILA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mario 2018-08-16 11:12
Buongiorno ingegnere,
dovrei fare alcuni lavori al bagno consistenti nella sostituzione della vasca con doccia e sostituzione dei sanitari compreso lavabo con conseguente piccoli spostamenti dei collegamenti idrici/scarico.
Rientrano in edilizia libera?
Se sì, non bisogna fare nessun comunicazione al comune? posso usufruire della detrazione del 50%?
Sarei in regola con eventuali controllo dell'Agenzia delle Entrate?
Se i sanitari li acquisto io, posso avere l'IVA al 10% essendo prodotti finiti?
Ultimo quesito, può usufruire della detrazione mia moglie essendo io proprietario del fabbricato con usufrutto di mia madre?
Grazie
Mario
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Davide 2018-08-10 17:33
Salve io ho appena acquistato casa e devo solo tinteggiare ed arredare. È possibile presentare la cila per i lavori di tinteggiatura e sostituzione lavandino bagno che farò io stesso ed usufruire del bonus mobili? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-08-09 13:17
Buongiorno,vorrei sapere se è abuso edilizio la costruzione di pareti interne per la costruzione di un bagno in un'immobile accatastato come C2 senza aver fatto nessuna richiesta!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-08-16 19:55
Certo.
Può sanarlo con una sanzione di 1000 €...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Davide 2018-08-07 09:12
Salve, vorrei acquistare un appartamento in complesso (tramite agenzia immobiliare" e demolire quello che sembrerebbe a vista essere un tramezzo che separa 2 locali, come mi dovrei comportare? Grazie mille per l'aiuto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-08-03 16:41
salve, sono proprietario di una impresa SRL, vorrei fare ristrutturazione del reparto ufficio: p.e. cambio pavimento, infissi, riscaldamento/raffrescamento, tinteggiatura, nuovi mobili senza modificare la disposizione di muri/porte. quali doc devo presentare al comune? se non devo presentare documenti e' possibile usufruire della detrazione per il risparmio energetico? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-31 13:18
Salve ingegnere,
a proposito del suo articolo sulle pratiche edilizie, Le chiedo un parere da collega, nell'ambito del rifacimento delle facciate di un condominio:
leggendo il glossario dei lavori realizzabili in regime di edilizia libera si evince che intonaci esterni ed opere di impermeabilizzazione dei terrazzi possono essere considerati manutenzione ordinaria e realizzati senza CILA. Nel momento in cui si opera il risanamento del calcestruzzo e dei ferri d'armatura secondo il D.Lgs 222/2016 (Tabella A) si tratta di Manutenzione Straordinaria Pesante/Restauro pesante e quindi si dovrebbe presentare una SCIA.
Grazie e buon lavoro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-07-31 16:24
Io valuterei l'invasività dell' intervento. Se i ferri sono addirittura da sostituire o se il copriferro da ripristinare è sostanzioso, presenterei una scia. Però è una mia politica, come tutto è da interpretare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Daniela 2018-07-30 13:22
Buongiorno,
devo ristrutturare casa ma non ho trovato nessuno (neanche il mio direttore dei lavori e il mio commercialista) in grado di rispondere alla mia domanda:
sostanzialmente il mio problema è il seguente, non sono riuscita a trovare un'impresa edile che rientrasse nel mio budget, quindi, poiché mio marito ne è capace, vorrebbe eseguire lui stesso i lavori (qualche abbattimento parete e rifacimento bagni e cucina) invece per gli impianti ci vorremmo avvalere di elettricista ed idraulico. La domanda è, come dovrei presentare la CILA in questo caso? E' possibile farlo? Inoltre sarebbe tutto comunque valido ai fini delle detrazioni?
Grazie infinite
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-08-06 09:35
I lavori cosidetti "in economia" sono quelli di piccola entità che può svolgere il privato. Non di certo l' abbattimento muri. Io direi di no, che non può. E' tutto a interpretazione. Per quanto riguarda le detrazione a mio parere varrebbero comunque...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# lucrezia 2018-07-26 20:51
buonasera Ing. Madera,
mi sa dire se per l'installazione di un'autoclave presso un condominio è obbligatoria la cila? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-26 18:36
Sono anch'io un ingegnere ma capita un caso complesso.
Mi sembrava che quando ci sono un insieme di lavori era facile passare dalla manutenzione straordinaria alla ristrutturazione pagando quindi gli oneri. Ora due appartamenti, uno al piano terra dove non vengono cambiate le superfici nè i volumi ma si creano due bagni con relative finestre.
Per l'appartamento al primo piano viene eliminata la scala di accesso che partiva da un portico con arrivo alla loggia del primo piano e viene utilizzata una scala esistente con accesso dall'esterno trasformando una finestra in una porta per l'accesso alla scala esistente. Inoltre durante la ristrutturazione del 1971 la copertura del solaio (senza modificare la superficie della stanza è stata trasformata da due ad una sola campata (senza aumento di volume). Del tutto è stato presentato un permesso di costruire in sanatoria in quanto al tempo dei lavori (tra il 1985 ed il 2005) non è stato richiesto alcun permesso). Ora la domanda è: trattasi di una manutenzione straordinaria o di ristrutturazione? la mia mail è: In attesa di risposta ringrazio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Danilo 2018-07-25 17:30
Salve, ho acquisito un lavoro per la sostituzione della serie civile e realizzazione di nr. 4 punti luce con canale 20x10 a servizio di 4 tapparelle derivati da quelli esistenti.
Occorre effettuare la Pratica Cila come sostengono gli esperti dell'ISO 9001:2015 ?
In attesa di un Vs. riscontro, porgiamo distinti saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-07-26 21:29
Salve Danilo,
per l'impianto elettrico in generale non occorre CIla. I suoi interventi dovrebbero essere minori rispetto all'intervento completo..
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Anonimo 2018-07-25 00:17
Salve vorrei un informazione "semplice" ho acquistato un terreno di 5 mila metri su cui esiste un abitazione vecchia proprio sul confine del terreno.in pessime condizioni.!.il mio ingegnere mi ha fatto un nuovo progetto di casa.con demolizione e ricostruzione ..mantenendo la stessa volumetria ma spostando l immobile a 15 mt dal confine....al comune ci hanno bloccati sostenendo che la.Scia non è possibile averla in questo caso..... poichè risulterebbe Nuova costruzione..è giusto o ha ragione il mio ingegnere?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-24 17:48
Ediliza libera (costruzione di barbecue , gazebi e/o pergolati,) può essere attuata anche in villaggi turistici privati aventi un proprio regolamento condominiale che non permette modifiche che si discostono dal progetto iniziale?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Elsa Bruna 2018-07-23 20:32
Ad integrazione della mail precedente è opportuno precisare che la ristrutturazione riguarda il mio appartamento e consiste nel rifacimento di tutti gli impianti, del bagno, della cucina, della pavimentazione, degli infissi interni ed esterni, tinteggiatura pareti. Non è stata variata la planimetria ovvero non sono state abbattute e/o ricostruite pareti.
Inoltre preciso che parto dal presupposto che la CIL non è valida ai fini della richiesta della detrazione fiscale. È corretto?
Grazie di nuovo.
Cordiali saluti
E.Bruna
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Elsa Bruna 2018-07-23 19:42
Buonasera,
Ho una ristrutturazione in corso per la quale ho presentato una CIL dietro consiglio dell’architetto che segue i lavori il quale ignorava che la CIL non contempla la possibilità di richiedere la detrazione fiscale. Le chiedo se, essendo ancora in corso la ristrutturazione, posso fare una rettifica della CIL con la CILA eventualmente pagando una sanzione. Se del caso e poiché ho verificato la correttezza dei bonifici, gli stessi posso portarli in detrazione. Laddove ciò non fosse realizzabile, i bonifici per i quali ho pagato l’iva al 10% vanno integrati per la differenza al 22% o anche con la CIL posso usufruire dell’iva agevolata?
Grazie per l’attenzione cordialmente E.Bruna
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-18 11:08
Buongiorno Ingegnere, perdoni la domanda che sembrerà stupida ma che in questa giungla di regole si rischi di sbagliare con poco. Ho acquistato un immobile come prima casa privo di impianto di riscaldamento. Per poter eseguire l'installazione completa dell'impianto è necessario il CILA o si considera edilizia libera e quindi è sufficiente un autodichiarazione? Si può considerare manutenzione ordinaria e usufruire delle detrazioni al 50%? La ringrazio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-13 09:28
le chiedo una delucidazione, anni fa lessi, ma non riesco più a ritrovare, che se gli altri proprietari cioè i miei tre fratelli non intervenivano per anche solo parlare della messa in sicurezza e del ripristino di muri pericolanti, dopo 9 anni uno dei comproprietari (in questo caso addirittura il padre coniuge superstite e in comunione di beni prima del decesso di mia madre,quindi anche proprietario della maggioranza dei millesimi oltre che usufruttuario impossibilitato ad esercitare il suo diritto causa incendio) ha il diritto di intervenire senza l'obbligo di coinvolgere gli altri altri comproprietari per aprire una CILA, oltretutto arrecandosi l'onere delle spese senza volere per questo rivalersene in futuro sugl'altri, ma anzi solo per poter trascorrere la sua vecchiaia nella sua casa di origine.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Lara 2018-07-12 22:17
Buongiorno dopo aver presentato una Cila come manutenzione straordinaria abbiamo aggiunto dei lavori come rifacimento tanto elettrico e idraulico avendo trovato dei problemi possiamo trasformare la Cila per Montese straordinaria a ristrutturazione o dobbiamo presentare una nuova pratica al comune
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Emanuele 2018-07-12 22:01
Gent. Ingegnere,
Ho bisogno di alcuni chiarimenti inerenti all'Iva agevolata.
Sto ristrutturando la mia casa attraverso una scia impostata come manutenzione straordinaria, vorrei sapere info riguardo l'iva, il materiale viene acquistato dal committente, l'iva sui beni finiti(finestre,sanitari ecc) sono al 10% o al 22%?
Grazie mille dall'attenzione
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-13 09:33
Salve, tutto spiegato in questo articolo: studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# rosario 2018-07-12 19:16
Gent. Ingegnere ,
mi rivolgo a lei per alcuni chiarimenti a proposito di una ristrutturazione.
Abito in un edificio a tre piani fuori terra, dove non è costituito il condominio. Dovremmo ripristinare la
facciata con materiale e colore diverso dal preesistente con cambio anche degli infissi.
La domanda che le rivolgo è la seguente: per poter usufruire del bonus ristrutturazione ( manutenzione ordinaria) e visto il decreto infrastrutture del 2/3/2018, cosa bisogna fare per non perdere le detrazioni fiscali al 50%? la Cila o la Scia? Oppure rientra nelle opere di attività edilizia libera, senza nessuna comunicazione?
Inoltre se effettuo i lavori bisogna fare la comunicazione all’Enea?
Come potrà ben capire sono abbastanza confuso.
Grazie anticipatamente per la Sua disponibilità.
Resto in attesa di una Sua solerte risposta.
Cordiali saluti
Rosario
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-11 19:26
Buongiorno,l'impresa edile mi ha ristrutturato il tetto di casa (carta ardesiata e nuova copertura,il massello c'era già).La casa è in un comune che ha aderito al decreto libera ediizia, quindo il loro geometra non ha presentato la scia.Il caaf però mi dice che per la detrazione serve la scia.Chi ha ragione?Lo potrò detrarre senza pratica edilizia ma solo con la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà?
grazie
Valentina
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-11 11:04
Buongiorno, rifacimento completo terrazzo e poggiolo nel 2017, dal proprietario di un appartamento sito in uno stabile condominiale. Occorre presentare titolo abilitativo in sanatoria? E se si, quale titolo abilitativo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-11 15:27
Per rifacimento cosa intende...comunque per le sanatorie veda: studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# bb 2018-07-11 09:53
Buonasera ,
quando a seguito di un controllo il comune nel verbale scrive che i lavori in essere sono:
" ristrutturazione di porzione di fabbricato ad uso civile abitazoine con modifiche interne:demolizione e riscostruzione di alcune pareti interne con modifiche della distribuzione degli spazi interni e predisposizione degli impianti , e che gli impianti stessi sono stati ricostruiti sulle pareti a comune.." quale titolo abilitativo dovrebbe essere presentato in sanatoria??
Grazie
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-10 23:10
Buonasera Inge. Madera,
ho acquistato un immobile nel 2015 ed ho iniziato i lavori per usufruire delle detrazioni fiscali per ristrutturazione straordinaria.
I lavori sono iniziati ad agosto 2015 e terminati ad ottobre 2015.
Tuttavia, richiedendo la consulenza di un CAF, mi è stato fatto notare che l'architetto aveva richiesto solo una CIL e non una CILA.
Ho già richiesto (ma non ancora ottenuto) rimborso per l'anno 2015 e 2016. Volendolo ottenere anche per l'anno 2017, il CAF mi ha detto che, in realtà, non avrei diritto ad alcun rimborso.
In effetti quello che mancherebbe a tutta la documentazione è proprio una CILA. Per il resto ho tutto in regola, con regolari fatture.
La mia domanda è questa: se facessi adesso una CILA tardiva, potrei comunque usufruire delle agevolazioni fiscali?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-10 21:50
Buonasera ing. Madera,
Ho acquistato casa ed ho effettuato dei lavori per spostare la caldaia dalla cucina al garage. Per fare ciò mi sono rivolta ad uno studio che mi ha rilasciato la Cila, in quanto era necessario cambiare la destinazione d’uso del garage. Per effettuare il bonifico relativo alla caldaia a condensazione acquistata devo inserire una causale particolare per poter poi usifruire delle detrazioni. Il dubbio è questo.. si tratta di efficientamento energetico o ristrutturazione?
La ringrazio sin da ora per l’attenzione.
Luana
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-11 09:24
Salve Luana,
qui è spiegato tutto studiomadera.it/.../....
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-10 10:19
Salve Ingegnere.
Ma per fare una pratica di ristrutturazione serve per forza un Ingegnere o può farla anche un Architetto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-10 12:50
Salve,
certo. L'ingegnere di solito occorre quando deve anche realizzare un'opera strutturale. Anche gli architetti possono progettare le opere strutturali, ma non sempre se ne occupano...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ALESSANDRO 2018-07-06 15:36
Buongiorno Ingegnere, ho comprato un appartamentino in un piccolo residence ed ho fatto dei lavori di manutenzione nel 2017 alla mia abitazione (cambiato l'impianto elettrico, la pavimentazione, serramenti, cambiato i sanitari, impianto di raffreddamento, acquistato mobili...). Ho pagato tutto con bonifico con le norme relative alla ristrutturazione. Purtroppo non ho fatto nessuna Cila/Scia in quanto mi era stato detto che non era necessaria. Per la detrazione del 50% dovevo fare una Cila/Scia ? Se la risposta è affermativa è possibile fare una comunicazione retroattiva o si può sanare la situazione. Grazie per la disponibilità
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-10 10:17
Salve Alessandro, deve controllare il regolamento edilizio del comune e le leggi regionali che implementano le norme nazionali. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# roberto 2018-07-06 13:37
buongiorno Ingegnere, Devo realizzare un intervento di insuflaggio con supafil knaufinsulation.it/.../... in un intercapedide vuota (di 8 cm ) in tutto il perimetro della mia abitazione (4 lati) inoltre l'istallazione di un VMC singola (monostanza).
totale costo 4650 euro piu iva.
l'intervento lo faro solo se sicuro della detrazione fiscale del 50% "bonus casa" o 50% "risparmio energetico".Mi puo confermare che posso avere questo tipo di detrazione e se posso anche fare l'intervento senza aprire nessuna pratica Cila o scia?Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# rosario caratozzolo 2018-07-06 10:49
buongiorno Ingegnere,
avrei bisogno di alcuni chiarimenti in questa giugla di regolamenti.
abito in un edificio a tre piani fuori terra, dove non è costituito il condominio. dovremmo rifare la facciata con materiale e colore diverso dal preesistente con cambio anche degli infissi. la domanda è la seguente. per ottenere le detrazioni fiscali al 50% basta una comunicazione al comune oppure bisogna fare la Cila o la Scia? in quale categoria rientra il rifacimento della facciate(manutenzione ordinaria o straordinaria?) l'Angenzia delle Entrate sembrerebbe farla ricadere nella manutenzione ordinaria quindi senza detrrazioni fiscale al 50%.
Come potrà ben capire sono abbastanza confuso.

Grazie anticipatamente per la Sua disponibilità.
Rosario
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Antonio 2018-07-05 18:03
"CHE CONFUSIONE".... salve Ing. Madera.... tanta confusione con tutti questi regolamenti.Se riuscisse a darmi dei chiarimenti le sarei eternamente grato. In breve, Abito al primo piano di un edificio composto da magazzini al piano terra, primo piano (il mio) e terrazza a copertura (lastrico solare) a causa di infiltrazioni di acqua ed elevate temperature estive (bassissime d'inverno) ho necessità di realizzare una copertura a due falde sul lastrico .... una tettoia con altezza massima di 2.00 (giusto sopra la porta per accedere al lastrico) a finire sopra il muretto a circa 60cm. La tettoia sarebbe, ovviamente, non abitabile ma solamente agibile giusto per dare la possibilità di visionare le vasche.
dalle mie ricerche ho capito che essendo proprietario dell'ultimo piano (nonché unico) ed avendo l'uso esclusivo del lastrico (almeno così mi ha confermato il mio avvocato) posso fare quello che voglio.
la mia domanda è.... facendola in questo modo che tipo di permesso devo chiedere al comune?c'è il rischio di aumento di volume? il proprietario del magazzino può chiedermi indennità di sopraelevazione? e soprattutto le spese sono tutte a carico mio?
La ringrazio infinitamente. saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-06 10:03
Salve,
direi che c 'è bisogno del permesso a costruire con aumento di volume, salvo regolamenti locali da verificare...
Per la ripartizione delle spese direi che se lo chiude lo fa a suo vantaggio.
Se vuole farlo passare come riparo dalle infiltrazioni, mi sembra forzato far pagare gli altri. Le potrebbero dire che basta una impermeabilizzazione del lastrico...poi tutto si può discutere
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gaia 2018-07-04 15:10
Buongiorno Ing.Madera,
avrei un paio di domande relativamente alla CILA; ho acquistato un appartamento (per andarci ad abitare non a scopo di investimento) in un immobile di interesse storico, l’immobile è stato ristrutturato nel 2010, ma ci sono comunque dei lavori da fare per renderlo abitabile, in quanto precedentemente era adibito ad ufficio. Il venditore provvederà al cambio di destinazione d’uso da commerciale ad abitativo; i lavori da fare saranno relativi a n.2 bagni, tinteggiatura muri e pavimenti. La domanda è se per questo tipo di manutenzioni va fatta la CILA, perchè leggendo svariati articoli mi sembra di aver capito di SI.
Il problema è che, essendo appunto un immobile di interesse storico, il comune ha diritto di prelazione e bisogna aspettare i 60gg (silenzio assenso) per avere la piena proprietà del bene.
Ora, se il rogito viene fatto il 30/07 (ad esempio) e il 30/09 saranno trascorsi i 60gg nei quali il comune non si fa sentire, la CILA quando può essere fatta? Si può fare dopo il rogito del 30/07 o bisogna aspettare la scadenza dei 60gg? Perché l’impresa che farà i lavori ha già emesso la fattura d’acconto per ristrutturazioni straordinarie con detrazione del 50% dicendo che non deve essere fatta nessuna CILA.
Come potrà ben capire sono abbastanza confusa.

Grazie anticipatamente per la Sua disponibilità.
Gaia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-04 09:46
Gentile Ingegnere, nel condominio in cui abito si sono verificate delle infiltrazioni tra la pavimentazione della terrazza del piano attico (pavimentazione privata) e l'appartamento sottostante. Ora saranno effettuati i lavori di totale rimozione della vecchia pavimentazione e guaina, ecc..., dell'attico e il ripristino di travi e solai nell'appartamento sottostante (l'infiltrazione ha creato molti danni). Il nostro amministratore ha parlato di "conferimento di incarico a tecnico per pratica e direzione lavori". Ma da quello che leggo, mi pare che questi lavori possano essere fatti senza comunicazione alcuna, o erro? La ringrazio per la sua riposta. Marco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# corrado 2018-07-03 22:47
salve , ingegnere, mi sto scervellando per poter detrarre dei lavori che farei io in economia , cercando di usufruire del bonus ristrutturazioni , bonus mobili e bonus verde. devo riverniciare facciata con ripristino dell'intonaco anche cambiando colore o materiali (quindi detraibile) devo cambiare/modificare recinzione e cancello carraio facente parte della recinzione (quindi detraibile) ripristinare secondo bagno con modifiche e arredo bagno (Bonus mobili) installare videocitofono collegato con telecamere (sicurezza detraibile) fare lavori in giardino usufruendo del bonus verde. ma dei primi punti l'agenzia delle entrate riconosce lavori x la detrazione come straordinari anche facendoli in economia (io) ma oltre a pagare il materiale con bonifico bancario o postale che risulta complicato andando nei vari centri commerciali . rispetto bonus mobili, elettrodomestici e verde pagabili co n carte bancomat ecc. il problema sorge nel mio comune dove i lavori risultano lavori ordinari quindi non detraibili , secondo Comunicazione di edilizia libera , se devo fare la CILA mi occorre il tecnico , ma secondo voi o alcuni no. come faccio a fare accettare al mio commercialista l'anno prossimo i vari bonifici fatture bancomat ecc. se non allego un documento che attesti la possibile detraibilità , o il mio comune ci fa o il mio commercialista e l'agenzia delle entrate non sa quello che fa
.
e urgente la soluzione , grazie,
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Angelo 2018-07-02 02:24
Salve Ingegnere .
Avrei bisogno di una delucidazione e spero lei abbia la pazienza di darmela.
Mio suocero ha acquistato un fondo commerciale che in tempo era adibito alla vendita di articoli ma che al momento risulta completamente vuoto e privo di qualsiasi parere divisoria. ( praticamente ci sono solo le pareti perimetrali )
Ora , mio suocero vorrebbe farci uno studio dentistico ed il progetto comprende la messa in opera di un controsoffittatura totale del fondo è la messa in opera di pareti sempre in cartongesso per la divisione delle varie stanze da creare.
La domanda è:
Possono essere lavori fatti in economia e quindi da me che sono il genero? Di cosa c’è bisogno eventualmente? La ringrazio in anticipo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-02 11:53
Di sicuro avete bisogno di un tecnico per la pratica in comune.
Se non agite sugli impianti (a vedo difficile) potete farlo...http://www.studiomadera.it/news/85-impianti
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-02 01:05
Buonasera Ing, sono divenuto da poco promissario acquirente di un immobile e sto iniziando in esso i lavori di ristrutturazione dopo aver trascritto il preliminare ma la CILA/SCIA che ha aperto l'architetto è esclusivamente a nome del venditore.
Negli ultimi giorni vari professionisti consultati mi danno versioni contrastanti: ossia c'è chi mi dice che la CILA/SCIA deve essere aperta a mio nome per forza se voglio essere tranquillo in caso di controllo della AdE per beneficiare delle detrazioni, altri invece che non importa affatto chi ha aperto la SCIA/CILA in quanto come promissario acquirente ne avrei diritto comunque. Anche sul web trovo abbastanza confusione in proposito..lei sa darmi chiarezza su questo proposito? Grazie per il prezioso supporto!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Fabrizio 2018-07-03 11:13
gent.mo, anche io mi trovo nella stessa situazione descritta sopra. Se avesse una risposta certa a questo quesito le sarei infinitamente grato. Un saluto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-03 11:28
Le detrazioni si trasferisco, salvo diverso accordo quindi è indifferente...Però, se i lavori e quindi la scia continuano deve comunque modificare il committente in comune..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# roberto 2018-06-29 19:46
Buonasera Ingegnere,
vorrei sapere due informazioni riguardante l'agibilità e la conformità degli impianti rilasciata dagli impiantisti a fine lavori con CILA. I lavori in oggetto sono di manutenzione straordinaria, nello specifico installazione di nuovi impianti e rimozione vecchi impianti elettrici e termici con spostamento del contatore del gas all'esterno dell'appartamento. Dopo aver depositato la CILA e non avendo modificato la distribuzione interna del mio appartamento, vorrei sapere se a fine lavori il tecnico deve depositare assieme alla comunicazione fine lavori anche il deposito di attestazione asseverata di agibilità (in considerazione del fatto che l'intervento ha comportato installazione di nuovi impianti). Inoltre l'elettricista e l'idraulico, rilasciano il certificato di conformità al proprietario, ma quest'ultimo documento deve essere depositato anche in comune da parte degli impiantisti?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-30 10:55
Salve Roberto:
legga l'articolo sull'agibilità studiomadera.it/.../...
e quello sulle certificazioni studiomadera.it/.../...
Si chiarirà tutti i dubbi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# edoardo 2018-06-29 15:26
Buongiorno, nell'ambito di lavori di manutenzione straordinaria (CILA), per l'acquisto di nuove porte interne che verranno montate in una posizione diversa rispetto a quella originaria, ho diritto alla detrazione del 50%? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-29 17:29
Salve Edoardo,
Per vedere se ricade tra le opere soggette a detrazione: studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesca 2018-06-29 15:02
Buon giorno Ingegnere. Approfitto della sua competenza per una domanda veloce. Sto ristrutturando casa, è stata presentata al Comune una SCIA (perchè ho sopralevato di un piano recuperando il sottotetto) e nominato un Coordinatore della Sicurezza (un architetto) e un direttore lavori (l'Ingegnere che ha fatto anche il progetto e le pratiche comunali). Sto affidando lavori a diverse imprese e presento di volta in volta il loro DURC e visura camerale ai professionisti per le varie notifiche preliminari e burocrazie. Ora, sono arrivata al punto di dover fare gli impianti. Ho intenzione di far fare l'impianto elettrico a mio suocero, che di mestiere ha una farmacia, ma che viene da generazioni di elettricisti ed è assolutamente in grado di eseguire questo lavoro in economia (non me lo farebbe pagare). La domanda è: può farlo? Devo dichiararlo facendo presentare una specifica richiesta al Comune? Nel frattempo contestualmente lavorerà l'impresa edile che mi farà i tavolati interni, ma voglio capire se potrei incappare in qualche problema o meno. Grazie in anticipo del tempo che vorrà dedicarmi. Francesca
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-29 17:09
No Francesca non può...si legga questo articolo, risolverà tutti i problemi studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-07-17 12:46
Salve Ing. Madera, in effetti l'osservazione di Paolo penso interessi la maggior parte delle persone che svolgono lavori in proprio durante una attività di cantiere. Esistono delle deleghe particolari che permettono al proprietario (o chi di sua scelta) l'accesso al cantiere per svolgere delle attività in economia? Non mi riferisco a quelle persone "artigiane" con p. iva, bensì privati in grado di eseguire lavori di piccola entità come ad esempio tinteggiare le pareti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-17 15:37
Salve,
partiamo dal principio che i privati possono svolgere solo lavori di MODESTA ENTITA'. E su questo siam d'accordo.
Far svolgere dei lavori in economia non esonera il privato dalle responsabilità connesse all’adempimento dei propri obblighi in materia di sicurezza. SE QUALCUNO SI FA' MALE è responsabile il committente, il direttore lavori e il coordinatore per la sicurezza.

Se è presente un coordinatore della sicurezza, occorre far presente le operazioni intraprese da privati e lui lo inserirà nel progetto.
La legge non vieta i lavori in economia. Detto ciò i privati devono prevedere tutte le accortezze del caso.
Io impedirei agli occupanti di entrare nel cantiere.
PS: non mi occupo di sicurezza, quindi consiglio di porre questi quesiti a professionisti del settore. Quanto a monte è solo un mio modus operandi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2018-07-17 18:11
Buongiorno Ing.
La ringrazio per la risposta. Come temevo, quando si cerca di arrivare ad una risposta effettiva entra in gioco l'interpretazione della legge. Ritengo che anche i vari responsabili della sicurezza non siano in grado di fornire una risposta chiara e onde evitare qualsiasi rischio sarebbero più propensi a vietare il fatto. La ringrazio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2018-07-16 22:23
Buongiorno Ing. Sempre in riferimento alla domanda posta da Francesca, provo a formulare una io. Se il suocero non fa impianto elettrico ma intonaco un muro? Oppure se il suocero é semplicemente in cantiere con un'altra imptesa che sta facendo dell'edilizia può stare? Se escono i controllo dell'Asle? Inoltre, il committente dei lavori o il suocero, possono stare nella propria casa nel week end quando l'impresa non é presente?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Donato 2018-06-28 15:13
Ingegnere buongiorno. Volevo sottoporLe il mio caso. Sono comproprietario di un villino con giardino (Cat. A7), il cui muro di cinta (realizzato in blocchetti di tufo per un'altezza di circa un metro con soprastante ringhiera) confina con il marciapiede della strada pubblica (che peraltro è la strada principale della zona e molto trafficata). A causa delle radici di un pino e di altre piante del mio giardino site a ridosso di detto muro, lo stesso si è in parte sollevato e gravemente lesionato per una lunghezza di circa 5-6 metri con rischio di crollo (per cui sussiste una situazione di necessità ed urgenza). E' pertanto necessario un immediato intervento di riparazione che comporterebbe la demolizione della parte danneggiata del muro e la sua ricostruzione con materiali e forme identici ai precedenti. Inoltre detti lavori di manutenzione comporteranno un'occupazione di suolo pubblico (e cioè di parte del marciapiede). Ho interpellato vari tecnici, per alcuni dei quali l' intervento non necessiterebbe di alcun permesso, comunicazione o pratica edilizia (manutenzione ordinaria) mentre per altri sarebbe sufficiente una CIL, e per altri ancora bisognerebbe presentare addirittura una CILA (manutenzione straordinaria). Tale tipo di intervento - come Lei ben sa - non è espressamente previsto nell' elenco (58 voci) del recente glossario delle opere di edilizia libera, però è anche vero che il decreto di approvazione di tale glossario espressamente prevede che gli interventi in esso elencati sono esemplificativi e non esaustivi.
Cosa ritiene Lei al riguardo?
La ringrazio anticipatamente per la Sua risposta e Le invio i miei più distinti saluti.
Donato
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-27 17:02
Buonasera Ingegnere,
visto che è così gentile e preparato e risponde a una serie di quesiti anche complicati le chiedo cortesemente di rispondere anche al mio e se possibile rispondermi con chiarezza.
L'anno passato 2017 ho fatto una sostituzione delle persiane della mia abitazione privata, mi fu detto che non occorreva presentare nessuna comunicazione al comune e comunque avevo diritto alla detrazione fiscale del 50%. Adesso mi viene detto il contrario e cioe' niente comunicazione niente 50%, ma ho capito che anche i piu esperti si intrecciano tra le righe della guida dell'agenzia delle entrate e delle circolari ministeriali e quando non sanno cosa dire meglio stare tranquilli presentando la DIA.
Ora io la comunicazione non la ho e dovrei fare un autocertificazione
Domanda secca: ho sostituito le persiane del mio appartamento dovevo fare la comunicazione?
per quale motivo rientrava nel 2017 tra l'edilizia libera e questo anno no?
ho diritto all'agevolazione fiscale?
cosa mi risponde lei?
se si o no mi puo cortesemente indicare la normativa di riferimento?
Grazie Anna
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marco 2018-06-26 22:26
Buonasera Ingegnere,
per un appartamento che sto per acquistare vorrei:
1. realizzare in soggiorno un locale armadio con porta in cartongesso
2. ristrutturare un bagno (rifacimento impianto idraulico, sostituzione pavimenti e rivestimenti)

Considerato che il punto 1 va a modificare la planimetria della stanza devo presentare una pratica edilizia in Comune (tramite Geometra)
Tutti questi interventi saranno fatti in economia. Posso accedere alla detrazione fiscale del 50% sui materiali acquistati nell'arco temporale di apertura/chiusura CILA? Posso accedere al bonus mobili anche se acquistati dopo la chiusura della CILA?

La ringrazio in anticipo per la disponibilità
Marco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Monica 2018-06-26 14:46
Buongiorno Ingegnere,
Le chiedo, gentilmente, un suo riscontro sul nostro seguente quesito.
Stiamo ristrutturando la nostra casa con interventi di MANUTENZIONE ORDINARIA (riscaldamento, condizionamento, idrico-sanitario e cambio caldaia). Tali lavori sono svolti da mio marito (proprietario dell'immobile) possiamo acquistare i materiali con la detrazione fiscale SENZA aver inviato nessuna comunicazione preventiva all'ASL competente? Mi risulta che per questo tipo di lavori non vi è l'obbligo di alcuna pratica.
Grazie
Monica
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-26 17:07
Attenzione se tocca l'impianto di riscaldamento c'è la legge 10...http://www.studiomadera.it/news/71-legge10
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2018-06-26 13:46
Visto la sua cortese e celere risposta le chiedo una delucidazione, anni fa lessi, ma non riesco più a ritrovare, che se gli altri proprietari cioè i miei tre fratelli e annessi erede e tutori legali di due, come le dicevo, non intervenivano per la messa in sicurezza dopo 9 anni mio padre coniuge superstite e in comunione di beni prima del decesso di mia madre, ha il potere di non chiedere più l'ok degl'altri comproprietari. e poi se fossimo almeno in tre senza coinvolgere i due tutori legali, solo per velocizzare anche i tempi non potremmo bastare rappresentando la maggioranza ed essendo l'unico bene. mio padre ha il 66,66 e con me e mia sorella sana che abbiamo l'8,33 a testa. grazie della cortese attenzione comunque
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-26 10:45
Buongiorno,
devo eseguire opere di manutenzione straordinaria in un monolocale (spostamento tramezzi bagno, rifacimento impianto idraulico, adeguamento impianto elettrico, realizzazione impianto i condizionamento, rifacimento pavimentazioni, tinteggiatura, realizzazione di controsoffitto in cartongesso...). Ho incaricato un ingegnere di predisporre la pratica, l'ingegnere insiste nel consigliarmi anche di incaricare un suo collega come coordinatore per la sicurezza. Dice che in base all'aggiornamento del D. Lgs. 81/2008 poichè avremo più imprese in cantiere è obbligatorio il PSC.
Io sapevo che non è necessario nominare un coordinatore per la sicurezza per lavori privati non soggetti a permesso di costruire e di importo inferiore a 100 mila euro e la cui entità sia inferiore a 200 uomini-giorno e i cui lavori non comportano richi particolari.
Lei cosa mi consiglia?
Grazie Daniela
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-26 13:32
Assolutamente, dipende dal numero di imprese...legga le indicazioni studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Linda 2018-06-24 19:22
Buonasera, abbiamo un dubbio. Noi abbiamo una Cila che è stata chiusa il 27.12.2017 nonostante i lavori non fossero conclusi. Ha ancora validità per le detrazioni fiscali (recupero del 50% in 10 anni) per lavori che saranno eseguiti in questi mesi? In pratica le detrazioni fiscali sono vincolate alla data di chiusura della CILA o c'è un margine di tempo?
Altra domanda: invece per quanto riguarda il bonus mobili (nella fattispecie acquisto di cucina e elettrodomestici) vale sempre la stessa CILA anche se già chiusa? Linda
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-06-24 19:44
Salve, dal momento in cui chiude la cila, non può più detrarre.
Per le detrazioni mobili non sono state indicate scadenze...per approfondimenti studiomadera.it/.../....
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2018-06-24 18:02
Salve, mio padre ha un figlio invalido al 100€ e l'altro deceduto e relativo erede minore comproprietario immobile di famiglia incendiato, agibile, se volesse rientrare e tirare giù un muro di un corridoio e spostare una porta per richiedere la scia, a Milano, deve chiedere il permesso a tutti? data la precarietà del muro c'è bisogno di intervenire in fretta senza passare da tutti i giudici tutelari del caso. l'immobile non cambierebbe destinazione d'uso con la modifica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-25 09:15
Salve Paolo,
per la pratica deve far firmare gli altri "aventi titolo".
Per questioni di urgenza e rischio può procedere, ma si faccia seguire d un tecnico per non sbagliare. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2018-06-25 12:24
Visto la sua cortese e celere risposta le chiedo una delucidazione, anni fa lessi, ma non riesco più a ritrovare, che se gli altri proprietari cioè i miei tre fratelli e annessi erede e tutori legali di due, come le dicevo, non intervenivano per la messa in sicurezza dopo 9 anni mio padre coniuge superstite e in comunione di beni prima del decesso di mia madre, ha il potere di non chiedere più l'ok degl'altri comproprietari. e poi se fossimo almeno in tre senza coinvolgere i due tutori legali, solo per velocizzare anche i tempi non potremmo bastare rappresentando la maggioranza ed essendo l'unico bene. mio padre ha il 66,66 e con me e mia sorella sana che abbiamo l'8,33 a testa. grazie della cortese attenzione comunque
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Katia 2018-06-24 15:10
Buongiorno Ingegnere, io abito in una casa di proprietà e avrei la necessità di cambiare la pavimentazione .Posso usufruire della detrazione fiscale del 50 % come risanamento conservativo , visto che la mia casa ha più di 40 anni? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Sabrina 2018-06-23 20:16
Le opere di ingegneria naturalista per sostenimento e rafforzamento scarpata di una abitazione privata possono essere portare in detrazione al 50%? Hanno bisogno di una scia?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-23 20:10
Buongiorno,
Devo effettuare una ristrutturazione con presentazione Ciila per demolizione di un tramezzo non portante.
Nell’ambito della ristrutturazione dovrei anche sostituire porte interne con rimozione dei telai e murazione di nuovi telai. Alcune porte verranno riposizionate nello stesso punto ed avranno stessa luce delle persistenti; altre verranno sposte di 10 cm ed altre ancora verranno allagate.
Per quanto riguarda la detrazione fiscale 50% , possono essere detratte tutte o solo quelle che avranno luce di passaggio aumentata.?
Saluti
Giorgio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-23 16:04
Buongiorno,
Le chiedo un'informazione dettagliata su un lavoro di ristrutturazione ordinaria del tetto dell'abitazione di proprietà ( no condominio).Dovrei rimuovere le tegole vecchie e sostituirle con nuove senza alterare l'aspetto attuale del tetto. Devo presentare la SCIA? Ho diritto alla detrazione del 50% sulla ristrutturazione?
La ringrazio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-23 16:15
Salve, dipende dal regolamento del Comune. Controlli se richiedono ancora la Cil.
Per vedere se ricade tra le opere soggette a detrazione: studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Frenna Andrea 2018-06-22 15:25
Buonasera,
Vorrei informazioni circa la pratica necessaria per eseguire un intervento di manutenzione di un ballatoio. Cila o Cil?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-23 15:12
Salve Ingegnere, che cosa vuole fare?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Frenna Andrea 2018-06-26 15:50
Riparazione crepe e riverniciatura.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Fabio 2018-06-21 12:31
Buongiorno,
non mi è chiaro se, a seguito del glossario edilizia libera 2018, il rifacimento dell'impianto elettrico è ancora soggetto a detrazione (presentando una CILA).
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-21 15:13
Salve Fabio,
da una parte dicono una cosa, da un'altra l'opposto. Salvo regolamenti locali, io non presenterei nulla (no cila) per il rifacimento degli impianti elettrici e detrarrei comunque. Questo farei io. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Oriana 2018-06-20 16:54
Buongiorno una domanda: per ristrutturare due bagni compresi gli impianti e avere il recupero del 50% cosa devo presentare in comune? Devo fare la comunicazione alla Asl? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-06-21 00:59
Salve Oriana dipende dal regolamenti regionali e dal suo Comune...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Oriana 2018-06-21 16:18
e a parte il comune c'è altro da fare tipo scia cila...? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-21 16:36
Se supera i 200 uomini giorno, la notifica preliminare all'asl, forse si riferisce a quello. Non credo sia il suo caso, ma ha bisogno del tecnico per la certezza...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# DIEGO 2018-06-19 08:17
buongiorno,
un mio cliente ha presentato una scia per manutenzione straordinaria pesante e mi chiede l'applicazione dell'iva agevolata al 10%. il mio dubbio è che mentre in ristrutturazione va tutto al 10%, in manutenzione straordinaria bisogna distinguere tra beni significativi e accessori. è corretto o in presenza di manutenzione straordinaria pesante mi devo comportare come una ristrutturazione ? La rngrazio in anticipo. Saluti, Diego
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mersia 2018-06-15 22:33
Buonasera Ingegnere.
Avrei bisogno di una delucidazione.
La mia commercialista sostiene che le spese detraibili sono solo quelle effettuate nell’anno in cui la Cil risultava aperta (2016). Quindi i bonifici effettuati nel 2017 relativi ai lavori del 2016 non sarebbero da considerare e secondo lei avremmo dovuto aspettare a chiudere la Cil.
E’ corretto?
La ringrazio per la cortese disponibilità
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-16 11:22
ci sono alcune opere che a prescindere dal titolo edilizio vanno in detrazione. Deve ricercare l'elenco relativo al 2017 e vedere se le opere realizzate ricadono all'interno della lista ...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-15 18:50
la ringrazio, è stato esauriente e interessante leggere il tutto, franco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# flaviana 2018-06-14 10:40
Salve,
ho presentato una CILA a giugno 2015 (relativa a rifacimento tubature).. vorrei sapere se esiste proroga o se è prevista la chiusura obbligatoria dopo tre anni, al momento mi interessa tenerla ancora " attiva"
dal "decreto del fare" non sembra ci sia obbligo di chiusura ne tanto meno di proroga...quindi che fare?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-12 18:02
Salve, ho preso in affitto un locale commerciale per svolgere attività di ristorazione.
Per esigenze di elettricità ho bisogno di tracciare un solco di 1 metro di altezza e 7 metri di lunghezza su una corte condominiale.
Inoltre dovró istallare un pozzetto degrassatore sempre nella medesima corte.
Ho messo al corrente il mio amministratore di condominio il quale mi ha suggerito ,per accellerare i tempi di svolgimento,di non convocare una riunione di condominio bensì di presentare a lui stesso una lettera nella quale informo l'amministrazione di eventuali lavori.
Il mio ingegnere sostiene che per presentare la SCIA ha bisogno non solo della lettera dove si informa l'amministratore ma anche di un autorizzazione o di tutti i condomini o dell'amministratore il quale si incaricherà di responsabità verso essa.
Mi sono gia informato e su internet dicono sia sufficiente solo la lettera di informazione con avvenuta ricevuta e firmata dall'amministratore stesso.
Mi sà dire cortesemente chi ha ragione in merito? Premetto che i lavori non altereranno in nessun modo la corte condominiale.
Grazie in anticipo e spero di essere stato chiaro.
Cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# FRANCO 2018-06-12 15:41
Buon giorno, sono comproprietario in un piccolo condominio (4 appartamenti). Abbiamo un cancellone elettrico carrabile di cui la colonna portante sta cedendo. Ci troviamo pertanto nella necessità di fare intervento di riparazione/consolidamento (forse sostituzione della colonna portante del cancello) mantenendo intatte dimensioni e tipologia precedenti. Siamo tenuti a dare comunicazione di inizio lavori (CILA ? - SCIA ?). Grazie FRANCO
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-12 16:06
Bisogna vedere i regolamenti regionali e le dimensioni. Meglio fisssare un sopralluogo con un ingegnere...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Leonardo 2018-06-12 10:49
Buongiorno, sono un libero professionista di Roma e mi trovo a dover redigere per un mio cliente di Pistoia, una CILA. Il mio cliente ha semplicemente sostituito la caldaia con una a condensazione per richiedere le detrazioni fiscali. Ho scaricato il modello della Regione Toscana ma a chi devo inviarlo? e soprattutto a Pistoia come deve essere presentata questa pratica, online o di persona? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-06-12 11:52
Salve,
deve contattare l'ufficio tecnico del Comune per il protocollo o andarci in occasione del rilievo.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Fabrizio 2018-06-12 08:20
Salve avrei una domanda . Io dovrei fare un cambio di destinazione d’uso da negozio ad abitativo con diversi lavori interni come muri divisori e bagni . Presuppongo ci voglia una Cila giusto? Seconda cosa : nei lavori di ristrutturazione per usufruire delle detrazioni è sufficiente l’apertura della Cila con richiesta di cambio d’uso per poter fare i bonifici ristrutturazione anche da subito o dovrei aspettare che il negozio sia prima accatastato ufficialmente come abitazione ? Grazie Fabrizio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-06-12 09:41
Salve Fabrizio,
no, legga l'artico www.studiomadera.it/.../
Secondo: prima deve essere abitazione e poi può detrarre...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Fabrizio 2018-06-12 12:26
Salve ingegnere molto interessanti I suoi articoli e grazie della risposta . Sulla seconda risposta cioè prima deve essere abitativo e poi può detrarre mi rimane il dubbio . Se deve prima diventare abitativo per detrarre allora dovrei pagare con bonifico ristrutturazione una ditta e i professionisti solamente dopo la fine lavori quando è diventata abitativa ? Cosa difficile peraltro perchè tutte le ditte di ristrutturazione vogliono sempre un anticipo e poi i pagamenti all’avanzamento lavori . Mi risulta poi che con R.M. N 14/E/2005 l’agenzia delle entrate specifichi che è possibile fruire delle detrazioni fiscali di ristrutturazione se l’immobile di partenza sia a destinazione strumentale e l’immobile di arrivo per effetto dei lavori di ristrutturazione sia a destinazione abitativo a condizione che tale mutamento risulti dalla documentazione amministrativa
che autorizza l’esecuzione dei
Lavori . Le risulta anche a lei ciò ? Quindi dovrebbe essere sufficiente il permesso a costruire con richiesta di cambio d’uso per far sì che un bonifico dei lavori possa essere detratto fiscalmente anche se i lavori alla data del bonifico sono ancora in corso ? Grazie della sua risposta . P.S. Sono di Firenze
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-11 22:35
Salve dovrei fare la facciata esterna alla mia abitazione, volevo arrangiarmi facendolo io avendo un ponteggio a norma posso fare tutto in tranquillità o rischio una multa essendo il muro da rifare alto 8 metri??
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-10 19:33
Buongiorno,
Devo sostituire la calderina a camera aperta con una a condensazione in un appartamento in condominio e modificare l'installazione portandola in un terrazzino esterno; contestualmente rifarò i rivestimenti della cucina, modificando solo all'interno della cucina l'impianto elettrico.
Posso aderire al Conto Termico GSE? e per fare questi lavori devo presentare CILA, SCIA o si possono effettuare in deroga come previsto da d.lgs 222/2016?

Fabio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-10 20:00
Salve Fabio, non mi occupo di conto termico.
Per la lista degli interventi consiglio l'articolo: studiomadera.it/.../...
Mentre per la scelta della caldaia studiomadera.it/.../86-caldaia
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Arch. Giuliano Pianese 2018-06-07 17:32
Buonasera a tutti
volevo fare una domanda:
ho cominciato i lavori in un appartamento per trasformarlo in affittacamere, ho presentato regolare CILA realizzando 6 bagni e 6 camere con 1 corridoio.
Premettendo che gli affittacamere ricadono in categoria catastale A/2 mi sono accorto quasi a fine lavori di non aver insito nello stato di progetto presentato al comune, la cucina (requisito minimo e indispensabile per le civili abitazioni).
il comune di Napoli mi dice che per la CILA,non sono previste integrazioni e mi hanno consigliato di fare una chiusura parziale (con modello COM) e riapertura di una nuova CILA collegandola alla precedente e inserire la cucina graficamente.
nel modello COM, nello specifico mi chiede di allegare asseverazione certificazione degli impianti elettrici idraulici smaltimento ecc.
CHIEDO secondo voi devo asseverare le opere realizzate fino ad ora e certificare quello fatto fino ad ora oppure non allego nulla e allego tutto nella chiusura definitiva?
CHIEDO per il SUAP posso allestire la cucina ad uso camera da letto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-08 09:00
Ogni Comune ha le sue regole. Io farei una nuova cila come da consiglio. E' l'unica strada.
1 - forse allegherei alla fine lavori;
2 - non credo. Chiedere al SUAP non costa nulla
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giuseppe Ferrante 2018-06-07 14:56
Buongiorno,
scrivo per chiedere una delucidazione. In data 30/03/2018 è stata presentata regolare CILA al Comune nel quale è ubicato l'immobile. Il 3/05/2018 è stata sorteggiata per il controllo e il 09/05/2018 sono iniziati i lavori. Ho iniziato a fare i bonifici a stadi di avanzamento lavori con il riferimento al Protocollo della CILA quando Venerdì scorso, 31 Maggio 2018, perviene una PEC al direttore dei lavori che così recita:

Comunicazione di irricevibilità:
che la comunicazione di inizio lavori asseverata in oggetto, presentata ai sensi dell'articolo 6-bis del Dpr n. 380/01 smi, è irricevibile, in quanto il tipo di intervento indicato non è tra quelli previsti per la tipologia di istanza inoltrata. La presente viene trasmessa all'U.O.Tutela Edilizia per i provvedimenti di competenza. Il tecnico incaricato dovrà, ai sensi della delibera di Giunta comunale n. 2117 del 18.12.2009, comunicare il presente provvedimento, al proprietario o suo delegato.

Premetto che la CILA presentata conteneva la realizzazione di un mezzanino ma il tecnico (un po' superficiale) ha indicato una scala in ferro per cui il comune ha rigettato il tutto.
Si procederà oggi con Una SCIA e successivo deposito al genio civile del calcolo strutturale di tale mezzanino con scala a scomparsa. Quello che chiedo è:
1) perderò le detrazioni fiscali per i bonifici facenti riferimento alla CILA che è stata Bocciata?
2) E' corretto procedere alla SCIA facendo riferimento alla CILA bocciata per poterla inserire nei futuri bonifici?

Perdonatemi non ho tempo, non so che fare, mi sento davvero sconfortato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-07 15:16
buonasera,
Ricade in SCIA (salvo regolamenti regionali). Tutti possono sbagliare.
Bella domanda. Da chiedere all'agenzia delle entrate. Ma secondo me, anche se con qualche fatica, in più non ha perso nulla. Di sicuro nelle nuove fatture citi la SCIA...Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giuseppe Ferrante 2018-06-07 16:32
Ho controllato sull'ultima circolare del sito dell'agenzia delle entrate che così recita proprio nel mio caso:
La realizzazione di opere edilizie non rientranti nella corretta categoria di intervento per le quali sarebbe stato necessario un titolo abilitativo diverso da quello in possesso quali, ad esempio opere soggette a concessione edilizia erroneamente considerate in una denuncia di inizio attività ma tuttavia conformi agli strumenti urbanistici ed ai regolamenti edilizi. questo caso non può essere considerato motivo di decadenza dai benefici fiscali, purchè il richiedente metta in atto il procedimento di sanatoria previsto dalle normative vigenti.

L'ultimo passo non capisco. Cosa devo fare, se stesso oggi, entro 15 gg. della inaccettabilità della CILA, presento la SCIA? questo procedimento di sanatoria in cosa consiste?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-06-10 12:08
Salve,
deve affidarsi a un tecnico che sicuramente saprà procedere nel modo giusto, son tante le questioni da sistemare. Ci sono tantissimi tecnici capaci, non bisogna affidarsi a improvvisati o chi prende meno...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# sv 2018-06-06 19:01
Buonasera, un quesito, perche nn h bene capito.
l"e opere di pavimentazione e di finitura di spazi interni ed esterni (ad esempio il ripristino, rifacimento e tinteggiatura facciate), anche per aree di sosta, che siano contenute entro l’indice di permeabilità, ove stabilito dallo strumento urbanistico-comunale, ivi compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque, locali tombati;"
io dovrei rifare , senza demolire lo stato attuale di un piazzalino già destinato a parcheggio e con pavimentazione in cemento, asfalto ..il mio interevento sonsisterebbe nel mettere una rete elettrosaldata, e poi farci una nuova gettat di cemento e ghiaia.
Non altero lo stato attuale dei luoghi, ma faccio solo un " abbellimento" di quello che è adesso..
Ma nella edilizia libera parla di mattoni senza nessun collegamento cementizio o opera muraria...Pertanto ho un po di confusione..
Quale titolo abilitativo dovrei presentare?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Cristina 2018-06-05 14:33
Buon giorno Vincenzo, avrei un dubbio relativo alla validità della CILA nel caso in cui il tecnico avesse depositato documenti che non sono corretti. Nel mio caso ( compravendita di un immobile ottenuto da la suddivisione di una proprietà più grande) mi trovo a scoprire che, nonostante la CILA, non sono state fatte correttamente le pratiche per l'allaccio in fogna della mia unità immobiliare. A chi attribuire la responsabilità? E' ancora valida la CILA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-07 15:25
Responsabilità del tecnico! Lo contatti per risolvere...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# laura 2018-06-05 08:27
Buongiorno, articolo ben strutturato e chiaro. Ciò nonostante avrei piacere di avere un suo riscontro in merito alla problematica qui rappresentata. Devo provvedere alla posa di parapetto (recinzione) nella'area circostante l'abitazione. Attraverso il geometra ho avviato la pratica burocratica ed ho avuto l'ok da parte della Commissione Paesaggio. Ora il geometra, per l'avvio lavori, mi richiede la compilazione della CILA. E' necessaria/obbligatoria, per di più dalla lettura del Vs. articolo mi è sembrato di capire che apponendo la dicitura "lavori in economia" posso evitare di comunicare tutta una serie di dati. Ringrazio per l'attenzione che vorrà porre alla mia segnalazione e in attesa di riscontro, distintamente saluto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-04 18:27
Buongiorno,se eseguo lavori di tinteggiatura esterna,pagando con bonifico,è necessario fare qualche tipo di comunicazione al fine di vedere accolta la domanda di detrazione fiscale?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mariarosa LF 2018-06-04 10:31
Salve, articolo ben fatto, complimenti! Vorrei un chiarimento: io ho un appartamento che risulta essere in corso di costruzione. Devo fare tramezzi, pavimentazione, impianti, infissi esterni, porte interne, e tutto quanto serve per rendere abitabile l'appartamento. Quali solo i documenti, o i permessi da avere per iniziare i lavori? Posso usufruire di detrazioni e iva ridotta essendo prima casa? Grazie. Saluti. Mariarosa LF
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-09 13:30
Salve Mariarosa,
deve proseguire con il permesso di costruire, se non scaduto. Altrimenti aprire una nuova pratica (la vecchia deve essere chiusa in qualche modo). Si affidi a un buon tecnico. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-03 20:41
Buonasera Ing. avrei bisogno di chiarimenti...
Devo fare della manutenzione straordinaria leggera all’appartamento appena acquistato e non riesco a capire se:
1) sia obbligatorio aprire una CILA per ottenere gli sgravi fiscali relativi ai mobili (letto, divano, sedie, bagno) e elettrodomestici (p.es aria condizionata, frigo, lavatrice…)

2) e se faccio fare alcuni lavori ad una ditta di ristrutturazione e il condizionatore lo compro io direttamente da un’altra ditta che me lo installerebbe… fermo restando che pagherei con i bonifici o carta credito… avrei diritto ai benefici fiscali o solo se è l’azienda di ristrutturazione a comprare il condizionatore posso usufruirne?

Grazie mille
Marco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# elisa 2018-06-03 17:26
Buonasera Ingegnere,
vorrei spostare una finestra e ampliarne una già esiste. Sono considerati lavori di ristrutturazione pesante? In quanto si interviene sui muri perimetrali dell'edificio? In questo caso dovrei pagare oneri e costi di costruzione. é corretto?
la ringrazione di cuore. Elisa
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-03 20:00
Salve Elisa,
nessun onere...si legga l'articolo studiomadera.it/.../.... Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# alessia 2018-06-02 23:35
Buona sera Ingegnere, detengo l'uso esclusivo del terrazzo sopra il mio appartamento . Vorrei, sfruttando il già esistente gazebo in ferro con pali da 8cm ancorato alle pareti e non a terra, chiudere il tetto e montare 2 finestre sopra il muretto che delimita il terrazzo. Cosi verrebbe un ambiente chiuso solamente su 3 lati (altri 2 sono muro)+tetto e completamente aperto sul lato che si apre sul restante terrazzo. Questo per ripararmi dal vento e dalla pioggia e riparare gli arredi in inverno . Il gazebo è di poco meno di 25mq. Secondo l'edilizia libera 2018 devo chiedere autorizzazioni, comunicare o pagare l'asseveramento? Il mio comune di residenza è catania. Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-03 15:48
Salve Alessi,
ha bisogno di un tecnico, il suo è un intervento addirittura oltre la manutenzione straordinaria...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-06-01 23:57
Buona sera Ingegnere, mi scusi,
sono proprietaria di un appartamento in cui devo rifare il bagno (tubazioni, rivestimento, pavimento e sostituzione sanitari) senza variarne le dimensioni.
1) Si tratta di lavori straordinari?
2) Devo presentare la Cila?
3) Posso iniziare i lavori appena depositata al Comune la Cila?
4) Mi consiglia di far acquistare i materiali dalla ditta che eseguirà i lavori per acquistarli con un’IVA ridotta?
5) Potrei beneficiare poi del bonus mobili per sostituire la cucina nello stesso appartamento?
6) Devo poi presentare anche la dichiarazione di fine lavori?
La ringrazio per l’attenzione e distintamente saluto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Massimo 2018-06-01 11:04
Buongiorno ingegnere, ho incaricato un geometra di seguire la pratica per il rifacimento della pavimentazione esterna per poter usufruire della detrazione del 50%. Mi sorge il dubbio che rientrando la pavimentazione esterna tra le opere di edilizia libera, la figura del geometra possa essere superflua non dovendo più presentare nessuna "carta" al comune?
Anche perché i lavori che sta facendo la ditta da me incaricata li sto seguendo da solo.
Distinti saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-01 17:44
Salve Massimo,
bisognerebbe guardare il regolamento edilizio del suo comune....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# mara 2018-05-31 16:20
Buonasera Ingegnere,devo fare una manutenzione ordinaria di una casa in campagna,vorrei sapere se bisogna fare una comunicazione al comune e all'Agenzia delle Entrate per usufruire delle agevolazioni per interventi finalizzati a prevenire atti illeciti,al risparmio energetico e per l'IVA al 10% sulla manodopera e sui materiali.Ringrazio e saluto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-31 19:09
Salve Mara,
il comune può avere come no modelli di comunicazione della manutenzione oridnaria. Chieda all'ufficio tecnico del Comune. Per le detrazioni, và comunicato solo in caso di risparmio energetico all'enea...vedi articolo studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ile 2018-05-31 10:04
Buongiorno Ingegnere, sono un architetto ancora con poca esperienza. Volevo sapere se i committenti (a cui ho fatto una scia per ristrutturazione), posso chiedere la detrazione fiscale senza presentare la comunicazione fine lavori; questo perchè gli stessi l'anno prossimo vorrebbero cambiare gli infissi.O devo comunicare il fine lavori?grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-31 12:52
Credo di si, dovrebbe far fede il pagamento del bonifico...vedi articolo studiomadera.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Eli 2018-05-30 23:32
Buonasera Ingegnere, sono una giovane professionista alle prese con il mio primo lavoro da libero professionista. Devo realizzare dei lavori per l'apertura di una sala slot&vlt per fumatori, consistenti in demolizione e costruzione di pareti e controsoffitti in cartongesso. Il mio dubbio si innesca con gli impianti. Vorrei capire se devo aprire una cila o una scia edilizia tramite suap per l'impianto di ventilazione meccanica controllata e condizionamento, oppure se tutto verrà comunicato solo tramite scia di apertura attività. Ovviamente per l'impianto è stato realizzato un apposito progetto redatto da un ingegnere termotecnico. In sostanza non so come comportarmi dal punto di vista burocratico. la paura di sbagliare è tanta! Grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-31 09:43
Buongiorno Eli,
ci siamo passati tutti, fatto uno poi diventa tutto più facile. Poi come primo lavoro non è male.
Essendoci lavori di demolizione pareti e controsoffitti rientri in cila se sono semplici tramezzi, altrimenti scia edilizia se sono portanti. L'impianto di ventilazione devi inserirlo nella cila. La scia per apertura attività è slegata dall'edilizia, è una "comunicazione di inizio attività commerciale"...
in bocca al lupo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-30 09:11
Buongiorno Ingegnere,il chiarimento di cui ho bisogno è il seguente. Per l'installazione su un balcone aperto di uno scaldabagno a gas, quindi per la sola produzione di acqua calda, la pratica urbanistica di riferimento è la CILA o la SCIA? Lo scaldabagno ha dimensioni decisamente inferiori alle caldaie o condizionatori che solitamente è possibile notare sui balconi ed ha lo scarico dei fumi integrato nell'apparecchiatura. La questione, per quanto capisco è legata all'"alterazione dei volumi, delle superfici e dell'aspetto esteriore dell'immobile". La mia città è Roma. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-30 10:16
Salve, per sicurezza contatti l'ufficio tecnico, ma non dovrebbe necessitare di alcuna autorizzazione...Altro discorso se trattasi di immobile vincolato...La cosa che mi preoccupa è lo scarico ( per la normativa le consiglio l'articolo studiomadera.it/.../...)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-30 11:34
Grazie per la pronta risposta.
Per lo scarico ho reperito che: "la Norma Tecnica che regola l'installazione degli scarico per gli scaldabagni è la 7129:08 (parte 3), in quanto l'obbligo dello scarico a tetto, alla luce delle ultime disposizioni Legislative (DECRETO-LEGGE 4 giugno 2013, n. 63), riguarda i soli impianti termici.

“Allegato - MODIFICAZIONI APPORTATE IN SEDE DI CONVERSIONE AL DECRETO-LEGGE 4 GIUGNO 2013, N. 63
«l- tricies) “impianto termico”: impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con ......
..... Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate”. L'ultimo periodo dovrebbe essere il mio caso.

Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ivan 2018-05-29 12:23
Buongiorno Ing. vorrei farle una domanda: ho una casa indipendente su un piano, sono intenzionato a cambiare le tegole (marsigliesi) del tetto da solo, senza quindi avvalermi di una ditta. Il mio comune di residenza mi ha confermato che essendo manutenzione ordinaria è un’operazione che posso fare purché venga pagato il suolo pubblico per l’utilizzo dei ponteggi, la polizia municipale invece sostiene che debba chiamare una ditta. Come devo comportarmi? Devo fare affidamento a quello che dice il funzionario de comune oppure devo richiedere qualche permesso particolare e chiamare una ditta?
La ringrazio anticipatamente. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Franco 2018-05-27 01:42
Salve , cerco di spiegarmi ho una stanza 3,90 x 3,90 di metri intendo .ce una una porta di entrata e una finestra vorrei dividere la finestra con una spalletta da 20 ho 30 centimetri x fare un muro nel centro della finestra . Cosa bisogna presentare al comune anche se i lavori li voglio fare io da propietario senza una ditta esterna. La ringrazio anticipatamente x la risposta saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-27 12:56
CILA. Attenzione potrebbe configurarsi come modifica di facciata...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Franco 2018-05-29 13:50
Ho chiamto un geometra ieri e in giornata e venuto mi ha chiesto 2500 di euro x fare una scia e presentare un progettino x dividere la finestra e possibile sto fatto ? Cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# andrea 2018-05-25 16:30
Buongiorno Ing. innanzitutto complimenti per l'articolo molto esaustivo. Volevo però chiederle un consiglio: Sostituzione di una copertura con struttura lignea, rientra nella casistica di ristrutturazione pesante oppure no? Nel senso anche una copertura in legno va calcolata e depositata presso il genio civile? La ringrazio per la delucidazione cordiali saluti, andrea
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-26 10:25
Certo Andrea, senza alcun dubbio.Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ivano 2018-05-25 14:54
Volevo aggiungere se occorre chiedere permesso o rientra nella manutenzione ordinaria
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ivano 2018-05-25 14:40
Buongiorno ,cortesemente vorrei sapere per la sostituzione della recinzione privata con materiali diversi ai fini della detrazione fiscale cosa occorre presentare.grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-25 10:35
Buongiorno,
Vorrei rifare l'impianto idraulico in bagno e sostituire pavimenti e sanitari. Occorre qualche richiesta per usufruire delle agevolazioni fiscali? I lavori li farà una ditta.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-25 11:14 Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-24 13:35
Davvero complimenti, un articolo completo e molto chiaro. Grazie! Laura
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-24 15:50
Grazie mille Laura. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# mariano 2018-05-22 18:53
in qualità di comodatario di un appartamento di proprietà della madre con la presente
CHIEDE
delucidazioni riguardanti le agevolazioni fiscali relativamente ad opere di manutenzione da realizzarsi nel suddetto appartamento.
Le opere di che trattasi saranno nella fattispecie la sostituzione di una stufa a legna con stufa a pellet e installazione di impianto solare termico. La stufa a pellet avrà le caratteristiche di riscaldamento a mezzo termosifoni e acqua calda sanitaria.

1. Di quali agevolazioni fiscali è possibile beneficiare?
2. Quale aliquota iva è prevista(4%)? In caso di aliquota agevolata, i materiali dovranno essere acquistati direttamente dalla ditta esecutrice dei lavori? È necessaria inoltre documentazione specifica per l’applicazione dell’iva agevolata? Esiste un fac-simile a riguardo?
3. Se si accede ai benefici del conto termico è possibile anche portare in detrazione le spese? E se è sì, quali?
4. Quali documenti sono necessari per avviare la pratica e accedere ai benefici fiscali?
5. Per tali lavori si può accedere al cosiddetto bonus mobili?
6. Come andranno fatti i pagamenti? E, nel caso si possa accedere al bonus mobili, il pagamento di questi ultimi come dev’essere effettuato?
7. Infine, il contratto di comodato d’uso dell’appartamento dev’essere registrato o non è necessario?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-23 10:37
1. Risparmio e ristrutturazione
2. Si. Nessuna documentazione.
3. Conto termico: deve chiedere a chi se ne occupa.
4. Enea per risparmio, nessuna per ristrutturazione
5. Si
6. Scritto nell'articolo
7. Certo
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-23 11:23
grazie ingegnere sempre chiaro ed esaustivo.
Se ho capito bene dovro' farmi applicare l'iva al 4% dalla ditta esecutrice dei lavori che acquistera' al 22%, e sara' sulla differenza tra importo complessivo dei lavori e costo dei beni significativi.
Queste opere di intervento sono da definirsi manutenzione straordinaria? Cosa dovra' essere aperto CILA o altro?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-21 12:33
Buongiorno Ingegnere
il mio architetto ha presentato cila al Comune di Bergamo per l'effettuazione di lavori di "risanamento conservativo" (così ha scritto il mio architetto) . Ora il comune dice che non va bene cila ma bisogna fare SCIA in quanto tra le opere c'è la sostituzione di una scala interna che vogliamo fare in ferro a nastro, considerandola una ristrutturazione PESANTE. Secondo lei è corretto? In questo caso eventualmente dobbiamo attendere l'autorizzazione per iniziare i lavori? ed eventualmente che differenza di costi o detraibilità ci sono?
la ringrazio anticipamente per la risposta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-21 16:09
Dipende dalle caratteristiche della scala e/ o dai regolamenti regionali. In Toscana, ad esempio, per le scale con larghezza del gradino minore di 1 m non occorre il deposito al genio civile e quindi vanno in cila (vedi articolo studiomadera.it/.../...). Per i costi deve pagare qualche centinaio d'euro in più al comune, mentre per la detraibilità non cambia nulla (vedi articolo studiomadera.it/.../...) . Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-21 11:04
Salve io sono in una situazione un pò particolare e , nonostante la esaustive indicazioni dell'articolo, non riesco ad orientarmi.
Io devo abbattere una parete non portante fra due immobili attigui uno intestato a me e uno a mia moglie.
La CILA dovrebbe essere sufficiente giusto?
Grazie
Massimo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-21 12:01
Esatto, comunque si legga l''articolo studiomadera.it/.../... per maggiori informazione. Inoltre, il muro, dovrà rispettare le normative in materia acustica. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mario 2018-05-19 22:40
Buonasera ingegnere, avrei tre domande:
1) devo fare una variante al progetto volendo modificare delle tramezzature interne e alcune aperture esterne rispetto al progetto approvato. Posso fare la pratica con la CILA?? Anche se voglio mettere gli infissi in alluminio grigio al posto di quelli in alluminio color legno?
2) su un immobile devo sostituire la vasca da bagno con una doccia con conseguente rifacimento dei rivestimenti e pavimenti. Questi interventi non necessitano di nessuna comunicazione. L''impresa fa il lavoro e io compro il materiale, può quest'ultimo essere fatturato al 10% e può far parte della detrazione del 50%?
3) che in parte avrà la stessa risposta del precedente. Ho presentato una SCIA per ristrutturazione che prevedeva vari lavori tra cui la realizzazione del cappotto esterno. Posso comprare io il materiale e beneficiare della detrazione? e l'IVA me la possono applicare al 10 % i fornitori.
Grazie in anticipo per le risposte.
Mario
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-05-20 20:41
1)La variante su una SCIA? Se cosi fosse o chiude la SCIA e deposita la cila o presenta variante alla SCIA (consigliato). Se deve fare delle aperture nuove le consiglio la lettura dell'articolo studiomadera.it/.../... per chiarirsi le idee.
2 e 3) La detrazione si, per l'iva al 10%, a fornitura la deve acquistare la ditta l!!!
Buonaserata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-18 23:03
buonasera Ingegnere Madera, ho acquistato una casa e dobbiamo fare i seguenti lavori: sostituzione piastrelle parete cucina e pareti bagno, installazione parquet sopra pavimento esistente, cambio sanitari e doccia, buttare giù un tramezzo tra cucina e sala, installazione caminetto e canna fumaria che si appoggerà ad un pilastro esistente, vorrei sapere se devo presentare una CIL, una CILA o una SCIA
grazie mille
Erika Renzetti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# gv 2018-05-17 17:08
Buonasera, è vero che la CILA, da parte del comune è soggetta a controlo per estrazione a sorte?
E detto iter deve essere pubblicato e reso visibile sul sito del comune stesso??
Ho visto che sul comune di Empoli vi è una apposita sezione, dove viene indicato chi è stato estratto a sorte in % sulle cil/cila presentate e quidni soggette a controllo..Questo è l'iter che ogni comune dovrebbe adottare, oppure è solo questo comune che per trasarenza e responsabilità del proprio operato informa tutti sui controlli che esegue mensilmente?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2018-05-16 14:04
Buongiorno Ing.Madera ,
Ho acquistato un immobile e dovrei effettuare diversi lavori come ad esempio pavimentazione sopra esistente , sostituzione infissi di con materiale differente da quelli presenti , sostituzione porte, rimozione vasca e modifica per installazione piatto doccia , sostituzione sanitari e piastrelle bagno , tinteggiatura , sostituzione prese elettriche , battiscopa.
Queste attività sono considerate spese per manutenzione ordinaria o straordinaria?
Che tipo di documentazione devo presentare per godere del rimborso al 50% e IVA agevolata al 10%.
Tenga conto che mi avvarrò di artigiani diversi quindi non di una sola ditta.
Alcuni lavori come la sostituzione delle prese, tinteggiature e battiscopa riesco ad effettuarli in autonomia. per queste attività è possibile acquistare i materiali e presentare la fattura indicante i miei estremi?
Grazie mille
Saluti
Paolo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-16 16:56
Se ha più imprese (no autonomi) ha bisogno della sicurezza: le consiglio la lettura dell'articolo studiomadera.it/.../....
Tutto al 50% e iva al 10%.
Certo, il 50% è valido anche per i lavori in economia, l'iva al 10% no
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# nicolino 2018-05-16 12:41
Buongiorno Ing. Madera,
dovrei far eseguire dei lavori di completamento di un immobile in corso di costruzione. Nello specifico benché siano già presenti le finestre e porte esterne andremo a pavimentare l'intero appartamento, rivestire cucina e bagni, installare i sanitari e cosa molto importante da fare esternamente coibentare il tetto più nuovo manto di impermeabilizzazione (non sono presenti le tegole). Le chiedo se secondo lei nonostante non sia accatastato come immobile ultimato si può parlare di ristrutturazione e quindi usufruire delle agevolazioni del 50%. In più è necessaria la CILA? Grazie in anticipo per la risposta e per i vostri articoli utilissimi e chiarissimi!
Nicolino
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-16 13:00
Secondo me, è nuova costruzione. Detto ciò tentar non nuoce, andrei all'agenzia delle entrate a chiedere.
Si Cila....
Le consiglio la lettura dell'articolo sulla scelta dei sanitari...https://www.studiomadera.it/news/143-sanitaricostiprezzi
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-15 22:37
Salve, ho comprato casa, dovrei rifare interamente bagno e cucina, levigare parquet e marmo, tinteggiare e rifare impianti gas, acqua e corrente elettrica.
Oltre all'IVA al 10, posso godere delle agevolazioni del 50%?
Su tutto l'importo?
Devo avvalermi di un tecnico per la pratica?
Bisogna avere un responsabile della sicurezza?
Ringrazio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing, Madera Vincenzo 2018-05-16 08:42
Si su tutto.
Si della Cila.
Per la sicurezza le consiglio la lettura dell'articolo: www.studiomadera.it/.../.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# monica 2018-05-15 19:15
Monica
Buongiorno, andrò' a sostituire gli infissi esterni con altro materiale ma stesso colore esterno dei precedenti ( approvati dal regolamento condominiale), basta Cila ? e posso usufruire del bonus mobili ? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-15 20:48
Nessuna comunicazione. Esiste un dibattito circa la necessita o no della legge 10...legga l'articolo per chiarirsi le idee...www.studiomadera.it/news/71-legge10.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Monica 2018-05-17 21:44
E per quanto riguarda il bonus mobili ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giovanni 2018-05-15 08:38
Buongiorno, circa la sola sostituzione degli infissi esterni con infissi nuovi di materiale diverso, occorre Cila o scia o altro? E l’iva come viene calcolata? Trattasi di privata abitazione.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-15 14:02
Nessuna comunicazione. Esiste un dibattito circa la necessita o no della legge 10...legga l'articolo per chiarirsi le idee...http://www.studiomadera.it/news/71-legge10
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-14 13:44
Buongiorno, ho un app.to in stabile condonato (2003) ma mai ultimato (catastalmente F3) al rustico. Che pratica devo far istruire per il completamento (diverso da quanto rappresentato nella domanda di condono, negli ambienti e servizi igienici)? La SCIA per ristrutturazione edilizia (dal momento che gli impianti tutti e gli infissi saranno ex novo) o la CILA per manutenzione straordinaria leggera (non toccando alcuna parte strutturale)?? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-14 20:16
Attenzione, per procedere in questi casi conviene confrontarsi con il comune. Conviene chiudere la pratica in qualche modo..Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# g 2018-05-14 11:39
Buonasera ingegnere, a fine mese mi appresto a fare ristrutturare il mio appartamento e a tal proposito Le chiederei gentilmente alcuni chiarimenti in merito all' applicazione delle aliquote Iva. L'impresa che mi ristruttura l'immobile e con il quale stipulo il contratto di appalto mi fornirebbe solamente la mera manodopera (demolizioni, tracce ecc..) con Iva al 10% La domanda principale e' la seguente: Affinché la ditta principale non mi ricarichi i prezzi di beni finiti quali infissi, caldaia, condizionatori, parquet, zanzariere, posso acquistarli direttamente come committente con l'aliquota al 10%? Inoltre, posso chiedere fatture dalle varie ditte (idraulico, elettricista) con la medesima aliquota per le sole prestazioni di servizi? La ringrazio anticipatamente e le faccio i miei più sinceri complimenti per il suo sito sempre molto esauriente. Cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Antonello 2018-05-14 10:39
Buongiorno,
per la ristrutturazione completa di un bagno (sostituzione impianto idraulico, piastrelle e sanitari) senza modifica di volumetria e pareti, quale autorizzazione occorre? Essendo il bagno da ristrutturare in appartamento posto in un condominio, non vorrei avere problemi con il resto dei condomini.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-14 10:44
Salve Antonello,
dipende dal Comune e quindi dalle prescrizioni del regolamento edilizio. A livello nazionale consiglio la lettura dell'articolo studiomadera.it/.../....
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# TINA 2018-05-14 09:24
Buongiorno,
la mia casa era sprovvista di muro di recinzione in quanto al momento della costruzione ho provveduto solo a costruire la base perimetrale ( scusate il termine magari non tecnicament4e corretto ) alta 30 cm limitandomi a cintare la costruzione con rete metallica piantando una siepe che negli anni crescendo praticamente è diventata una recinzione naturale. Unici due punti ancora " aperti " erano le parti in cui icancelli scorrono non potendo in tal punto piantare la siepe .In fase di manutenzione della base perimetrale di 30 cm ( si staccava il marmo di rivestimento ) ho pensato di contruire due muretti altti 1,20 metri che si estendono tra la colonnina dei cancelli e l' inizio delle siepi. Ho provveduto altresì a installare dei giochi per i bambini nel giardino ( una mini area ludica ) . Avrei dovuto presentare la CILA ? E' in corso un confronto con l ' ufficio tecnico locale il quale vorrebbe sanzionarmi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# sxqNR 2018-05-14 11:51
preciso : la recinzione era indicata in fase progettuale ( 2007 ) ma loro sostengono che avendo presentato una recinzione in metallo ( questo prevedeva il progetto depositato )MA avendo costruito SUCCESSIVAMENTE ( 1 settimana fà..) in pratica 2 muretti non rientro nel nuovo decreto di EDILIZA LIBERA ( peraltro l' elenco dei lavori citati NON è ESAUSTIVO ) . Concordate ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-14 10:06
La pratica necessaria dipende dal regolamento edilizio comunale. Sicuramente avrebbe dovuto comunicare la recinzione.
Invece le aree ludiche dovrebbero essere esenti da comunicazione (vedi articolo studiomadera.it/.../...). Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gegio 2018-05-09 11:11
SALVE, RIFACIMENTO DELLA FACCIATE CON AGGIUNTA DEL CAPPOTTO SU TRE LATI, SOSTITUZIONE DEL MANTO DI COPERTURA DOVE NECESSARIO E DELLA PENDENZA DI UNA FALDA DEL TETTO NON EVIDENTE ALL'ESTERNO IN QUANTO C'è UN PARAPETTO IN CA SUL PERIMETRO (E QUINDI NON SI MODIFICA L'ASPETTO ESTERIORE DELL'EDIFICIO QUALE PRATICA? CILA O SCIA?CONSIGLI?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing.Madera 2018-05-13 21:36
Scia..nell'installare il cappotto verifichi le schede di corretta posa..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# gv 2018-05-08 19:04
buonasera
è mai possibile che la stessa tipologia di intevrenti richieda titoli abilitativi differenti da comune a comune, stessa regione ma province differenti.
Trasformazione di una porta a porta finestra e ingrandimento di una finestra, entrambe su muri perimetrali portanti a comune con altro unico proprietario confinante .
Il comune di Empoli , mi ha chiesto la scia quello di San Miniato è bastata la cila. e ripeto gli interventi da realizzare sono identici.
A chi posso rivolgermi per sapere quale dei due enti, sta errando l'interpretazione della norma?
saluti e grazie
Gv
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-08 19:28
Certo...E' possibile sia per motivi legali (oggettivi) che interpretativi (soggettivi)...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-08 14:51
Buongiorno,
Avrei un chiarimento sulla documentazione da presentare per usufruire delle detrazioni fiscali collegate ai lavori rientranti nell'edilizia libera. Il Sole 24 ore parla di una semplice Dichiarazione Sostitutiva dell'Atto Notarile da allegare alle fatture per la pratica sulle detrazioni. La mia domanda è: questa dichiarazione è da farla protocollare nel proprio Comune (in modo da avere una data certa nel documento) oppure basta solo firmarla, datarla e custodirla tra le fatture?
Prima dell'entrata in vigore dell Edilizia Libera molti commercialisti al momento di procedere alla pratica sulle detrazioni chiedevano al cliente un documento presentato in comune (C.I.L.A. S.C.I.A. ) anche se questi non erano necessari per il tipo di lavori eseguiti.
grazie mille e attendo vostra risposta.
grazie mille
Andrea
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Kia 2018-05-08 13:55
Buongiorno. Per fare cancelli nuovi, marciapiede e solo alcune grondaie nuove, serve la cila? Scrivo dal veneto, grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# kia 2018-05-08 14:15
dimenticavo la casa è mia proprietà. io credo che rientri nella manutenzione ordinaria e quindi non è necessaria la CILA, esatto ? ringrazio per risposta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# kia 2018-05-08 16:05
ovviamente io desidero ottenere delle detrazioni fiscali...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mike 2018-05-08 11:42
Per realizzare un ripostiglio in quota si fa la CILA o la SCIA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-08 12:51
Dipende dalla superficie.Se deve realizzare un solaietto SCIA , altrimenti cila. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mike 2018-05-08 13:06
La superficie è 2,10 x 2,25 cm.
Vorrei realizzare un ribassamento sopra tutta la zona ingresso, appoggiato su 3 travette di acciaio (4x6 cm lunghe 2,20), ancorate a due pareti dell'ingresso stesso.
L'altezza utile del ripostiglio sarebbe meno di un metro, per questo sono in dubbio tra cila e scia.
Rientra nella accezione di 'solaietto'?
Grazie del consulto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mario 2017-12-17 16:17
Gentilissimi,

solo un piccolo chiarimento.
La settimana prossima dovrei presentare la Cila per iniziare i lavori, ma non intendo pagare nulla fino a fine anno per gli stessi,

Posso, alla luce della sola CILA, acquistare parte dei mobili già nel 2017 (una parte) e completare le spese (ristrutturazione + altri mobili) nel 2018?

Mi consigliate di gestire divresamente queste tempistiche per usufruire dei bonus o semplicemente posso pagare in anni diversi e gestire 2 diversi periodi di imposta?

Grazie in anticipo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco Napolitano 2017-12-12 13:26
Buongiorno Ing. Madera.
Sto effettuando una ristrutturazione totale con data apertura cantiere inizio ottobre 2017, regolarmente denunciata al comune per l'apertura della pratica CILA, con conseguente comunicziobe all'ASL da parte del preposto alla sicurezza, eletto per contemporaneità di imprese nel cantiere. Volevo chiederle se relativamente il saldo dei serramenti, ordinati con acconto ad ottobre, potrò beneficiare comunque della detrazione al 65% pur saldando a gennaio 2018, a seguito della posa da parte del venditore, che chiede il saldo entro fine anno per non perdere appunto il beneficio, affermando che da gennaio potrò detrarre solo il 50%.
In pratica, l'acconto al 65% ed il saldo al 50%?
Grazie
Francesco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# mara 2017-12-12 09:51
ing.madera buongiorno e grazie per la risposta. non ho però ben capito cosa vuol dire. in pratica devo rifare la linea fognatura del mio stabile. si tratta di una proprietà privata e non di un condominio perché sono proprietaria di tutto lo stabile. posso chiedere iva 10% e agevolazione irpef 50%?grazie mara
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# mara 2017-12-11 18:38
devo rifare la linea fognatura del mio stabile. e proprietà privata e non condominiale. posso chiedere iva 10% e agevolazione irpef 50%?grazie mara
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-12-11 20:22
Bisognerebbe esaminare e approfondire il caso, siano al limite..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Elisa 2017-12-11 15:13
Buonasera, ho da poco acquistato un appartamento a Roma. Dovrò rifare completamente gli impianti: elettrico, idraulico, termico e gas, probabilmente anche gli infissi ed aggiungere le grate. Che pratica devo fare?
Dovrei anche fare un piccolo soppalco in bagno (1,50 mq alto solo 70 cm).
La ringrazio in anticipo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo 2017-12-11 15:19
CILA
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2017-12-10 16:19
Buongiorno,
settimana prossima entro in possesso della mia prima casa in provincia di Roma.

Dovrei fare i seguenti lavori:
- demolizione e rifacimento di un muro (per spostamento porta);
- tinteggiatura;
- pavimentazione.

Può bastare per rientrare nel bonus edilizia ed arredamenti (soprattutto)?
Posso fare una Cila ed iniziare direttamente oppure serve qualcosa di più complesso?

Grazie in anticipo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo 2017-12-10 16:43
Salve,
Rientra nella Cila, e può detrarre mobili e lavori. Saluri
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2017-12-17 15:35
Grazie mille. Ma leggevo che è necessaria l'asseverazione del
tecnico. Vuol dire che il tecnico deve
dare l'ok prima che io inizi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Staff Madera 2017-12-17 17:55
Si, occorre la pratica
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Matteo 2017-12-05 23:28
Buongiorno, per l'apertura di una finestra su parte comune non condominiale (autorizzata dai comproprietari della stessa) in area non di vincolo, è sufficiente la cila? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2017-12-05 09:08
Giovanni
Ho presentato una cila per impianti tramezzi e controsoffitti , se nel corso dei lavori cabio l'altezza del controsoffitto in alcuni locali da mt 2,5 a 3,20 come di devo comportare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo 2017-12-07 12:21
Io presenterei una nuova CILA, non esistono varianti. Ing. Vincenzo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Frenna Andrea 2017-12-01 02:32
Salve a tutto lo staff, volevo un parere inerente all'edilizia libera.
Premesso che a seguito della sentenza della corte costituzionale del 26/09/2017 è stato dichiarato illegittimo l'art. 3 comma 2 lettera f) della L.R. 16/2016 della regione SICILIA, in cui si permetteva di realizzare impianti fotovoltaici e solari temici (al di fuori dalla zona A) senza alcun titolo abilitativo;

Se oggi volessi installare un impianto solare o fotovoltaico come dovrei comportarmi? che pratica dovrei presentare al comune?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Staff Madera 2017-12-01 16:55
Gentile Collega,
Ogni Regione ha le sue regole in merito, conviene chiedere un consiglio al comune. Mi dispiace non esserLe d'aiuto. Qui su Firenze, chiedono la CILA.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# FRANCESCO 2017-11-28 23:36
Egr. Staff Madera, ho un dubbio che mi attanaglia e che non riesco a togliermi anche grazie alla complessità dell'argomento: ho realizzato qualche mese fa una demolizione di parte del tramezzo ( circa metà ) senza fare alcuna comunicazione; adesso sto per firmare un preliminare di compravendita e mi sono venuti dei dubbi: anche se la vendita avverrà senza mutuo, cosa mi consigliate di fare? preciso che più di metà del tramezzo è rimasto così com'era al punto che dalla planimetria nemmeno si evince una modifica.
Più che altro il dubbio che ho è se l'intervento sia totalmente libero o soggetto a Cila.
Grazie per quanto saprete rispondermi.
Francesco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo 2017-11-29 12:14
Gentile Francesco,
prima di tutto, da che città ci scrive? In molte regioni è prevista la relazione tecnica di compravendita (per approfondire www.studiomadera.it/.../) e quindi non avendo la conformità urbanistica, potrebbe non poter procedere con l'atto. Detto questo, se si tratta di semplice tramezzo con funzione di divisorio dovrebbe sanarlo con una cila pagando una piccola sanzione altrimenti se è strutturale le cose si complicano. In alternativa ripristini la situazione allo stato depositato. Comunque mi contatti pure telefonicamente se ha dei dubbi..
Saluti Ing. Vincenzo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Carmen 2017-11-16 17:51
Buonasera ho un immobile di mia proprietà da ristrutturare,lo stesso si trova in una zona a rischio idrogeologico nonche soggetto a vincoli paesaggistici aeroportuali.la mia domanda è per ristrutturazione,intendendo wuindi rifacimento tetto con rimozione amianto,tinteggiatura pareti esterne è possibile chiedere la Cila???grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Arch. Rosa 2017-11-16 18:12
Buonasera, la Cila può essere presentata esclusivamente se l'intervento non interessa gli elementi strutturali dell'edificio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Titti 2017-11-03 07:21
Salve sto effettuando con urgenza lavori di ristrutturazione impianti bagno e cucina a causa di una perdita devo presentare la cila per beneficiare del recupero del 50% delle spese sostenute oppure sono sufficienti i bonifici parlanti Con le relative fatture? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Staff Madera 2017-11-03 08:47
Dipende dal regolamento comunale per quanto riguarda la pratica comunale da realizzare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Titti 2017-11-03 13:38
Su indicazioni del commercialista e dell'architetto ho deciso di presentare la cila per non rischiare che mi venga rigettato il rimborso col 730
Crede avrò difficoltà ad inserire i bonifici parlanti e le relative fatture che hanno data anteriore alla cila? Ho dovuto versare un acconto per bloccare prezzo preventivo e prenotare la ditta grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco 2017-10-27 20:22
Salve con una cila in sanatoria a lavori non ultimati è possibile sfruttare lo stesso le detrazioni fiscali?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-10-31 11:08
Salve,
io consiglierei di chiedere ad un commercialista per essere sicuri. Pare certo che, se fattura oggi, può detrarre, per il semplice fatto che può utilizzare la procedura con bonifico parlante. Per lavori fatturati in passato, non è possibile sicuramente.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# VITO 2017-09-22 11:12
Buongiorno, vorrei un chiarimento di carattere generale.
Mi accingo ad affidare i lavori di ristrutturazione completa del bagno principale (rimozione pavimenti e rivestimenti, rimozione e rifacimento impianti idrico di adduzione, di scarico ed elettrico, sostituzione e nuova posizione sanitari, posa di nuovi rivestimenti e pavimenti, sostituzione di infisso esterno, realizzazione di controsoffitto in cartongesso) e qualche altro intervento nell'appartamento quali pitturazione e installazione di impianto di condizionamento per due ambienti.
Vorrei sapere se, per la regolarità amministrativa e ai fini della pratica per detrazione fiscale, per dette opere come su descritte è necessario procedere con una CILA oppure non c'è bisogno di fare nessuna comunicazione all'Ufficio Tecnico? E' vero, come mi sembra di aver letto da qualche parte, che la CILA può anche essere rigettata se detti interventi non ricadono nell'ambito di applicazione della comunicazione obbligatoria?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Staff Madera 2017-09-22 11:21
Salve Vito,
bisogna prima di tutto conoscere le prescrizioni del regolamento Comunale. A prescindere, di solito, le pratiche vengono rigettate o rifiutate se considerate di ordine inferiore (presento una CILA, ma per l'intervento rientrava tra i casi soggetti a SCIA). Se presenti una Cila, se non espressamente dichiarato nei regolamenti, non può dirti niente nessuno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# VITO 2017-09-22 11:35
Bene, a questo punto si tratta di capire se i lavori come su descritti si posso eseguire liberamente, senza CILA (che comunque ha dei costi), e se questo conferma l'efficacia della pratica per la detrazione fiscale.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-09-25 10:30
Buongiorno Vito,
se realizza il controsoffitto, stia attento a non scendere sotto i 2,7 m negli ambienti quali soggiorno, camere etc, mentre in bagno, ripostiglio etc. fino a 2,4 m. Se realizza il controsoffitto occorre una CILA, e quindi un tecnico, inoltre per i climatizzatori occorre la relazione energetica ex legge 10 (legga la breve guida studiomadera.it/.../71-legge10) e l'aPE. Buon proseguimento
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Federica 2017-09-20 15:16
Buongiorno, la sostituzione della guaina nel lastrico solare di un condominio e il rifacimento dell'intonaco in una stanza rientrano nelle attività di edilizia libera, quindi sono lavori non soggetti ad alcuna pratica edilizia, vero?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Arch. Madera 2017-09-20 15:18
Buongiorno Federica,
Prima di tutto, quante imprese realizzeranno il lavoro? Se sono più di due, occorre il coordinatore per la sicurezza (e quindi un tecnico) per l'installazione della guaina bituminosa.
Ti segnalo un link molto utile sulla scelta delle imprese e i documenti da richiedere (www.studiomadera.it/.../).
Per la guaina, una CIL (non occorre la firma del tecnico) la depositerei, anche se siamo nelle more del Decreto SCIA, quindi contatterei lo sportello dell'edilizia. Il comune potrebbe aver legiferato in tal senso, quindi occorre controllare anche il regolamento comunale.
Per tinteggiare non occorre alcuna pratica.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Danilo 2017-09-18 15:31
Per opere soggette a cila, che non hanno comportato variazione catastale, in caso di mancata comunicazione di fine lavori a quanto ammonta la sanzione?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing, Madera 2017-09-18 15:32
Non è prevista la fine lavori formale per la cila, quindi non vedo perchè dovrebbero sanzionarla
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mary 2017-09-12 16:29
Spett.le Ing. Madera,
ho un appartamento alto 2,5 m come da concessione del 1969. Vorrei spostare un divisorio in foratini. Realizzando questo intervento, considertando l'altezza al di sotto dei 2,7 m, perdo l'abitabilità?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-09-12 16:36
Partiamo dal presupposto che l'immobile è civile abitazione (mi corregga se sbaglio). Stia attendo alla aereazione dei nuovi ambienti e ai requisiti in generale. Dettò ciò l'altezza è ininflunete, in quanto realizzata come da concessione (presumo precedente al 75)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Marco 2017-09-12 16:23
Ho presentato per un cliente una sanatoria di un fabbricato accessorio , in seguito ad un parere negativo dell'asl il comune respinge la sanatoria e ordina la demolizione , il cliente non ha ancora ottemperato ( anche perché prevedevamo di eseguire la modifica e poi ripresentare la sanatoria ) in caso di sopralluogo da parte della POlizia Municipale , il sottoscritto rischia qualcosa ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-09-12 16:26
Nessuna reponsabilità. Per maggiore tutela, invii una raccomandata al Suo cliente dove sollecita ad ottemperare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alessandro 2017-09-11 11:00
è possibile realizzare un piccolo soppalco non strutturale che comporta aumento di SUL con la cila (tipologia intervento restauro e risanamento conservativo)?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-09-11 11:01
Il soppalco è opera strutturale, quindi già sufficiente per andare in SCIA. Inoltre è intervento comportante aumento di superficie, quindi la CILA non è idonea, bensì la SCIA...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Architecto 2017-09-11 10:57
Per opere soggette a cila, che non hanno comportato variazione catastale, in caso di mancata comunicazione di fine lavori a quanto ammonta la sanzione
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Staff Madera 2017-09-11 10:58
Non è prevista la fine lavori formale per la cila, ma occorre visionare i regolamenti comunali
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# G. 2017-09-09 13:35
Buongiorno,
Io devo cambiare le grondaie e alcune tegole,rifare gli imp­ianti, spostare una parete del bagno e aprire dei varchi nel­la parete che divide soggiorno e cucina. Rientro nel'edilizia libera?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Arch. Madera 2017-09-09 13:38
Buongiorno, se il muro divisorio é portante occorre una Scia, altrimenti ricade in Cila. Ha bisogno comunque di un tecnico asseverante. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2017-09-07 16:09
Citazione:
purchè una e solo una sia dichiarata al catasto/ufficio tecnico (responsabilità a carico del proprietario)
Ma chi l'ha detto? ma dov'è la norma che lo vieta? il DM 28/98, si ferma al primo paragrafo, quello della cucina che costituisce "elemento funzionale che la rende potenziamente autonoma" chi l'ha inserito?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-09-07 12:13
Citazione:
si è vero, un unità può avere più cucine purchè una e solo una sia dichiarata al catasto/ufficio tecnico (responsabilità a carico del proprietario). Ma per le utenze, idrico/elettrico/gas purtroppo un contratto corrisponde a una sola unità immobiliare. Se si esige di piu di una utenza, lì bisogna praticare un frazionamento immobiliare per cui da una unità ne nascono due.
Saluti

Ognuno può far quel che vuole in casa, la legge però dice così
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Melloni 2017-09-06 12:21
Quesito: un confinante ha una finestrina di 30 cm di larghezza e 50 cm di altezza con parapetto interno 110 cm che si "affaccia" sulla proprietà di un mio cliente, può ampliarla quanto vuole? Adesso non può fisicamente affacciarsi ma se la amplia...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-09-06 12:23
Da quanto tempo è presente? Bisogna vedere la legittimità. Si può intendere come luce o affaccio?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2017-09-01 19:36
Citazione Ing. Madera:
, lo stesso dobbiamo fare per un sifone del lavabo , lo stesso dicasi per uno split, lo stesso dicasi per un radiatore, un salvavita etc (sono tutte parti di impianti tecnologici) ..

No.. attenzione, un conto è la componente essenziale dell'impianto, che così come il rifacimento totale di quegli impianti citati necessitano di un titolo abilitativo (CILA O SCIA), le opere che cita lei sono ordinaria manutenzione per le quali non occorre nessun titolo abilitativo. Io comunque non rischio e l'ho presentata così come prevede la circolare dell'Agenzia, non so lei, se il cliente vuole rischiare si rivolga altrove, io come tecnico non posso effettuare nessuna direzione lavori di opere di manutenzione straordinaria realizzate senza titolo abilitativo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Anonimo2 2017-08-31 13:48
SOSTITUZIONE CALDAIA: NON SONO OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA!
Buongiorno, mi ha girato il link di questo sito un fiscalista che, dopo averlo letto, ritiene che la sostituzione di una caldaia rientri tra le opere di manutenzione ordinaria. La inviterei a rettificare quanto scritto, perché già prima ed oggi meglio ancora, la classificazione di detti lavori rientra tra le opere di manutenzione straordinaria, come indicato nella circolare 3/E del 2/3/20160 dell’Agenzia delle Entrate, ribadita anche nelle istruzioni 2017 (pag.6) della medesima Agenzia per ottenere il bonus mobili. Evitiamo per favore inutili imprecisioni, già abbondanti in rete, dette opere sono soggette come minimo alla presentazione della Comunicazione Asseverata di inizio Attività redatta da un tecnico abilitato alla professione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-08-31 15:53
Buonasera,
una cosa è l'Agenzia delle Entrate, altra cosa è il testo unico dell'edilizia.
L'agenzia delle Entrate ha realizzato una lista di opere CHE CONSIDERA rientranti tra le opere di straordinaria amministrazione al solo fine delle detrazioni fiscali. NON PUò SOSTITUIRSI AL TESTO UNICO.
Il testo unico è interpretabile, anche se in questo caso mi pare chiaro, comunque provi a presentare una pratica CILA al comune per sostituzione caldaia, come minimo le ridono in faccia, giustamente. Poi cosa assevera? Quali allegati deve presentare? A noi tecnici converrebbe presentare le pratiche per queste sciocchezze, ma bisogna essere corretti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Anonimo2 2017-09-01 17:33
Mi perdoni, ma "straordinaria amministrazione" lo sta dicendo lei, qui si parla di opere di manutenzione straordinaria, definizione che il testo unico dell'edilizia individua tra gli interventi edilizi e ai quali l'Agenzia delle Entrate fa riferimento al fine delle detrazioni fiscali. Sono la stessa cosa, non due cose diverse. Il comune ha poco da ridermi in faccia se presento la SCIA o la CILA e finalmente con i modelli unificati ministeriali hanno poco da andare a interpretare. lo tecnico assevero e so cosa sto asseverando, la sostituzione di una componente essenziale dell'impianto di riscaldamento, come prevede la circolare, al pari di analoghe casistiche che riguardino qualsiasi impianto idrico-igienico-sanitario, elettrico, fotovoltaico o climatizzazione. La circolare dell'Agenzia delle Entrate è chiara: senza il titolo abilitativo necessario per l'esecuzione delle opere di manutenzione straordinaria, tra cui queste, perdo la possibilità di ottenere il beneficio fiscale. Voglio vedere un funzionario che si permette di contestarmi una circolare dell'Agenzia delle Entrate con il rischio che poi possa rispondere per i danni causati. Che si mettessero d'accordo agli alti livelli ministeriali se ci sono differenze interpretative, è dal 1978 con la L. 457 che le definizioni sugli interventi edilizi non sono mai cambiati e restano sempre interpretabili e opinabili. In 40 anni questo Stato di inetti non è stato capace di riscrivere e chiarire al meglio due stupide definizioni definizioni...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-09-01 17:55
Ho scritto straordinaria amministrazione ma intendevo manutenzione straordinaria, nella fretta ho sbagliato, mi scuso.
Sul fatto che tocca interpretare ogni virgola e spesso ci sentiamo dire il contrario di quello che leggiamo, mi trova d'accordo. E sono stufo anche io. Discorso che non fà una piega.
Se per una sostituzione caldaia dobbiamo presentare una cila, lo stesso dobbiamo fare per un sifone del lavabo , lo stesso dicasi per uno split, lo stesso dicasi per un radiatore, un salvavita etc (sono tutte parti di impianti tecnologici) .Sono scelte. Posso presentare anche un permesso a costruire per un divisorio. Parli col cliente, poi presenti la pratica e mi faccia sapere....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Anonimo2 2017-09-02 11:26
No, adesso non confondiamo ulteriormente le idee a chi segue il forum, "lo stesso dobbiamo fare per un sifone del lavabo, lo stesso dicasi per uno split, lo stesso dicasi per un radiatore, un salvavita etc (sono tutte parti di impianti tecnologici)", la circolare dell'Agenzia parla di caldaia quale componente essenziale dell'impianto di riscaldamento, quelle parti che lei cita non mi sembra siano parificabili, neanche lontanamente e rientrano nella manutenzione ordinaria. Io la CILA per la sostituzione della caldaia l'ho comunque presentata, il cliente che volesse fare senza, si arrangi con l'installatore e si rivolga poi a chissà chi in caso di decadenza dei benefici fiscali, o contestazioni da parte del Comune che dovrebbe fare rispettare le norme. Io ne sto fuori, non posso effettuare la direzione dei lavori soggetti ad un titolo abilitativo in mancanza dello stesso, è già capitato che per le interpretazioni/elucubrazioni di qualche funzionario comunale, il comune abbia respinto atti che invece doveva accogliere, come è capitato anche il contrario. Giustamente lei, come gli operatori in questo campo siamo stufi di sottostare alle miriadi di interpretazioni contrastanti tra loro, non c'è via d'uscita, lo Stato persevera a non chiarire e le Regioni, Province e Comuni, continuano ad interpretare e regolamentare leggi che dovrebbero essere identiche in tutta ltalia, o tutta Europa visto che ne facciamo parte.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2017-09-04 15:41
Continua a parlare di Agenzia delle Entrate, ma la circolare dovrebbe farla chi legifera in materia edilizia (ogni comune ha molta libertà). L'ADE può chiarire su tematiche fiscali. Detto ciò, una caldaia è fondamentale mentre un radiatore no. A mio parere sono due componenti fondamentali. Ripeto non ci resta che interpretare e agire...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giorgietti 2017-04-04 10:45
Salve,
ho un soppalco in arredo. Appoggia tramite delle travi a terra e non è collegato al muro in nessun modo. Non è segnato in planimetria. Ritiene sia un abuso e quindi da sanare?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Arch. Madera 2017-04-04 10:46
Non esistono" Soppalchi in arredo"!!! Bisogno sanarlo se possibile, occhio alle altezze.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marco Chicchini 2017-04-04 10:40
Buongiorno Architetto,
ho un vano (bagno) condonato di altezza più bassa di quella consentita dal regolamento. Vorrei aprire una porta. Quand'è che perdo l'abitabilità?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Arch. Madera 2017-04-04 10:42
Non bisogna peggiorare le condizioni. Si affidi ad un tecnico.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marco Chicchini 2017-04-04 10:43
Grazie, anche per la celerità
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2017-03-24 14:50
Buongiorno, potrebbe chiarirmi la questione dell'IVA al 10% sulle detrazioni fiscali. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Studio Madera 2017-03-24 14:56
Buongiorno,
cercherò di essere breve: la ditta la paga con l'IVA ridotta al 10%. Sui bene cosidetti significativi, ACQUISTATI DALL'IMPRESA che esegue i lavori, non da LEI, si applica sulla differenza tra il costo totale dell'opera e quello dei beni stessi. Esempio: spesa totale 10000. Costo beni 6000. Iva al 10% solo su 4000 €. Sul resto 22%. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marianna 2017-03-24 14:28
Salve, si possono avere due cucina nella stessa unità immobiliare, e due contatori?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Arch. Madera 2017-03-24 14:29
Buonasera Marianna,
Solo una cucina, i contatori possono essere più di uno. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2017-07-18 16:12
dove sta scritto che in una uiu debba esserci non più di una cucina?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera 2017-07-18 16:45
l'art. 2 del dm 28/98 definisce l'unità immobiliare urbana, ovvero:

l'unità immobiliare è costituita da una porzione di fabbricato, o da un fabbricato, o da un insieme di fabbricati, ovvero un'area che, nello stato in cui si trova e secondo l'uso locale, presenta potenzialità di autonomia funzionale e reddituale.

in tal senso, la cucina rappresenta elemento funzionale che rende l'unità immobiliare potenzialmente autonoma sia da un punto di vista reddituale che funzionale.

Qui su Firenze non accettano due cucine, perchè sono viste come un frazionamento di fatto, ma non dichiarato. Lo stesso dicasi per il catasto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Anonimo2 2017-08-31 13:54
Mi spiace, ma il Comune di Firenze non è depositario della verità. Posso avere una villa megagalattica con 10 cucine e nessuno impedirmelo considerando l'edificio come unica unità immobiliare. Ho accatastato negli anni alcune ville storiche costituenti di fatto un'unica unità immobiliare aventi più di una cucina. Il fatto che l'Agenzia del Territorio le rifiuti mi giunge nuovo. Con quale motivazione se tutti i vani sono collegati e costituiscono un'unica unità immobiliare? Diversa invece è la questione dei contatori, perchè qui allora le utenze sono diverse e non si spiegherebbe detta necessità, se non per eludere altre norme, fiscali in particolare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2017-09-07 11:46
si è vero, un unità può avere più cucine purchè una e solo una sia dichiarata al catasto/ufficio tecnico (responsabilità a carico del proprietario). Ma per le utenze, idrico/elettrico/gas purtroppo un contratto corrisponde a una sola unità immobiliare. Se si esige di piu di una utenza, lì bisogna praticare un frazionamento immobiliare per cui da una unità ne nascono due.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ludovica 2017-03-24 14:21
Salve Ingegnere,
se realizzo una cucina, intesa come mobile, in muratura, devo segnalarlo mediante una pratica. Il mio tecnico dice così, mi sembra una cosa assurda.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo 2017-03-24 14:25
Salve Ludovica,
bisogna avere buon senso. E quando cambia cucina fa un'altra pratica? Non scherziamo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

     vincenzo madera                    

Autore: Vincenzo Madera - Ingegnere

 facebook   linkedin

Laureato all'Università degli Studi di Firenze.

Dal 2014 co-titolare dello Studio Madera. 

Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia. Copywriter

Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse, Moca caffè. 

 

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo